Audi: perquisizioni nella sua sede per il dieselgate

Oggi Audi, celebre casa automobilistica premium del gruppo tedesco Volkswagen ha subito dalle forze dell'ordine una serie di perquisizioni alla sede

di Andrea Senatore, pubblicato il
Audi

Mattinata di tensione per Audi, la celebre casa automobilistica premium del gruppo tedesco di Volkswagen ha subito dalle forze dell’ordine una serie di perquisizioni alla propria sede legate per la querelle relativa allo scandalo del dieselgate. Quest’ultimo a distanza di molto tempo dal suo inizio continua a regalare enormi colpi di scena. A Ingolstadt, sede principale della società teutonica, vicino a Monaco, le autorità tedesche dunque continuano a indagare alla ricerca di prove che possano dimostrare la malafede da parte dei dirigenti del gruppo di Wolfsburg sulla vicenda.

 

Ricordiamo che nelle scorse settimane anche Audi al pari di Volkswagen ha ammesso le proprie responsabilità sulla vicenda relativa al dieselgate essendo a conoscenza delle manipolazioni su alcune auto della propria gamma per nascondere la vera entità delle emissioni nocive. A quanto pare anche nello stabilimento di Neckarsulm in queste ore sono in corso delle perquisizioni.

 

Ha fatto molto clamore il fatto che le perquisizioni sono avvenute proprio nel giorno in cui Audi, attraverso i propri vertici, ha presentato nel corso di una conferenza stampa i dati economici e finanziari del 2016. La cosa è stata vista da qualcuno come un vero e proprio smacco nei confronti del celebre brand premium tedesco.

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia batte BMW M3 ed Audi RS6 secondo gli americani, il video

 

Audi

Audi: ancora guai per la vicenda dieselgate

 

Leggi anche: Alfa Romeo Alfetta 2018: pronta a sfidare Mercedes Classe E, BMW Serie 5 e Audi A6

 

Rupert Stadler, numero uno di Audi, proprio durante la conferenza stampa di presentazione dei dati relativi al 2016 è stato subissato dalle domande della stampa proprio riguardo alle perquisizioni e al Dieselgate. La risposta di Stadler è stata che la sua azienda sta collaborando da tempo con le autorità per fare chiarezza sulla vicenda. Il boss della casa tedesca non ha però voluto rivelare l’oggetto delle perquisizioni in atto.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Audi