Aston Martin registra una perdita di 95 milioni di dollari nella prima metà dell’anno

Aston Martin ha perso 95,55 milioni di dollari al lordo delle imposte nei primi sei mesi dell'anno

di , pubblicato il
Aston Martin ha perso 95,55 milioni di dollari al lordo delle imposte nei primi sei mesi dell'anno

Aston Martin ha registrato una perdita sostanziale per la prima metà dell’anno, provocando un calo del prezzo delle azioni del produttore di automobili. Nei documenti finanziari rilasciati dalla casa automobilistica britannica, è dimostrato che ha perso 95,55 milioni di dollari al lordo delle imposte nei primi sei mesi dell’anno, rispetto al profitto di 25,2 milioni di dollari che la casa inglese aveva riportato nella prima metà del 2018. Aston Martin ha accusato per la sua perdita il rallentamento del segmento dei veicoli di lusso, la minore domanda di veicoli in Gran Bretagna e in Europa e la spesa per il suo nuovo stabilimento in Galles.

Aston Martin ha perso 95,55 milioni di dollari al lordo delle imposte nei primi sei mesi dell’anno

“Questo è stato un periodo difficile e abbiamo visto la reazione del mercato, ma stiamo prendendo le giuste azioni per realizzare la nostra strategia”, ha ammesso l’amministratore delegato Andy Palmer. Oltre alla perdita al lordo delle imposte di 95,55 milioni, Aston Martin ha riferito che i ricavi sono scesi a 493 milioni nello stesso periodo a causa della diminuzione delle vendite delle sue auto di fascia alta e della maggiore popolarità del più economico V8 Vantage.

Aston Martin sta spendendo una notevole quantità di tempo e denaro per il suo primo SUV di produzione in assoluto, il DBX e se questo modello otterrà gli stessi dati di vendita dei rivali di Lamborghini, Bentley e Rolls-Royce, allora il DBX potrebbe rivelarsi fondamentale per i conti dell’azienda. Aston sta ovviamente sviluppando anche la Valchiria, la Valhalla e il Vanquish a motore centrale come parte del suo obiettivo a lungo termine di affermarsi come legittimo rivale della Ferrari sul mercato.

Leggi anche: Aston Martin: Il Ceo pensa che la guida autonoma costringerà le case automobilistiche alle fusioni

Aston Martin

Aston Martin chiude il primo semestre del 2019 con una grossa perdita

Argomenti: