Audi A7 e A8: le autorità tedesche impongono il richiamo per 24 mila esemplari

Audi: in Germania le autorità impongono il richiamo di 24 mila Audi A7 e A8 con motore V6 o V8 prodotte tra il 2009 e il 2013

di Andrea Senatore, pubblicato il
Audi

Ben 24 mila Audi A7 e A8 saranno richiamate dal gruppo tedesco di Volkswagen a seguito di un ordine giunto dalle autorità tedesche che indagano sullo scandalo del dieselgate. Questo richiamo riguarderà i modelli della casa automobilistica di Ingolstadt prodotti tra il 2009 e il 2013. E’ stato comunque specificato che tali modelli sono sicuri e idonei alla circolazione su strada. L’incubo dieselgate dunque ancora una volta tocca da vicino Audi. 

 

Audi richiamo per 24 mila modelli A7 e A8

 

Ovviamente i proprietari dei veicoli interessati saranno tempestivamente e privatamente informati sul richiamo. Ad essi verrà chiesto di fissare un appuntamento con l’officina autorizzata più vicina. Il richiamo verrà realizzato in stretto collegamento con le autorità tedesche che indagano sul dieselgate di Volkswagen. Ricordiamo che il gruppo automobilistico di Wolfsburg ha già pagato oltre 25 miliardi di dollari tra multe e risarcimenti negli USA per chiudere la vicenda.

 

In Europa al momento ancora nessuna multa o risarcimento è stata comminata a Volkswagen. Audi fa parte del gruppo tedesco da diversi anni assieme a Lamborghini, Ducati, Bentley, Bugatti, Porshe, SEAT, Skoda, Scania e Man. Matthias Mueller, numero uno di Volkswagen ha discusso del provvedimento in questione nelle scorse ore con il Ministro dei Trasporti tedesco Alexander Dobrindt. 

 

Leggi anche: Volkswagen Arteon: ecco gli ultimi dettagli sulla nuova 4 porte

 

Audi Rupert Stadler

Audi: il CEO Rupert Stadler nei giorni scorsi ha discusso con il Ministro dei Trasporti tedesco Alexander Dobrindt del richiamo di 24 mila A7 e A8

 

Leggi anche: Volkswagen Golf, auto più venduta in Europa, Toyota Corolla nel mondo

 

Il dieselgate è costato ad Audi oltre 2 miliardi di dollari fino ad ora

 

Il ministro tedesco dell’Ambiente, Barbara Hendricks ha chiesto alla celebre casa automobilistica di Ingolstadt di sobbarcarsi i costi di questo richiamo. Il richiamo riguarda i modelli con motore V6 e V8. Il dieslegate è già costato ad Audi circa 2 miliardi di dollari. Negli Usa infatti sono state oltre 83 mila le auto coinvolte nello scandalo. Il tribunale di Monaco che indaga sulle auto del gruppo coinvolte nello scandalo in USA ha deciso di allargare le indagini anche all’Europa.

 

Leggi anche: Lamborghini Urus: il Super Suv arriva entro fine 2017 e porta 200 nuovi posti di lavoro

 

Audi

Leggi anche: Volkswagen: in Italia possibile la Class Action, lo ha deciso il Tribunale

 

Si attendono nuovi aggiornamenti sulla vicenda nelle prossime ore. Un allargamento dello scandalo al vecchio continente potrebbe creare non pochi problemi a quello che attualmente può benissimo essere considerato come il primo gruppo automobilistico al mondo per numero di veicoli prodotti. Ricordiamo che a proposito del dieselgate che ha coinvolto il gruppo Volkswagen anche in Italia di recente il tribunale di Venezia ha deciso di ammettere la possibilità di Class Action contro l’azienda automobilistica di Wolfsburg. 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Audi, Volkswagen