Alfa Romeo: continua il brutto momento in Europa

Alfa Romeo anche a Febbraio 2020 perde quota in quasi tutti i principali mercati europei

di , pubblicato il
Alfa Romeo

In Europa continua il brutto momento di Alfa Romeo. La casa automobilistica del Biscione deve fare i conti con un altro calo delle vendite nel nostro continente nel mese di febbraio del 2020. Dopo il netto calo registrato in Italia, anche negli altri importanti mercati auto europeo lo storico marchio milanese non se la passa tanto bene. In Germania ad esempio a febbraio 2020 la casa milanese di Fiat Chrysler ha perso il 6,3 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno a fronte dell’immatricolazione di 255 unità. Se invece consideriamo i primi 2 mesi dell’anno, il calo del Biscione è del 12 per cento rispetto al primo bimestre del 2019.

Alfa Romeo anche a Febbraio 2020 perde quota in quasi tutti i principali mercati europei

Andando nel Regno Unito la situazione cambia leggermente. Alfa Romeo infatti il mese scorso con 112 unità immatricolate ha visto crescere le sue vendite del 2,7 per cento rispetto allo scorso anno. Se però consideriamo i primi due mesi dell’anno le immatricolazioni del Biscione in UK sono diminuite del 23 per cento a causa di un mese di gennaio davvero disastroso. Per quanto riguarda la Spagna, un totale di 296 unità portano Alfa Romeo ad un calo dell’11 per cento rispetto allo scorso anno. Considerando l’intero 2020 le vendite del Biscione in Spagna sono diminuite del 26 per cento.

In Francia Alfa Romeo è in crisi nera. Infatti a febbraio 2020 con appena 136 unità vendute ha perso il 49% per cento, dimezzando di fatto le consegne. Nel 2020 intero invece il calo è del 42 per cento con appena 300 unità vendute. Infine segnaliamo che in Svizzera il Biscione a febbraio del 2020 ha visto diminuire le proprie immatricolazioni rispetto allo scorso anno dell’8,1 per cento con un totale di 227 unità vendute.

Nell’intero 2020 il calo è stato del 25% con 387 auto immatricolate.

Leggi anche: Alfa Romeo: vendite in calo in Italia anche nel mese di febbraio 2020

 

Argomenti: