Alfa Romeo: ecco cosa accadrà nei prossimi mesi

In tanti si domandano cosa accadrà nei prossimi mesi a proposito di Alfa Romeo.

di , pubblicato il
In tanti si domandano cosa accadrà nei prossimi mesi a proposito di Alfa Romeo.

In tanti si domandano cosa accadrà nei prossimi mesi a proposito di Alfa Romeo. In attesa di conoscere le modifiche che il gruppo Fiat Chrysler effettuerà al cosiddetto piano Italia dopo l’introduzione dell’ecobonus, dobbiamo ricordare che secondo quanto rivelato dal numero uno Tim Kuniskis nel 2019 per il Biscione non sono attese novità importanti. Molto probabilmente nella seconda parte dell’anno potrebbe partire la produzione dei primi veicoli del Biscione ibridi.

Nei prossimi mesi non sono attese novità importanti per il Biscione che a fine anno potrebbe però iniziare la produzione degli ibridi

Precisamente il primo ad essere prodotto sarà il Suv Stelvio. Difficilmente però la commercializzazione di questo veicolo partirà già nel 2019 ma si dovrà probabilmente aspettare i primi mesi del 2020.  Sempre nel 2019 era stato detto negli scorsi mesi che alcune novità alla gamma delle attuali vetture di Alfa Romeo sarebbero arrivate. Si parlava di alcuni cambiamenti agli interni di Giulia, Giulietta e Stelvio. Questi probabilmente saranno svelati nel corso della primavera.

Per quanto riguarda invece le nuove auto, bisognerà aspettare il 2020 per poter vedere per la prima volta il futuro suv compatto che sarà prodotto nello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Pomigliano per essere poi commercializzato tra la fine del 2020 e gli inizi del 2021. Si sono perse le tracce per il momento delle altre novità previste dal piano industriale dello scorso 1 giugno a Balocco. Prima del 2022 dunque nessuna novità è attesa nella gamma della casa automobilistica del Biscione al di fuori del suv compatto che sorgerà su base della nuova Jeep Compass.

Leggi anche: Alfa Romeo e Maserati diventano cinesi? ecco la clamorosa indiscrezione

Alfa Romeo C-Suv non arriverà nel 2019 ma bensì nel 2020

Leggi anche: Fiat Chrysler: secondo la Fim Cisl l’Ecotassa penalizza 14 auto del gruppo e favorisce i concorrenti

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: