Binotto: i rivali ci hanno accusato di frode “per metterci sotto pressione”

Binotto ritiene che le accuse ricevute dalla sua squadra dopo il GP degli USA siano state un semplice stratagemma per aumentare la pressione sul team

di , pubblicato il
Mattia Binotto

Il caposquadra del team Ferrari, Mattia Binotto, ritiene che le accuse ricevute dalla sua squadra dopo il Gran Premio degli Stati Uniti siano state un semplice stratagemma per aumentare la pressione sul team italiano. Max Verstappen è stato l’unico che ha accusato chiaramente la Ferrari di barare, con l’olandese che ha dichiarato che la scarsa prestazione della SF90 ad Austin è stata  “ciò che ottieni quando smetti di barare”.

Binotto ritiene che le accuse ricevute dalla Ferrari dopo il GP degli USA siano state un semplice stratagemma per aumentare la pressione

Secondo quanto riferito, l’Aston Martin Red Bull Racing aveva chiesto alla FIA ad Austin di chiarire cosa è e cosa non è permesso quando si tratta del flusso di carburante nel motore. Sebbene non abbiano chiesto alla FIA di indagare sulla Ferrari, gli italiani hanno casualmente avuto difficoltà a tenere il passo con Red Bull e Mercedes per tutto il fine settimana. Anche la loro velocità in linea retta era diminuita in modo significativo.

Parlando con Auto Motor und Sport, Binotto ha spiegato che questa è stata davvero una coincidenza, dato che la Ferrari aveva appena eseguito un assetto di carico aerodinamico  diverso rispetto ai precedente Gran Premi sul Circuit of the Americas.

“È vero che il nostro vantaggio è diminuito, ma i team hanno tratto conclusioni errate. Non abbiamo cambiato nulla dei motori. Abbiamo aumentato la resistenza per avere più carico aerodinamico. Ecco perché ora siamo più veloci in curva, ma più lento sui rettilinei “. Il cinquantenne ha anche capito che i rivali hanno approfittato delle dichiarazioni solo per scuotere la traquillità della Ferrari.

“Non sono sicuro che abbiano realmente dubitato della nostra integrità”,  ha continuato.

“Hanno usato le circostanze per fare pressione su di noi. Quella pressione è stata fonte di distrazione. Fa parte del gioco di Formula 1 per turbare i tuoi avversari. Non si tratta solo di competitività sportiva e tecnica – tutto ciò che danneggia i tuoi avversari è un bene per te. Tutti giocano in quel modo “.

Leggi anche: Formula 1: Pirelli prevede che il test di Yas Marina convincerà i team di F1 a sostenere i nuovi pneumatici

Argomenti: