Aston Martin: dal 2018 parte la sfida a Ferrari in Borsa?

Aston Martin sta prendendo seriamente in considerazione l'idea di quotarsi in Borsa a Londra al pare di quanto avvenuto con Ferrari nel 2015

di Andrea Senatore, pubblicato il
Aston Martin sta prendendo seriamente in considerazione l'idea di quotarsi in Borsa a Londra al pare di quanto avvenuto con Ferrari nel 2015

Aston Martin potrebbe prendere in considerazione già nel corso del prossimo anno di entrare in Borsa. Il produttore britannico famoso per aver realizzato molte delle vetture di James Bond cerca di capitalizzare il successo sfidando Ferrari allo scopo di attirare gli investitori. La casa automobilistica britannica potrebbe esordire proprio alla Borsa di Londra, così come rivelato da fonti rimaste anonime e citate da Bloomberg.  La società è in attesa di riferire i risultati finanziari del 2017 prima di decidere su questa possibilità che però a quanto pare è davvero molto concreta. 

Aston Martin come Ferrari dal prossimo anno?

Il management di Aston Martin si dice concentrato al 100 per cento sulla consegna del nuovo business plan dei prossimi sette anni come dichiara Simon Sproule  portavoce della società. Egli ha pure confermato che al momento tutte le questioni relative alla futura struttura societaria  sono congelate. Simon Sproule ha pure aggiunto: “Ogni decisione futura in vista di un possibile IPO sarà una questione per gli azionisti e il consiglio d’amministrazione di Aston Martin”.

Il produttore di auto di lusso britannico potrebbe puntare ad imitare Ferrari, che è stata quotata a New York nel 2015. Le azioni di Ferrari sono aumentate di circa il 62 per cento dal suo esordio secondo i dati in possesso di Bloomberg. Tuttavia gli addetti ai lavori mettono in evidenza che a differenza di Ferrari il brand Aston Martin non ha lo stesso valore globale di Ferrari che è considerato come uno dei brand più potenti al mondo in generale. 

Leggi anche: Sergio Marchionne pensa che Jeep e Ram siano abbastanza forti da seguire le orme di Ferrari

Aston Martin DBX

Aston Martin DBX

 

Leggi anche: Ferrari: Sergio Marchionne annuncia novità importanti

 

La società inglese è dal 2011 che valuta la possibilità di quotarsi in Borsa. Basti ricordare le parole dell’ex amministratore delegato Ulrich Bez,  che aveva dichiarato che questa possibilità sarebbe stata qualcosa di naturale per i suoi investitori. L’attuale CEO Andy Palmer al momento si sta impegnando per garantire alla sua azienda di crescere sempre di più in un settore dove di anno in anno la concorrenza cresce.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Aston Martin, Ferrari

Leave a Reply