Amazon deposita brevetto per le auto a guida autonoma

L’US Patent and Trademark Office ha appena ricevuto da Amazon un brevetto relativo al coordinamento dei veicoli autonomi su una carreggiata con corsie reversibili

di Andrea Senatore, pubblicato il
Amazon

Anche Amazon, colosso dell’e-commerce, punta a realizzare una propria vettura a guida autonoma. Nelle scorse ore infatti si è diffusa la notizia che la celebre società americana ha depositato un brevetto relativo agli ultimi studi in materia di auto che si guidano da sole. Lo studio in particolare farebbe riferimento alle cosiddette corsie reversibili, quelle che cioè cambiano marcia in base al traffico. Queste infatti rappresentano uno dei principali ostacoli per la diffusione delle auto a guida autonoma che potrebbero non accorgersi che il senso di marcia è cambiato. Partendo da questo studio, la società di Jeff Bezos pensa alla creazione di una vera e propria rete vehicle-to-infrastructure (V2I).

Questa, in poche parole, permetterebbe ad Amazon attraverso i propri veicoli autonomi di suggerire alla rete come modificare i sensi di marcia delle corsie reversibili. Ciò avverrebbe sfruttando i dati sul traffico in tempo reale provenienti dalle stesse auto. Si tratta di un sistema che già da tempo ha attirato le attenzioni anche di altre aziende e anche di numerose case automobilistiche. Dunque anche Amazon non vuole farsi trovare impreparata dai cambiamenti che nei prossimi anni arriveranno nel mondo dei motori. Qualcuno ipotizza che l’interesse del colosso del web verso le auto a guida autonoma derivi dall’esigenza di poter consegnare i propri prodotti senza più dover pagare i dipendenti per le consegne.

Leggi anche: Chrysler Portal: il primo veicolo a guida autonoma ed elettrico di FCA

Amazon

Amazon: deposita brevetto per auto a guida autonoma

Leggi anche: Uber: si conclude malamente il test sulla guida autonoma

In parole povere, la rete centrale, così come immaginata da Amazon, sarebbe in grado di dare ai veicoli direttive per prendere una decisione in tempo reale. Vedremo dunque se realmente nei prossimi anni questa idea della società americana potrà prendere piede nel mondo dei motori per quanto concerne le tecnologie che possono essere utilizzate per far funzionare nel migliore dei modi le auto a guida autonoma. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Motori

Leave a Reply