Audi: quattro manager incriminati in USA per il dieselgate

Negli USA è arrivato l'incriminazione per 4 ex manager di Audi per aver partecipato attivamente allo scandalo dieselgate

di , pubblicato il
Audi

Un grand jury federale di Detroit ha incriminato quattro ex dirigenti di Audi per il loro presunto ruolo nel progetto del produttore tedesco di ingannare i test sulle emissioni delle auto diesel negli USA, secondo un nuovo documento giudiziario pubblicato giovedì. La condotta fraudolenta di Audi faceva parte di uno scandalo che ha riguardato l’intero gruppo Volkswagen che ha venduto milioni di auto con motori che oltrepassavano i limiti di inquinamento consentiti dalla legge americana. Un caso scoperto nel 2015 e da subito battezzato “Dieselgate”.

Negli USA è arrivato l’incriminazione per 4 ex manager di Audi per aver partecipato attivamente allo scandalo dieselgate

Richard Bauder, Axel Eiser, Stefan Knirsch e Carsten Nagel sono stati accusati di molteplici violazioni del Clean Air Act, di frodi telematiche e cospirazione per frodare gli Stati Uniti. Tutti hanno gestito parti diverse delle divisioni di sviluppo e test dei motori Audi e hanno lavorato sui motori diesel che utilizzavano “dispositivi di disfunzione” per imbrogliare i test delle emissioni EPA. Nessuno dei quattro è in custodia e tutti si ritiene che si trovino in Germania, secondo quanto fatto trapelare nelle scorse ore dalla Reuters.

Il gruppo Volkswagen si è dichiarato colpevole nel tribunale degli Stati Uniti nel 2017 e ha accettato di rimborsare più di 20 miliardi di dollari a stati, rivenditori, regolatori e singoli proprietari. Molti ex dirigenti del colosso tedesco sono in prigione e l’allora amministratore delegato di Volkswagen, Martin Winterkorn, ha prontamente rassegnato le dimissioni quando la notizia è trapelata nel 2015. I pubblici ministeri affermano che Bauder e gli altri manager della casa di Ingolstadt hanno incaricato alcuni impiegati  di progettare il dispositivo di disinnesto che permettesse di imbrogliare i test sulle emissioni. In breve, ciò che hanno inventato era un software in grado di riconoscere quando un’auto stava affrontando i test sulle emissioni dell’EPA. In questa maniera in strada venivano immessi veicoli altamente inquinanti.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia e Stelvio: facciamo un confronto con le rivali di Audi, Bmw e Mercedes in USA

Audi

Leggi anche: Audi batte Mercedes e Bmw nel 2018 e si conferma leader nel segmento premium in Italia

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: