Psicologia e mercati WEBNOVELA "la mandria" by Sceriffo (1 Viewer)

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
Risale all'anno 2000 quindi datata.

Prologo e Personaggi

Stati dell’ovest americano nell’anno 1862
Alan famoso capomandria è stato incaricato dai grossi allevatori (i grandi poteri economici) di radunare tutte le loro mandrie di manzi longhorn (i traders fai da te) e portarli lungo la pericolosa pista Chisum fino ai terminali della ferrovia dove verranno fatti salire sul treno dell’ultimo viaggio fino agli stabilimenti di macellazione nell’est del paese.
Per il suo duro e pericoloso lavoro Alan ha al suo fianco il suo vice Tim con un gruppo di duri killer, famosi per i massacri sia di indiani sia di mansuete vacche .Tra loro spiccano per la brutalità Tiscal ,di sconosciute origini ma dai forti tratti meticci, e Fin uomo del sud che deve la sua fortuna alla stangata che diede ai poveri coloni vendendogli sulla carta verdi pascoli a ben 170$ all’acro per poi ricomprarli a 50 quando tutti si accorsero che i verdi pascoli erano in realtà un deserto.
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
1° Puntata (qualche giorno fa)

Finalmente è terminata la prima parte del duro lavoro. I manzi sono nei recinti dopo alcuni mesi di libero pascolo nelle sconfinate praterie. I longhorn sono ormai belli grassi perché dopo il bruttissimo periodo di siccità, tra marzo e aprile, sono stati portati alle alte quote (fino a 48900) dove cresce erba fresca e sempreverde. Certo Tim ,Tiscal e Fin non si sono certo fatti scrupoli di lasciare in pasto ai coyotes le bestie più deboli, ma si sa è la dura legge della selezione naturale.
Alan e compagni stanno fumando appoggiati alle staccionate guardando i mansueti longhorn che non immaginano certo quello che li aspetta. Tra di loro c’è qualche vecchio e saggio toro che aveva cercato di sfuggire al raduno e avvertire gli ingenui e giovani manzi ma pochi li hanno ascoltati.
Alan stà organizzando la partenza per il 20 agosto ben sapendo che, per la brutalità dei suoi uomini, ne moriranno molti già durante il viaggio ma è importante arrivare per metà settembre. Infatti le nuove mandrie arriveranno sui pascoli da fine settembre in poi, sempre più numerose. Le lasceranno all’ingrasso almeno fino a marzo o aprile quando lo sporco lavoro ricomincerà.
Dalla sua lunga esperienza Alan sa bene che è meglio non spaventare le bestie quindi dice ai suoi uomini di portare un po’ di manzi alla volta a fare dei piccoli raid sui verdi pascoli per poi riportarli nei recinti. Questo terrà tranquilla la mandria fino alla partenza.
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
2° Puntata (oggi)

Dopo la sbornia colossale dell’ultima notte al saloon di Wally, all’alba i baldi cowboys si sono alzati di cattivo umore . Durante la colazione Alan ,per punirli, ha ordinato di fare la prova generale della partenza. Apriti cielo fischi, urla, muggiti e nella confusione qualche bestia già si è ferita di brutto.
Speriamo che sia solo una prova dice Tim ai suoi compagni ma, in realtà, nessuno di loro conosce le intenzioni del perfido Alan.
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
3° Puntata (4 agosto)

E’ il tramonto , Alan e i suoi tornano stremati all’accampamento dove li aspetta il cuoco cinese Xing con il suo caffè forte e caldo. E’ stata una giornata veramente dura per tutti .Bestie e uomini sono stremati.
La giornata era cominciata male, quel maledetto Tim era entrato come una furia nei recinti , le bestie si erano subito innervosite cominciando a muggire e spingere tanto che molte si erano azzoppate.
Il panico aveva dato i suoi primi segnali allora Alan chiama Fin e il meticcio Tiscal ordinandogli di prendere un po’ di bestie e di portarle al fiume.Il vecchio marpione sa benissimo che dopo l’abbeverata se ne staranno buone buone con i loro ventri gonfi d’acqua.
Tiscal e Fin ,scesi da cavallo, tirano fuori il tabacco e mentre rollano la meritata sigaretta si siedono all’ombra della quercia. Con grande sorpresa di Fin, Tiscal tira fuori un libro di tedesco e si immerge completamente nella lettura. Dopo un po’ il vecchio Fin ,morendo dalla curiosità ,chiede a Tiscal che cosa ci trovi di così interessante e allora l’altro gli spiega l’arcano.” Una volta incontrai uno stregone Yacqui che aveva passato molto tempo al servizio di un ranchero di origine tedesca con uno strano soprannome ,mi sembra DT ,comincia a raccontare Tiscal,e aveva imparato da lui che non c’era niente di meglio che parlare in tedesco a quelle stupide vacche per farsele venire dietro come agnellini. Quindi da oggi anch’io userò questo sistema e vedrai che prima della partenza per il viaggio senza ritorno quei longhorn saranno così mansueti che gli potrò succhiare anche il sangue.” Certo che questi meticci ne sanno una più del diavolo pensò fra se Fin.
Nel frattempo c’era un vecchio toro che diceva sempre di non sapere niente ai suoi giovani compagni di sventura ma, da furbo incallito quale era, si era messo a pascolare vicino alla quercia per cercare di capire che aria tirava ascoltando i discorsi dei due cowboys. Man mano che i due parlavano il timore di diventare bistecche aumentava sempre di più e allora cercò ancora una volta di persuadere gli altri a tentare una fuga prima che fosse troppo tardi. I giovani e inesperti manzi lo sbeffeggiarono come al solito dicendogli che non vedevano alcun pericolo all’orizzonte.
Il suo ultimo pensiero prima del tramonto fù che era proprio appropriato il nome di parco buoi per quella mandria.
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
4° Puntata (5 Agosto)

Lasciata la mandria nei pressi del fiume, al tramonto gli uomini tornano al campo dove trovano Alan tutto pimpante con un sorriso che gli andava da un orecchio all’altro.
Infatti quel giorno aveva scortato il carro dei rifornimenti fino in paese dove, dopo aver passato un po’ di tempo al club degli allevatori a rendere conto del suo sporco lavoro, era stato invitato per la sera allo spettacolo che avrebbe inaugurato il nuovo teatro costruito dalla combriccola con i soldi fatti con l’ultima mattanza di longhorn della stagione .

Non potete immaginare la gioia di Alan quando vide la locandina sulla porta del teatro. La star della serata sarebbe stata nientemeno che la donna dei suoi sogni ,la grande Calamity Janebarby famosa in tutto il west per la sua mira infallibile e bella come un angelo.
Tornato al campo, in un eccesso di generosità al quale i suoi uomini non erano abituati, era infatti famoso per la sua avarizia tanto che risuolava lo stesso paio di stivali da quasi vent’anni, invitò tutti allo spettacolo della bella Calamity Janebarby .
Gli uomini erano eccitatissimi. Tim si tagliò facendosi la barba con il nuovo rasoio marca Sir-ti regalatogli da suo padre Nik Col.. L’aveva ricevuto per il suo ultimo compleanno in una bellissima scatola tutta infiocchettata ma, come al solito quando c’era di mezzo suo padre, dentro c’era la fregatura.
La serata fu stupenda ed emozionante ,specialmente per Alan che non staccava gli occhi di dosso dall’amata Janebarby tanto che non si accorse nemmeno di quella pallottola che lei gli fece ruotare tre volte intorno alla testa prima di andare a colpire il bersaglio durante l’esibizione. Era veramente una tiratrice eccezionale!
Prima di lasciarla Alan l’invitò a visitare l’indomani il campo ,cosa che lei accettò immediatamente.
Il fascino del rude uomo del west aveva colpito ancora.
Al mattino tutti aspettavano con impazienza la visita e quando la videro scendere dalla collina in sella la suo baio, bella come Diana, tutti furono presi da un groppo alla gola .
Alan fu un anfitrione perfetto e l’adorabile Janebarby si sentiva sempre di più attratta da lui. Per distrarsi gli chiese di mostrarle i recinti con le bestie. Man mano che si avvicinavano però, la sua espressione sorridente si faceva sempre più seria fino a trasformarsi in profonda pietà per quelle povere bestie destinate al macello. Qualcosa scattò nella sua mente e fuggì via . Alan non era più l’affascinante cowboy ma uno spietato aguzzino e lei giurò che da quel giorno in poi sarebbe stata la paladina dei buoi e avrebbe fatto di tutto per aiutarli ad evitare il macello. Cominciava una nuova vita.
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
5° Puntata

E’ passata oramai qualche settimana e il grande viaggio non è ancora cominciato. Alan si reca in città quasi ogni mattina ma l’ordine di partenza non arriva mai e l’unica cosa che gli dicono i grandi allevatori è di tenere la mandria tranquilla perché in questo momento, all’est, la domanda di carne da macello è bassa. Infatti ,con l’ultima diligenza è arrivata la notizia dell’arrivo di enormi carichi di manzi macellati nel lontano Giappone e che a breve potrebbero arrivare grosse quantità di carcasse anche dall’Europa dove c’è stata una moria a causa di un virus detto TMT.
Alan, sempre più sconsolato, trascorre le sue giornate nel saloon di Wally dove da un pò di tempo è arrivato un nuovo giocatore di professione detto Heat’s ace ,un duro dagli occhi di ghiaccio e il fare accattivante .Tutte le sere il saloon si riempie di gente che vuole assistere alle partite con le sue vittime designate che più perdono più si accaniscono.
I suoi avversari ,oltre ad Alan ,sono: il sindaco Mib Thirty e il vecchio dottore Nik Key.
Ragazzi è uno spettacolo. Heart’s ace col suo sigaro puzzolente stretto tra le labbra dal ghigno diabolico , prevede tutte le loro mosse e, furbo come pochi, ogni tanto gli lascia qualche piatto di spiccioli per poi bastonarli sonoramente tanto che alla fine, quando escono, non sanno più in che direzione andare.
Ogni giorno che passa Alan, il sindaco Mib Thirthy e il dottor Nik Key vedono scemare la loro reputazione e il loro potere nella contea tanto che oramai ,forti degli insegnamenti di Heart’s ace, sono molti quelli che li sfidano e vincono al tavolo da gioco. La situazione è sempre più insostenibile per chi era abituato a far ballare gli altri come voleva e quindi decidono di vedersi segretamente per architettare un piano che gli faccia riacquistare tutto il loro potere.
L’incontro avverrà al Bce Corral a fine mese.
Cosa accadrà?
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
6° Puntata

E’ notte fonda quando Alan , Mib Thirty e il dottor Nik Key si riuniscono furtivamente nella stalla del Bce Corrall..
Quella che doveva essere l’occasione di un accordo per riprendere il potere nelle loro mani si trasforma presto in una lite. Alan accusa gli altri di essere dei veri polli per come si sono fatti maltrattare al tavolo da gioco da tutto il paese. Gli altri ,a loro volta, gli rinfacciano le forti cifre perse da quando anche l’ultimo sprovveduto cow-boy usa i metodi del grande Heart’s ace. L’atmosfera è oramai rovente ed Alan comincia lentamente a far scivolare la mano verso la sua Colt 45 colpito dal pensiero che, in fin dei conti , è lui e solo lui che ha la forza (economica) e non quei due alcolizzati vestiti da dandy che osano sfidarlo.
In quel momento entrano Mr Dax e Mr Cac i due fratelli siamesi proprietari del general store che erano stati invitati alla riunione da Mib Thirty. Tutto il paese sapeva infatti che quest’ultimo era solo un uomo di paglia dei due potenti fratelli siamesi. Apriti cielo, il disaccordo è totale e dopo un po’ è il tutti contro tutti . Solo lo spuntare dell’alba che scioglie la riunione senza nessun accordo, evita a qualcuno una brutta fine.
Alan mentre si dirige verso l’Hotel vede arrivare Tim a spron battuto che grida ”la mandria è fuggita ,la mandria è fuggita”. E’ il degno epilogo di una giornata terribile.
Raggiunto il campo Alan dà gli ordini per l’inseguimento ”dobbiamo riprendere quelle stupide bestie prima del tramonto e non mi importa quanto sudore dovrete spremere dai vostri cavalli ne quanta polvere dovrete mangiare” urla agli atterriti cow-boys che montano velocemente in sella e partono al galoppo.
Nel mentre la mandria continua a correre a perdifiato verso la collina dei 50.000 dove l'erba è fresca e abbondante. Alan e i suoi stanno sfiancando i loro mustang per raggiungerla ma sanno che non sarà facile .
Sul percorso preso dalla mandria ci sono ostacoli e canyon ma, per ora, i tori che guidano la corsa sono riusciti ad evitarle tutti .
All'orizzonte Alan intravede la zona dei canyon e comincia a pensare di spingerci la mandria per farla precipitare in uno di essi. "Così quegli stupidi manzi impareranno chi comanda e non oseranno più sfuggire dai recinti" dice a Tim che gli si era avvicinato preoccupato per come stavano andando le cose.
Come se gli avesse letto nel pensiero, il toro che guida la mandria avverte i suoi di preparasi ad affrontare il pericolo con la famosa manovra detta "stop profit". Sa bene che la maggior parte di loro ,eccitate dalla corsa ,potrebbero cadere dritte dritte nel canyon.
Tutti questi avvenimenti erano osservati dall’alto di una “mesa” dal grande guerriero Nas-Daq, capo della nazione “Navajo”. La sua vita è stata tutta una battaglia contro gli avidi visi pallidi come Alan e i suoi , colpevoli di aver sterminato milioni di bufali solo per prenderne la pelle, lasciando a marcire le carcasse nella prateria sconfinata.
In un impeto di solidarietà con quelle bestie che fuggono ,ordina ai suoi guerrieri di spingerle verso i suoi territori ,sottraendole così agli odiati uomini di Alan.
Egli sa bene che non c’è pascolo migliore di quella valle sicura chiamata in suo onore Nasdaq 5000.
Ce la faranno i nostri manzi ………
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
7° Puntata

E’ oramai una settimana che la nostra mandria, fuggita dai recinti, corre tra colline e praterie nell’intento di sfuggire definitivamente alla caccia spietata di Alan, e i suoi cow boys .Ogni sera all’imbrunire il cuoco Xing ferma il suo carro dei rifornimenti e subito prepara il campo per gli uomini che tornano stremati dalla fatica. L’aroma del suo caffè si diffonde nella prateria e li guida come un faro in riva al mare nella notte buia.
Dopo essersi sfamato con l’immancabile piatto di lardo e fagioli Alan raduna i suoi per preparare un piano d’azione per l’indomani. Le fiasche di whisky stanno passando da una mano all’altra quando si odono dei cavalli in arrivo. Gli uomini ,preoccupati perché durante la giornata avevano notato sulle colline i guerrieri del capo Nas-Daq, fanno scattare le sicure dei winchester e si riparano dietro al carro. Una voce tuona nella notte “Hola , Alan! Todo bien?
“Che mi venga un colpo “dice Alan”è quel ladrone di Olivares con i suoi muchachos”.
Legati i cavalli, i messicani si siedono intorno al fuoco mentre il cuoco Xing comincia a distribuire bottiglie di tequila.
Alla luce del fuoco Alan vede altre due facce conosciute ai vecchi tempi e cioè quegli avanzi di galera di Yellowpages e Solatecnost ,degni compari del loro capo.
Olivares racconta ad Alan che lui e i suoi lupacchiotti stanno fuggendo da molti giorni inseguiti dai Rurales (polizia militare messicana) dopo una rapina andata a male nella banca “Business Square” di Milancity . Dato che sono quasi alla fame,tanto da aver perso quasi la metà del loro peso, e senza più munizioni ,chiedono aiuto al vecchio compare Alan ,loro complice nel passato.
Alan sa bene che Olivares venderebbe sua madre per un pugno di dollari quindi gli propone di aiutarlo a catturare o massacrare quelle maledette vacche. Il piano è semplice : aggirare la mandria per tagliargli la pista che conduce alla valle Nasdaq 5000 e spingerle nella zona dei Devil’s Holes (buchi del diavolo) dove la mandria sarebbe costretta a fermarsi o a precipitare in uno dei tantissimi canyons. Olivares accetta con piacere e ordina ai suoi hombres di essere pronti all’alba.
Nel frattempo, in una piccola valle riparata, la mandria stà prendendo fiato e i due esperti manzi di testa ,quello che non sapeva mai niente e il giovane Din, si stanno strolicando il cervello per trovare una via d’uscita. Din dice all’altro che la pista “C ” è la più pericolosa e percorrerla provocherebbe un bagno di sangue quindi l’unica alternativa è quella leggera discesa che hanno davanti ma sfortunatamente egli non sa dove porta.
Dove porterà?
 

arseniolupin

Forumer storico
Registrato
8 Gennaio 2000
Messaggi
15.252
Località
disperso nel web
8° Puntata (11 / 09 / 2000)

Alle prime luci la mandria si rimette in cammino lentamente. Lo scoramento e la preoccupazione per il futuro incombono nell’aria. Durante la notte alcuni giovani e imprudenti torelli si sono avventurati fuori dalla piccola valle riparata alla ricerca di un pascolo migliore ma, sfortunatamente per loro, l’oscurità gli ha impedito di vedere quella grossa depressione del terreno dove sono caduti malamente.
Olivares e il suo gruppo di manigoldi ,che erano già sulle loro tracce, vengono attirati dal volteggiare lontano di un gruppo di avvoltoi.” Ho la sensazione che quelle maledette bestiacce oggi ci porteranno fortuna” dice Yellowpages a Solatecnost “affonda gli speroni nella pancia del tuo cavallo e andiamo a vedere”.
In una nuvola di polvere arrivano sul bordo della depressione dove li aspetta una spettacolo atroce. Ci sono decine di manzi sfracellati e la cosa peggiore è il lamentoso muggire dei pochi superstiti.
“Nemmeno io avrei saputo far meglio” dice Olivares arrivando al galoppo, poi qualcosa di strano sul fondo del baratro attira la sua attenzione. Tra le carcasse c’è uno stano luccichio che si riflette ai raggi del sole da una superficie nerastra. Disceso sul fondo i suoi stivali affondano in una melma maleodorante e vischiosa. ”Questo è petrolio” grida Yellpwpages che aveva visto i primi pozzi durante una scorribanda nel Texas.
Il cervello di Olivares impiega pochi secondi a recepire la notizia e dice: ”Siamo caduti su una miniera d’oro compadres “Infatti alcuni giorni prima ,mentre espletava alcune funzioni fisiologiche sulla riva del torrente, si era messo a leggere un ritaglio di giornale dove c’era un articolo che trattava le nuove scoperte di giacimenti dell’ Oro Nero e, nel suo torbido cervello, era rimasta impressa una frase: ” Chi controllerà questa nuova fonte di energia sarà il padrone del mondo”.
Nella sua mente cominciano a prendere forma scenari di immensa ricchezza e potere subito stoppati però da un pensiero maligno: ”Posso fidarmi di questo branco di cabrones? L’unico su cui posso contare è Enni ,detto El Gordo, che a parte l’aspetto di un san bernardo a 6 zampe, ha nelle sue vene il sangue della famiglia delle sette sorelle. Quella sì che è gente con i cojones” pensa mentre comincia a fare i piani per il futuro.
Fù così che cominciò l’era del petrolio ma questa è un’altra storia.

Intanto la mandria percorre un miglio dopo l’altro con un passo sempre più stanco ,non è più una fuga ma un lento peregrinare da un arido pascolo all’altro tanto che le povere vacche hanno perso il senso dell’orientamento.
La fame ,la stanchezza e la mancanza d’acqua cominciano a farsi sentire e qualcuna già rimpiange i recinti di Alan mentre le più deboli, stremate, si sono accasciate ai bordi della pista lasciando una scia di morte .
E’ il tramonto, un altro giorno inconcludente è passato, e il vecchio toro che non sapeva niente comincia a pensare che Alan e i suoi ora hanno un alleato in più. La loro mancanza di idee e di entusiasmo.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto