Alfa Romeo Giulia, importante collaborazione tra Henkel e Fiat Chrysler

La nuova berlina del Biscione Alfa Romeo Giulia rappresenta la punta di diamante della collaborazione tra Henkel e Fiat Chrysler

di Andrea Senatore, pubblicato il
Alfa Romeo Giulia

Fiat Chrysler e Henkel hanno lavorato insieme per quasi tre anni per sviluppare materiali su misura e sistemi per le esigenze specifiche per la nuova berlina del Biscione Alfa Romeo Giulia. Henkel ha dichiarato che i corpi macchina più leggeri, realizzati grazie ad una nuova struttura mista composta da acciaio e metalli leggeri come l’alluminio, richiedono nuovi approcci. I nuovi processi stanno fornendo ai produttori di automobili la possibilità di utilizzare strutture metalliche leggere. Essi inoltre stanno modificando gli stessi processi e  le procedure per la loro realizzazione.

 

Alfa Romeo Giulia: collaborazione tra Henkel e FCA

 

La nuova Alfa Romeo Giulia, ad esempio, ha un corpo che è 90 kg più leggero di un corpo interamente in acciaio. Questo risultato è stato ottenuto mediante l’uso di metalli leggeri in combinazione con nuovi materiali di processo e tecnologie applicative. Per ridurre il peso e migliorare le prestazioni, FCA utilizza alluminio per ridurre del 45% il peso corporeo del’auto. Inoltre è stato pure adottato un nuovo pacchetto acustico per migliorare il comfort dei passeggeri.

 

Il processo di pretrattamento dei metalli in due fasi è stato sviluppato da Henkel per organismi multi-metallo con contenuti molto elevati di alluminio (fino al 80%), fornendo prestazioni superiori e riducendo i costi relativi agli investimenti. Il processo di rivestimento a immersione utilizza fosfato di zinco nel primo passo per trattare l’acciaio, seguito da un trattamento dell’alluminio nel post risciacquo. “L’alluminio può essere mangiato dagli acidi normalmente utilizzati per il fosfato di acciaio, per cui v’è la necessità di trovare un equilibrio nel processo di trattamento”, dice Manfred Holzmueller, Direttore Vendite Transplant OEM Business presso Henkel.

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia DTM: Gherard Berger rivuole il Biscione in gara

 

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo Giulia

 

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio, Giulia e 4C protagoniste del Tour di Strade Stellate

 

Alfa Romeo Giulia inoltre beneficia anche dei cosiddetti Henkel Teroson. Questi sono listelli sagomati da uno speciale elastomero espansibile che sono inseriti nelle cavità del corpo macchina durante il montaggio in carrozzeria. Quando il corpo passa attraverso il forno, le alte temperature provocano l’espansione delle modanature fino a dieci volte il loro volume originale. In questa maniera tutte le cavità si riempiono. Questo impedisce che l’aria entri nella cavità mentre il veicolo è in movimento, ed elimina il rumore del vento.

 

Un secondo prodotto Teroson applicato alla carrozzeria è il Teroson AL7154. Questo altri non è che una base acquosa acrilica liquida antirombo (LASD) sviluppata da Henkel per ridurre il rumore nell’abitacolo provocato dalle vibrazioni della carrozzeria. Durante numerose prove in FCA, questo prodotto ha mostrato di gran lunga il più alto fattore di perdita (una misura delle proprietà di smorzamento) di tutti i materiali candidati. Il peso totale di Teroson AL7154 su Giulia è inferiore del 10% alle pastiglie standard. Alfa Romeo Giulia è stata la prima auto nuova a trarre beneficio dall’uso di Teroson AL7154.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alfa Romeo, FIAT Chrysler