Curava obesità con beveroni da 130 euro, naturopata condannato

Una donna che pesava 122 chili finita nella truffa di un naturopata che le ha fatto spendere 30mila euro in un anno per beveroni di aloe.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Una donna che pesava 122 chili finita nella truffa di un naturopata che le ha fatto spendere 30mila euro in un anno per beveroni di aloe.

Un naturopata è stato condannato per aver tentato di curare l’obesità con l’aloe. La protagonista di questa vicenda è una donna di 59 anni che ha speso 30mila euro in un anno per le cure prescritte dal sedicente medico. La donna, che pesava 122 chili, non riusciva più a vedersi in quello stato e così dopo due ricoveri aveva deciso di chiedere aiuto ad un dottore di naturopatia che le aveva prescritto dei veri e propri beveroni all’aloe dal costo di 130 euro ognuno, una cura che doveva andare avanti per nove mesi per fare effetto e far perdere i chili alla 59enne.

30mila euro in un anno senza alcun risultato

In realtà il prodotto prescritto conteneva solo il 10% di aloe e il 3,3% di fruttosio. La donna, disperata, aveva deciso di seguire le cure e nel giro di un anno è arrivata a spendere 30mila euro senza però ottenere nessun tipo di risultato, era rimasta obesa e non aveva perso un chilo. Così a finire nel mirino degli inquirenti è stato Gianfranco Lanza condannato in Tribunale a 1 anno e due mesi di reclusione per truffa aggravata. La donna ora chiederà il risarcimento danni come spiegato dai suoi avvocati: «siamo pienamente soddisfatti perché è stato riconosciuto e condannato il comportamento truffaldino dell’imputato. Ora sarà attivata la causa civile per il risarcimento dei danni». Il naturopata usava prescrivere beveroni costosissimi a base di “aloe arborescens brasiliana e aloe snelling, ogni tre giorni la donna doveva consumarne una bottiglia spendendo così cifre folli.

Leggi anche: Obesità fa rischiare il cancro: occhio ai chili di troppo

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Alimentazione, Salute e Benessere

I commenti sono chiusi.