Alfa Romeo F1: ecco le prime immagini della nuova monoposto, i piloti saranno Leclerc e Ericsson

Alfa Romeo F1: svelata finalmente la nuova monoposto che dopo oltre 30 anni riporterà la casa del Biscione nella massima competizione automobilistica

di Andrea Senatore, pubblicato il
Alfa Romeo F1

Nelle scorse ore il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, Sergio Marchionne, ha presentato la nuova monoposto di Alfa Romeo F1. Si tratta della vettura che segna il ritorno dopo oltre 30 anni della casa automobilistica del Biscione nella massima competizione automobilistica grazie all’accordo raggiunto con la scuderia elvetica di Sauber. Il numero uno di FCA ha pure annunciato i nomi dei piloti che nella prossima stagione agonistica che inizierà a marzo guideranno le due nuove monoposto del Biscione. Si tratta del giovane pilota monegasco Charles Leclerc e di Marcus Ericsson, pilota che già quest’anno aveva corso con la Sauber.

 

Alfa Romeo F1: svelata finalmente la nuova monoposto che dopo oltre 30 anni riporterà la casa del Biscione nella massima competizione automobilistica

 

Antonio Giovinazzi che negli scorsi giorni era dato come probabile secondo pilota del neonato team sarà invece il terzo pilota della scuderia Alfa Romeo F1. In sede di presentazione della nuova monoposto di Formula 1, Sergio Marchionne ha ribadito che fin dal primo momento in cui si è deciso di ricostruire il marchio milanese con l’arrivo sul mercato di nuovi modelli come Giulia e Stelvio, si è pensato di riportare il glorioso marchio italiano in Formula 1. Del resto è stato proprio il mondo delle corse ha rendere il brand del Biscione una vera e propria leggenda.

 

In questa storica giornata per Alfa Romeo oltre a Sergio Marchionne erano presenti anche John Elkann, attuale Presidente del gruppo Fiat Chrysler Automobiles, suo fratello Lapo e Jean Todt ex numero uno di Ferrari che attualmente ricopre la carica di Presidente della FIA.  L’obiettivo di Marchionne e soci è quello di dare maggiore visibilità a livello internazionale al marchio Alfa Romeo. Proprio per questo motivo l’obiettivo non sarà semplicemente quello di un ritorno alle competizioni. Si vuole rendere nel giro di qualche anno la nuova scuderia assolutamente competitiva.

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: Top Gear fa un confronto con Opel Insignia Grand Sport e Volkswagen Arteon

 

Alfa Romeo F1

Alfa Romeo F1: svelata finalmente la nuova monoposto che dopo oltre 30 anni riporterà la casa del Biscione nella massima competizione automobilistica

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: anche lei dopo Stelvio in lizza per ricevere un premio da Motor Trend

 

Sergio Marchionne vuole rendere competitiva Alfa Romeo in Formula 1 per poter così completare il suo DNA

 

L’obiettivo sarà quello non di creare uno junior team di Ferrari ma di dare alla scuderia di Maranello nei prossimi anni un nuovo concorrente che possa lottare in futuro ad armi pari con le sue monoposto. Il ritorno in Formula 1 insomma nelle intenzioni di Sergio Marchionne va a completare quello che è il DNA di Alfa Romeo, fermo restando che nei prossimi anni molte novità sono attese nella gamma della casa automobilistica. Presto infatti nuovi modelli andranno ad aggiungersi ai recenti Alfa Romeo Giulia e Stelvio. Già nel 2018 qualche novità importante di ciò potrebbe trapelare.

 

Infine Marchionne ha pure confermato che in futuro anche Maserati potrebbe fare il suo ritorno nel mondo delle corse. A differenza di Alfa Romeo e Ferrari che lotteranno in Formula 1, la futura scuderia del Tridente potrebbe invece essere impegnata nel nuovo campionato di Formula E. Una competizione in cui si sfidano monoposto elettriche e  che nei prossimi anni potrebbe avere sempre maggiore importanza.

 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia Coupè: le ultime novità sull’auto che potrebbe arrivare nel 2019

 

Alfa Romeo F1

Alfa Romeo F1: ecco Leclerc e Ericsson i due piloti che il prossimo anno guideranno le monoposto del nuovo team nato grazie ad un accordo tra Sauber e FCA

 

Leggi anche: Ferrari e Alfa Romeo: ecco il piano di Sergio Marchionne per la Formula 1

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alfa Romeo, Formula 1