Alfa Romeo chiude un primo semestre molto positivo in Giappone

Nel mercato auto nipponico Alfa Romeo è stata protagonista di un buon primo semestre del 2019 con una crescita di oltre il 10%

di , pubblicato il
Alfa Romeo

Alfa Romeo non sta vivendo un buon 2019 come dimostrano le vendite a livello globale. Tuttavia vi sono delle eccezioni. Una di queste è il Giappone. Nel mercato auto nipponico infatti la casa automobilistica del Biscione è stata protagonista di un buon primo semestre del 2019. Lo storico marchio milanese infatti ha visto aumentare le sue consegne del 10,8 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nei primi 6 mesi dell’anno la società italiana che fa parte del gruppo Fiat Chrysler Automobiles ha venduto in Giappone esattamente 1.298 unità.

Il Giappone porta bene ad Alfa Romeo che cresce del 10,8% nel primo semestre

Grazie a questo incremento nelle vendite la quota di mercato di cui Alfa Romeo dispone in Giappone è pari allo 0,74 per cento. Questa crescita avviene tra l’altro in un mercato giapponese in calo del 3,5 per cento rispetto allo scorso anno. Dunque si tratta di un risultato in contro tendenza. Continuando così le cose è facile ipotizzare che il Biscione possa superare entro fine anno quota 2.500 unità, un traguardo che non viene più raggiunto dal marchio milanese in Giappone dal 2013.

Al momento questo è uno dei pochissimi mercati in cui la casa italiana cresce. Solo in Spagna nel primo semestre del 2019 si è registrato un risultato positivo del Biscione. In tutti gli altri principali mercati auto del pianeta Alfa Romeo è in calo a causa della mancanza di novità importanti nella sua gamma. Ricordiamo che in Europa nel primo semestre dell’anno il calo del Biscione è stato quasi del 40%. 

Leggi anche: Alfa Romeo: molto male le vendite nei principali mercati europei nei primi 6 mesi del 2019

Nel mercato auto nipponico infatti la casa automobilistica del Biscione è stata protagonista di un buon primo semestre del 2019

Leggi anche: Alfa Romeo bocciata, ecco quanto perde a giugno e nel primo semestre 2019

Argomenti: