BMW e Daimler: la Joint Venture per la mobilità condivisa ottiene l’ok dall’antitrust

A seguito dell'approvazione di tutte le autorità antitrust, i gruppi BMW e Daimler porteranno avanti la propria Joint Venture sulla mobilità condivisa

di , pubblicato il
A seguito dell'approvazione di tutte le autorità antitrust, i gruppi BMW e Daimler porteranno avanti la propria Joint Venture sulla mobilità condivisa

A seguito dell’approvazione di tutte le autorità antitrust, i gruppi BMW e Daimler andranno avanti con la loro società di mobilità congiunta che è posseduta in parti uguali dai due giganti del settore automobilistico. La joint venture offrirà un servizio completo per i propri clienti nel campo della mobilità urbana. Ciò avverrà attraverso un ecosistema connesso e sostenibile che combinerà Car Sharing, Ride Hailing, Parking, Charging e Multimodality.

La Joint Venture per la mobilità condivisa ottiene l’ok dall’antitrust

Ora che l’approvazione è stata data, le due case automobilistiche tedesche cercheranno di chiudere la transazione entro il 31 gennaio 2019 e presenteranno i prossimi passi della nuova compagnia di mobilità nel primo trimestre del prossimo anno.

 Una volta che tutto sarà pronto, gli utenti potranno sperimentare la mobilità multimodale e on-demand.

Le soluzioni di mobilità on demand includeranno il car sharing, il noleggio di biciclette, i taxi e il trasporto pubblico, con una piattaforma che consentirà anche il trasporto privato urbano, compresa la fornitura di automobili come servizio. Nel frattempo, Car2Go e DriveNow attualmente gestiscono 20.000 veicoli in 30 grandi città internazionali e l’idea è quella di contribuire a ridurre il numero totale di veicoli nelle aree urbane.

Con i servizi di ride-ride, BMW e Daimler cercheranno anche di ridurre il traffico all’interno della città consentendo agli utenti di condividere un taxi con un semplice tocco tramite MyTaxi, Chauffeur Prive, Clever Taxi e Beat. Quest’ultimo attualmente opera solo in Sud America, mentre gli altri servizi sono disponibili esclusivamente in Europa. Per quanto riguarda i servizi di parcheggio e ricarica , si concentreranno principalmente sulla facilità di accesso per i clienti europei e nordamericani.

Leggi anche: I conducenti di BMW, Audi e Mercedes sono i più pericolosi sulle strade del Regno Unito

Bmw e Daimler: le due case automobilistiche tedesche hanno ricevuto dall’antitrust il via per la nuova joint venture sulla mobilità condivisa

Leggi anche: Fiat Chrysler avrebbe avuto contatti con Geely prima dell’accordo dei cinesi con Daimler

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,