Alfa Romeo: crollano le immatricolazioni in USA e in Italia a febbraio

Alfa Romeo vede diminuire le sue immatricolazioni negli Stati Uniti e in Italia nel mese di febbraio del 2019

di , pubblicato il
Alfa Romeo

Continua la crisi nelle vendite di Alfa Romeo. Nel mese di febbraio 2019 che si è concluso solo pochi giorni fa la casa automobilistica del Biscione ha perso terreno sia in Italia che nel mercato auto degli Stati Uniti. Lo storico marchio milanese che fa parte del gruppo Fiat Chrysler Automobiles ha visto diminuire le sue immatricolazioni in USA del 13 per cento rispetto al mese di febbraio del 2018. Queste in totale sono state esattamente 1.362. Questo è stato il terzo mese di fila di calo per il Biscione negli States. Se invece consideriamo i primi 2 mesi del 2019, la situazione del marchio italiano è anche peggiore. Infatti con un totale di 2.512 unità il Biscione ha perso il 22 per cento delle sue vendite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Alfa Romeo vede diminuire le sue immatricolazioni negli Stati Uniti e in Italia nel mese di febbraio del 2019

Per quanto riguarda invece l’Italia, il calo di Alfa Romeo a febbraio 2019 è stato anche peggiore. Infatti nel nostro paese la casa automobilistica milanese ha visto crollare le sue vendite del 47 per cento rispetto al mese di febbraio 2018. Le consegne del marchio del Biscione il mese scorso in Italia sono state esattamente 2.362. Se invece guardiamo ai primi 2 mesi dell’anno, le vendite del marchio in Italia sono state un totale di 4.838 con un calo del 46 per cento rispetto allo scorso anno. A Febbraio molto male Giulietta e Giulia, si salva il Suv Stelvio che vede crescere le sue immatricolazioni dell’1 per cento rispetto al 2018.

Leggi anche: Alfa Romeo Cassino: il Piano Italia sarà confermato, in arrivo ibridi e suv Maserati

Alfa Romeo

Alfa Romeo vede diminuire le sue immatricolazioni negli Stati Uniti e in Italia nel mese di febbraio del 2019

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio è il modello più venduto dal marchio milanese in Europa nel 2018

Argomenti: