Audi: si aggrava la posizione del numero uno Rupert Stadler per il dieselgate

Si aggrava la posizione di Ruper Stadler, l'amministratore delegato di Audi avrebbe dato ordine di nascondere alle autorità americane le manipolazioni

di Andrea Senatore, pubblicato il
Audi Rupert Stadler

Il numero uno di Audi, l’amministratore delegato Rupert Stadler, avrebbe dato ordine ai propri collaboratori di celare alle autorità americane la manipolazione delle emissioni in alcuni modelli della casa automobilistica di Ingolstadt.

 

E’ questa la grave accusa che è stata lanciata al famoso dirigente che adesso rischia grosso. I fatti si sarebbero verificati nel novembre del 2015. Se l’indiscrezione fosse confermata allora la posizione del CEO dell’azienda tedesca nel dieselgate cambierebbe.

 

Audi: Rupert Stadler avrebbe chiesto ai suoi collaboratori di nascondere agli americani le irregolarità

 

La procura di Monaco continua ad indagare e dunque nei prossimi giorni potrebbero arrivare novità importanti sul caso. Quello che appare ormai scontato è che i vertici di Audi sembrano sempre più coinvolti nello scandalo quando in un primo momento la loro posizione nello scandalo dieselgate era sembrata più marginale. Per il momento comunque Rupert Stadler è stato confermato alla guida di Audi dai vertici della società.

 

Negli USA intanto, Oliver Schimdt, il dirigente del gruppo Volkswagen arrestato a Miami all’inizio del 2017, ha migliorato la sua posizione ammettendo gli addebiti e adesso il manager rischia una pena massima di 7 anni, a differenza di quanto si era ipotizzato inizialmente quando si era parlato di pene record superiori anche ai 100 anni di carcere.

 

In Germania si ipotizza una rivoluzione nel consiglio d’amministrazione della casa di Ingolstadt

 

Nel frattempo in Germania i media parlano dell’imminente decisione dei vertici di Volkswagen di procedere ad un’autentica rivoluzione nel Consiglio d’amministrazione di Audi. Infatti 4 membri su 7 dovrebbero essere rimpiazzati. 

 

 

 

Leggi anche: Alfa Romeo, Bmw, Mercedes e Audi: ecco le novità che vedremo nel 2018

 

Volkswagen

Dieselgate: si aggrava la posizione del numero uno Ruper Stadler, l’amministratore delegato avrebbe dato ordine di nascondere alle autorità americane le manipolazioni

 

Leggi anche: Bmw nega di avere fatto cartello con Volkswagen, Audi e Mercedes

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Audi