Liù e Zoe: i cani che fiutano il cancro prima della diagnosi

Due pastori tedeschi in grado di fiutare il tumore prima della diagnosi: la storia di Liù e Zoe.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Due pastori tedeschi in grado di fiutare il tumore prima della diagnosi: la storia di Liù e Zoe.

La storia di Liù e Zoe è una di quelle che rimangono impresse nella memoria non solo dal punto di vista umano ma anche scientifico, se così possiamo dire. Liù e Zoe sono due pastori tedeschi che riescono a fiutare il tumore ancor prima della diagnosi. Sono nati e cresciuti al Cemivet di Grosseto, centro militare veterinario che collabora con l’equipe di urologia dell’Humanitas Mater Domini di Castellanza e grazie al loro olfatto hanno la capacità di diagnosticare il cancro alla prostata. I due cani sono stati addestrati per riconoscere l’urina dei pazienti malati di tumore prostatico e nel 98% dei casi, quindi una percentuale altissima, hanno azzeccato la diagnosi.

Una ricerca scientifica

Ma come è possibile che i due pastori tedeschi siano in grado di fiutare il cancro? Secondo la ricerca, in particolare il tumore alla prostata, produce delle sostanze volatili specifiche che il cane riesce a fiutare. Il percorso per arrivare all’addestramento dei cani però è lungo poiché – come spiega Gianluigi Taverna – bisogna capire quello che il cane fiuta, quale è metabolismo cellulare o tissutale che produce e sviluppare nuove tecnologie in grado di riconoscere i Vocs tumorali”. I due cani, soprattutto Liù, sembrano non sbagliare un colpo. L’urina dei pazienti viene mandata a Grosseto dove i due pastori tedeschi vivono e una volta fiutato il tumore il cane si siede e rimane fermo.

Questo gesto sembra così confermare che il cane ha scovato qualcosa e per loro scatta il premio: crocchette e giochi. Nel centro di Grosseto, dove i cani vivono, i militari stanno addestrando anche altri due meticci ma per adesso si tratta solo di uno studio scientifico che l’ospedale di Castellanza sta promuovendo con alcuni pazienti selezionati, servono però verifiche da parte del ministero della salute. Fino ad oggi, comunque, i due portentosi cani hanno “analizzato” 902 persone e non hanno sbagliato mai, se si siedono purtroppo è in atto un cancro alla prostata.

Leggi anche: Il mistero della gif silenziosa che fa ‘rumore’: e tu che suono senti?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cronaca e Curiosità, Salute e Benessere