Alfa Romeo Giulia: Reid Bigland non è preoccupato dalle vendite

Reid Bigland, amministratore delegato del brand del Biscione non si dice affatto preoccupato per l'andamento delle vendite di Alfa Romeo Giulia

di Andrea Senatore, pubblicato il
Alfa Romeo Giulia

Negli ultimi giorni si parla molto delle vendite di Alfa Romeo Giulia. Alcuni osservatori internazionali hanno fatto notare che la nuova berlina di segmento D del Biscione,almeno inizialmente, ha ottenuto vendite globali un po’ al di sotto di quelle che erano le aspettative di Sergio Marchionne e soci. Infatti sono state vendute 19 mila Giulia in Europa in circa un anno e poco meno di 2.500 negli USA. A proposito degli Stati Uniti, è stato di recente messo in evidenza come le vendite della vettura del brand milanese siano molto inferiori al momento a quelle delle rivali tedesche di Audi, Bmw e Mercedes. 

Alfa Romeo Giulia: parla il CEO Reid Bigland

Questi dati comunque non sembrano preoccupare più di tanto l’attuale numero uno del Biscione, l’amministratore delegato Reid Bigland, che parlando con la stampa conferma che i numeri di Alfa Romeo Giulia devono essere presi con cautela trattandosi di un modello nuovo e di un marchio che dopo molto tempo è tornato a dire la sua nel segmento premium del mercato auto.

 

Insomma quello che Reid Bigland ha voluto ribadire è che non si aspettava di certo vendite travolgenti in questa prima fase. La crescita di Alfa Romeo infatti sarà qualcosa di lento ma costante. Una crescita che fa riferimento a molti parametri e per la quale ci vorranno diversi anni.

 

Leggi anche: Alfa Romeo: il 24 giugno ad Arese si festeggiano i 107 anni di storia del Biscione

 

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo Giulia: le vendite della berlina non preoccupano il numero uno del Biscione, l’amministratore delegato Reid Bigland

 

Leggi anche: Alfa Romeo e McLaren, matrimonio in vista in Formula 1 dopo il divorzio da Honda?

 

Reid Bigland ha detto: “Siamo lavorando per il rilancio di un marchio leggendario in tutto il mondo, e noi stiamo guardando una serie di indicatori per misurare il nostro successo e valutare i nostri progressi.” Insomma il numero uno di Alfa Romeo non sembra affatto preoccupato di come stiano andando le cose per la vettura che rappresenta l’antipasto del rilancio del Biscione, che continuerà nei prossimi anni con l’arrivo di numerosi altri modelli. 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alfa Romeo