Alfa Romeo: per Bigland sarà futura leader nel segmento premium degli USA

L'amministratore delegato del Biscione, Reid Bigland, è convinto che Alfa Romeo sarà leader negli Usa del segmento Premium

di Andrea Senatore, pubblicato il
Reid Bigland CEO Alfa Romeo

Domani si apriranno ufficialmente negli USA gli ordini per la berlina di segmento ‘D’ Alfa Romeo Giulia. Questo modello dovrebbe finalmente lanciare la casa automobilistica del Biscione nel mercato auto americano dopo molti anni. Si tratta dunque di un momento decisivo nella storia del brand di Arese. Dal successo commerciale di Giulia e dei futuri modelli che arriveranno negli Stati Uniti, dipende infatti il futuro di questo brand, che nei piani del numero uno Sergio Marchionne dovrebbe arrivare alle 400 mila immatricolazioni annue già alla fine del 2018. Con l’arrivo in primavera prossima del primo suv nella storia del Biscione, Alfa Romeo Stelvio, è facile ipotizzare, secondo Reid Bigland, che il brand milanese di Fiat Chrysler Automobiles possa ambire alla leadership del segmento premium del mercato auto negli Stati Uniti. 

Questo senza dimenticare che già nel corso del 2018, sempre in America a dare man forte a Giulia e Stelvio dovrebbe arrivare anche un suv di grandi dimensioni che avrà molto in comune con Maserati Levante e sarà prodotto nello stabilimento Fiat Chrysler di Mirafiori. In questa maniera dunque ci sono buone possibilità che Alfa Romeo possa diventare uno dei maggiori protagonisti del segmento premium nel mercato auto americano e più in generale nel mondo. Già comunque un primo assaggio di quello che sarà lo si avrà con il Suv Stelvio. Dal successo commerciale negli Usa di questo modello molto dipende per il futuro di questo marchio che ha fatto la storia dell’automobilismo in Italia.

Leggi anche: Fiat Chrysler, il sospetto di Sergio Marchionne sulle accuse che arrivano dagli USA

Reid Bigland CEO Alfa Romeo

Reid Bigland CEO Alfa Romeo è ottimista sul futuro del Biscione negli Stati Uniti

Leggi anche: Maserati e Alfa Romeo: nessuno Spin-off da Fiat Chrysler, parola di Marchionne

Se Alfa Romeo Stelvio avrà il successo sperato e allora è facile ipotizzare che nei prossimi anni dagli stabilimenti italiani di Fiat Chrysler Automobiles usciranno tanti nuovi modelli del Biscione, anche diversi da quelli già annunciati da qui al 2020. Nel lungo periodo l’obiettivo di Alfa Romeo per quanto concerne il Nord America sarà quello delle 150 mila immatricolazioni annue. Questo ovviamente potrà essere raggiunto solo e soltanto quando la gamma sarà finalmente completa. 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alfa Romeo