Apple: un ex dipendente le ha rubato i segreti della guida autonoma

L'FBI indaga su un ex dipendente di Apple attualmente sottoposto agli arresti che avrebbe rubato i segreti della guida autonoma della società

di , pubblicato il
Apple

Un dipendente della Apple è stato accusato dall’FBI di aver rubato i segreti delle auto a guida autonoma della divisione segreta della società di Cupertino denominata Project Titan. Questo almeno sarebbe emerso secondo un documento pubblicato dalla NBC.

Project Titan è stato al centro di molte speculazioni da quando è stato lanciato nel 2014. Inizialmente si pensava che potesse lavorare su un’auto elettrica, ma i dirigenti che assumevano nel 2016 puntavano alla guida autonoma. Recentemente, Titan ha subito un importante rimpasto, in quanto Apple ha licenziato 200 dipendenti legati al progetto all’inizio di questo mese.

L’FBI indaga su un ex dipendente di Apple attualmente sottoposto agli arresti che avrebbe rubato i segreti della guida autonoma della società

Jizhong Chen, un cittadino cinese, è stato assunto da Apple come ingegnere sviluppatore di hardware per il suo progetto di auto a guida autonoma nel giugno 2018, secondo il documento dell’FBI mostrato dalla stampa americana. L’ingegnere avrebbe destato sospetti quando i suoi colleghi lo hanno visto fare foto.

Successivamente, Apple ha chiesto di guardare i suoi dispositivi personali e ha trovato “oltre duemila file contenenti materiale riservato della società californiana, inclusi manuali e schemi”, supportato da un hard-drive personale.

Ovviamente così facendo il dipendente aveva violato le politiche della società e per questo era stato allontanato. La società del CEO Tim Cook ha sospeso Chen senza paga l’11 gennaio scorso. L’uomo poi successivamente è stato arrestato un giorno prima  della sua partenza per la Cina, presumibilmente per visitare il padre malato.

Leggi anche: Waymo: le sue auto a guida autonoma avrebbero problemi con la pioggia

Apple

Apple

Leggi anche: Mercedes sperimenta comunicazione luminosa tra pedoni e auto a guida autonoma

Argomenti: