Aston Martin DBX: ecco gli interni del nuovo suv

Svelati gli interni di Aston Martin DBX, primo crossover del marchio inglese

di , pubblicato il
Aston Martin DBX

Aston Martin si sta preparando a lanciare il suo primo crossover in quanto la società ha annunciato che DBX sarà presentato a Pechino il prossimo 20 novembre. Per contribuire a creare entusiasmo per il modello, la società ha confermato che i prezzi per acquistare il suv partiranno in Germania e probabilmente anche nel resto d’Europa da 193.500 euro. Ciò renderà il DBX significativamente più costoso del Bentley Bentayga. Oltre ad annunciare i prezzi, Aston Martin ha rivelato un’immagine interna dettagliata del DBX. Questa mostra che il crossover avrà uno sterzo bicolore con rivestimento in pelle che risiede di fronte a un grande quadro strumenti digitale.

Svelati gli interni di Aston Martin DBX, primo crossover del marchio inglese

A destra notiamo un unico stack centrale che presenta pulsanti di trasmissione montati in alto e una grande schermata di infotainment. Più sotto, possiamo vedere ampie prese d’aria, eleganti quadri e una console centrale con finiture in legno. Parlando di quest’ultimo, Aston Martin lo ha descritto come una console “a ponte” che ha un “estetica elegante e fluttuante”. Il design aperto della console  di DBX consentirà ai proprietari di riporre rapidamente oggetti come borsetta e bottiglie d’acqua.

Altri punti salienti del nuovo Aston Martin DBX includono un tetto panoramico in vetro, finiture metalliche e rivestimenti in pelle premium e Alcantara. Aston Martin ha anche prestato attenzione ai passeggeri dei sedili posteriori in quanto avranno un sistema di climatizzazione dedicato e almeno quattro diverse prese d’aria. La casa inglese ha promesso che la DBX avrà uno spazio per le gambe anteriore e posteriore ai vertici della categoria. La società ha anche affermato di aver prestato la massima attenzione anche ai più piccoli dettagli trascorrendo più di sei mesi a perfezionare la posizione di guida e garantire che essa fornisca una buona visibilità e un facile accesso ai comandi.

Leggi anche: Aston Martin registra una perdita di 95 milioni di dollari nella prima metà dell’anno

Argomenti: