.... Vorrei UN CONSIGLIO... (rivolto ai PROFESSIONISTI) (1 Viewer)

Seashore

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
1.650
Località
FIRENZE
...
Data una serie di motivazioni
vorrei abbandonare il mio lavoro attuale (settore informatico)
per intraprendere qualcosa che + mi dà risultati e mi appassiona:
vorrei seriamente iniziare
ad investire in maniera professionale

A tal proposito volevo chiedere,
ai professionisti che leggono questo post,
come sono formalmente riconosciuti dallo Stato..

E' meglio diventare lavoratori indipendenti?!?
E con qual migliore qualifica?

Grazie per le risposte,
e scusate l'ignoranza ma di queste cose non me ne intendo proprio :)
 

sosa

Forumer storico
Registrato
2 Gennaio 2001
Messaggi
3.516
Località
cesena
devi aspettare che torni voltaire lui ti potrà dare precise indicazioni
ciao
 

alan1

Forumer storico
Registrato
2 Gennaio 2001
Messaggi
3.260
Io il 31/12/01 ho mollato il vecchio lavoro, ed ora vivo con questo.

La mia situazione è particolare perchè sono cmq socio in una società dove non svolgo lavoro in prima persona, sono però normalmente inquadrato in quanto ho una normale denuncia redditi.

Non ho quindi approfondito, ma credo che non avresti alcun riconoscimento se manterrai la posizione come risparmio amministrato,
dovresti quindi richiedere il regime dichiarativo andando incontro a diversi disagi, non ultimo ovviamente la maggior influenza delle plusvalenze.


Certamente Volt ti potrà fornire altri particolari sul Forum Diritti Investitore o qui.
 

Seashore

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
1.650
Località
FIRENZE
alan1 ha scritto:
Non ho quindi approfondito, ma credo che non avresti alcun riconoscimento se manterrai la posizione come risparmio amministrato,
dovresti quindi richiedere il regime dichiarativo andando incontro a diversi disagi, non ultimo ovviamente la maggior influenza delle plusvalenze.

Okay,
come immaginavo ...
grazie mille Alan ;)

Aspetterò il consiglio del grande Voltaire
 

giuseppe.d'orta

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
11.471
Ecchime, anche se di passaggio: anticipo che non esiste alcun tipo di inquadramento dell'attività di trading, poiché il tutto si risolve in un'attività di amministrazione del proprio patrimonio.

Al mio ritorno mi soffermerò sui vari aspetti.
 

Seashore

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
1.650
Località
FIRENZE
Voltaire ha scritto:
Ecchime, anche se di passaggio: anticipo che non esiste alcun tipo di inquadramento dell'attività di trading, poiché il tutto si risolve in un'attività di amministrazione del proprio patrimonio.

Al mio ritorno mi soffermerò sui vari aspetti.

Grazie Volt,
attendo lumi ;)
 

Soraya2

Forumer attivo
Registrato
7 Maggio 2002
Messaggi
689
Voltaire ha scritto:
Ecchime, anche se di passaggio: anticipo che non esiste alcun tipo di inquadramento dell'attività di trading, poiché il tutto si risolve in un'attività di amministrazione del proprio patrimonio.

Al mio ritorno mi soffermerò sui vari aspetti.

Ciao sea , io continuerei con il lavoro di sempre
come ben dice il buon Giuseppe
la prima regola è non perdere per cui a buon intenditor
poche parole Ciao

buona fortuna

ps sapresti indicarmi se oggi va su oppure giu? non ho il polso del mkt vista l'assenza per cui aiuteresti un neofita ignorante su tante tecniche che vista l'ignoranza classifico come esoteriche:(
grazie

astieniti se mi dici su e giu perche nel web di questa immondizia c'è ne da nausearti , pure la mail quotidiana della sig turri la classifico come spazzatura allo stato puro visto che ti da tg sotto e sopra come dire se non sale , scende facile no??

buona giornata
 

giuseppe.d'orta

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
11.471
Riassumo ciò che scrivemmo in un thread sull'argomento, tempo fa.

Svolgere trading non è un'attività lavorativa autonoma intesa in senso stretto, poiché non sussitono obblighi di iscrizione all'ufficio IVA, presentare bilanci, oneri fiscali, previdenziali, ecc.

Ovviamente, non si gode nemmeno dei benefici previsti per le attività professionali (pensione, ecc.)

Giuridicamente, gli atti di investimento, di speculazione e di finanziamento quando sono coordinati in modo da configurare un'attività unitaria possono dare luogo ad impresa commerciale se ricorrono gli ulteriori requisiti dell'organizzazione e della professionalità (altrimenti siamo nel campo del godimento o amministrazione del proprio patrimonio).


Esiste, pertanto, differenza tra a) attività produttiva; b) attività di godimento; nonchè tra lavoratore autonomo e imprenditore.

Quanto alla professionalità, è nozione tecnica prevista dall'art. 2082 c.c. ("professionalmente").

Su un altro piano si pomgono gli aspetti fiscali (apertura della partita iva): ma gli aspetti civilistici (statuto dell'imprenditore) e quelli fiscali spesso non coincidono.

La qualificazione di una figura è indipendente dall'avvenuta iscrizione o meno presso un registro (si tratta di questione a valle della qualificazione, non a monte).


Art 2082 cc: riguarda la definizione di imprenditore, non di professionalità
" Imprenditore - E' imprenditore chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi".

Mancano nel trader, i requisiti di professionalità ed economicità.

Per la definizione di "professionalità" non esiste una definizione rintracciabile nel cc ma si fà invece riferimento, nella prassi giuridica, ad una competenza erogata sistematicamente A TERZI.
Quindi nel caso del trader: anche se esercita un'attività organizzata con continuità, questa manca della professionalità giuridica, che è diversa da quella tecnica intesa nel senso di competenza e bagaglio di conoscenze.
Difatti, il consulente è un professionista, (pur non essendo iscritto all'albo) xchè vende le sue consulenze a qualcun'altro, non a se stesso.

Per quanto riguarda il requisito di economicità, mancherebbe anche quello, nel trader, poichè manca lo scambio effettuato con un terzo d'un prodotto/servizio al quale io trader ho aggiunto valore.
Difatti, il valore aggiunto della speculazione non è di certo il gain,
(difatti è tassato al 12,5% non al 20% come l'IVA) se proprio si vuole cercare un valore aggiunto nella speculazione si deve fare riferimento ad un concetto che è molto più sottile di quello classico, e riguarda alcune teorie economiche.... tipo l'efficienza dei mercati finanziari.. Io infatti sono convinto, per lo meno in teoria, che il prodotto di noi trader, possa essere proprio questo: contribuiamo alla quotazione delle aziende, dando un voto al relativo management... fondiamo le decisioni di partecipare o no ad un collocamento sulla base delle nostre visioni (non quelle delle banche che invece influenzano i piccoli risparmiatori).

La nostra retribuzione è direttamente proporzionale alla correttezza delle valutazioni, correttezza desunta dalla pluralità dei soggetti che formano il mercato, noi inclusi. Questo potrebbe essere il nostro vero valore aggiunto, qualora la nostra attività abbia un peso tale da poter determinare una direzione anzichè un'altra... ma non mi pare sia così.


Le plusvalenze non sarebbero tassate al 12.5% ma, rientrando nell'attività di impresa, andrebbero a bilancio e tassate con l'aliquota progressiva IRPEF (o con l'IRPEG, se società) e con le varie imposte, tasse, ecc. poi ci sarebbero i contributi previdenziali (ricordo che i contributi INPS hanno un minimo di circa 1000 euro annui, al momento) .
 

giuseppe.d'orta

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
11.471
Josè Arcadio ha scritto:
se uno vuole fare il trader di professione, ufficialmente sarebbe disoccupato ?
E, sia la pensione che la sanita' dovrebbero essere coperte da suoi versamenti.

Tutto esatto.

Quanto al lato previdenziale, lo vedo come un vantaggio, visto che le future contribuzioni INPS non saranno paragonabili ai costi sostenuti, nel tempo, per i versamenti obbligatori.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto