Bmw, Ford e Land Rover: dal Regno Unito arrivano buone notizie

Bmw, Ford e Jaguar Land Rover beneficeranno nei prossimi anni di finanziamenti del governo inglese per lo sviluppo delle nuove tecnologie

di Andrea Senatore, pubblicato il
Mini Bmw

Bmw, Ford e Land Rover sono tre delle principali case automobilistiche che beneficeranno di ingenti finanziamenti da parte del governo inglese.  La Gran Bretagna infatti ha assegnato 110 milioni di sterline (136 milioni di dollari) per aiutare la produzione di batterie per veicoli elettrici, tra cui un progetto per costruire un secondo impianto per la produzione di batterie elettriche appositamente realizzato nel paese e un altro per rendere la tecnologia ancora più efficiente.

 

Il finanziamento riguarda in totale 38 progetti, tra cui 62 milioni di sterline sono destinate per le auto con basse emissioni e 31 milioni di sterline per i veicoli a guida autonoma. Questo finanziamento dovrebbe contribuire a proteggere quasi 2.400 posti di lavoro, secondo quando rivelato martedì dal Dipartimento per gli affari, l’energia e la strategia industriale. Il denaro è parte di uno sforzo per identificare e coltivare le industrie del futuro nel momento in cui il Regno Unito si tirerà definitivamente fuori dell’Unione europea, mettendo a rischio i legami commerciali con gli altri paesi europei.

 

Tra i destinatari vi è, oltre a Ford, Bmw e Land Rover, anche il team di Formula Uno Williams. La società ha ricevuto finanziamenti per il suo Advanced Propulsion Center (APC) dove realizzerà le batterie per le case automobilistiche come Aston Martin. “Il progetto svilupperà ulteriormente le batterie disponibili, al fine di superare le lacune significative che questa tecnologia presenta nel Regno Unito”, ha detto Jon Beasley, Director of Technology and Projects. 

 

I fabbricanti d’automobili fanno a gara per costruire automobili più ecologiche e migliorare i tempi di carica, nel tentativo di soddisfare la crescente domanda dei clienti e soddisfare gli obiettivi dei governi sulla qualità dell’aria, ma alla Gran Bretagna manca una sufficiente capacità produttiva, per questo il governo inglese ha deciso di intervenire con questi finanziamenti.

 

Aston Martin la settimana scorsa ha iniziato a lavorare su un nuovo stabilimento in Galles , che inizierà la produzione del crossover elettrico DBX nel 2019. Mini,  marchio del gruppo BMW  deve decidere quest’anno se costruire il suo primo modello elettrico presso lo stabilimento di Oxford. Jaguar Land Rover ha detto che vuole costruire auto elettriche nel Regno Unito , ma il suo primo EV, il SUV I-Pace, sarà costruito dalla Magna Steyr in Austria. Nissan costruisce batterie e il suo modello elettrico Leaf  a Sunderland, ma altri hanno scelto di costruire i loro modelli a basse emissioni altrove.

Leggi anche: Bmw, la prima vettura totalmente autonoma arriverà nel 2021

 

Bmw

Bmw

 

Leggi anche: BMW X3 2017: il lancio dietro l’angolo, prima mondiale a giugno, ecco i motori

 

 

” Le auto a basso consumo e senza conducente sono il futuro e come governo siamo in dovere attraverso una corretta strategia industriale di puntare su queste nuove tecnologie e mettere il Regno Unito in prima linea in questa rivoluzione”, ha detto Clark in un’email. “Gli investimenti in questa tecnologia sono parte integrante degli sforzi di questo governo per garantire al settore auto del Regno Unito di restare competitivo nel mondo.”

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: BMW, Ford, Land Rover

I commenti sono chiusi.