Audi rivedrà la sua strategia di prodotto concentrandosi su modelli ad alta redditività

La casa automobilistica di Ingolstadt si concentrerà sui modelli più redditizi riducendo le varianti presenti in gamma

di , pubblicato il
Audi

Audi ha annunciato di aver deciso di cambiare strategia. La casa automobilistica di Ingolstadt si concentrerà sui modelli più redditizi, questo allo scopo di poter dedicare tutti i suoi investimenti all’ampliamento della gamma elettrica. È stato annunciato da Bram Schot, presidente dell’Assemblea degli azionisti della società tedesca: “Abbiamo ridotto del 27 per cento il portafoglio di versioni dei nostri prodotti e non abbiamo ancora finito”.

La casa automobilistica di Ingolstadt si concentrerà sui modelli più redditizi riducendo le varianti presenti in gamma

Shot ammette che ridurre l’offerta è un problema complicato: “Ogni variante eliminata può influire dell’1 per cento in tutto il mondo, ma in un mercato prescelto, un determinato design può rappresentare una grande parte delle vendite, quindi dobbiamo decidere quali derivati dobbiamo davvero eliminare, poiché non si tratta solo di versioni, ma anche di modelli. Ad esempio, vogliamo davvero una berlina e una Sportback? Questo è esattamente ciò di cui stiamo discutendo in un modello specifico. ”

Uno degli esempi è la nuova generazione dell’A3. Abbiamo già visto foto spia della compatta a cinque porte – precedentemente chiamata Sportback – e della variante a tre volumi, la Berlina A3. Sebbene entrambi  i modelli siano offerti in Europa, in alcune regioni del mondo sono limitati a ciascuno di essi. Il presidente ha anche fatto riferimento al futuro del TT o R8 sottolineando che “Alla fine, entrambi probabilmente rimarranno sul mercato, ma solo in forma elettrica ” .

Leggi anche: Audi conferma che la RS4 di prossima generazione avrà un propulsore ibrido plug-in

Audi: La casa automobilistica di Ingolstadt si concentrerà sui modelli più redditizi riducendo le varianti presenti in gamma

Leggi anche: Audi produrrà fino a 20 modelli elettrici nella prima metà del prossimo decennio

Argomenti: