Alfa Romeo Giulia DTM: Gherard Berger rivuole il Biscione in gara

Alfa Romeo: Gherard Berger chiede a Sergio Marchionne di far tornare il Biscione nel DTM, il CEO di Fiat Chrysler lo accontenterà?

di Andrea Senatore, pubblicato il
Alfa Romeo Giulia DTM

Gherard Berger, famoso ex pilota di Formula 1, è adesso responsabile del DTM. Si tratta del celebe campionato turismo tedesco, una serie prestigiosa che negli anni 90 vide tra le sue massime protagoniste proprio Alfa Romeo. Berger nelle ultime ore è stato protagonista di un accorato appello al numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Sergio Marchionne. Al CEO di FCA l’ex pilota di Ferrari in Formula 1 ha chiesto di far tornare nel DTM le vetture della casa automobilistica del Biscione.

 

Berger vuole Alfa Romeo, che trionfò nel DTM con Nicola Larini nel 1993, per rilanciare la competizione che negli ultimi anni ha subito un vero e proprio appannamento. Il campionato prevede 18 gare di cui la metà si corrono fuori dai confini tedeschi. Al campionato prendono parte già Mercedes, Audi e Bmw e i tifosi chiedono a gran voce anche il ritorno del Biscione. Per Berger sarebbe bello che il brand milanese potesse nuovamente prendere parte al campionato, magari già l’anno prossimo con la nuova berlina Giulia. 

 

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio, Giulia e 4C protagoniste del Tour di Strade Stellate

 

Alfa Romeo

Alfa Romeo: Gherard Berger chiede a Sergio Marchionne di far tornare il Biscione nel DTM, il CEO di FCA lo accontenterà?

 

Leggi anche: Fiat 500L e Panda: il 17 e 18 giugno primo porte aperte per i nuovi modelli

 

Proprio Alfa Romeo Giulia che qui vi mostriamo in un famoso rendering in versione DTM, sarebbe la vettura ideale per il ritorno del Biscione a detta dello stesso Berger. L’attuale organizzatore del DTM ha pure un’altra idea in cantiere. Quella di far partecipare al DTM anche alcuni piloti di Formula 1, la cui presenza ovviamente finirebbe per attirare l’attenzione sulla competizione che dunque potrebbe così tornare presto ai fasti d’un tempo. Vedremo dunque se queste belle idee di Berger potranno essere messe in pratica e se Sergio Marchionne ascolterà la sua richiesta.

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alfa Romeo, FIAT Chrysler