Vendita appartamento a meno di 5 anni dall'acquisto: FAQ... (1 Viewer)

Registrato
29 Aprile 2015
Messaggi
0
Località
Milano
Come da oggetto.
Ciao a tutti, finalmente, forse, vendo appartamento che ho in ballo da circa 14 mesi.
Ho qualche domanda:

1) Ho acquistato a Settembre del 2013. So che vendendo prima dei 5 anni dovrò versare all'AdE il 6% di differenza tra l'I.V.A. agevolata del 4% che pagai ed il 10% + una piccola "multa" o comunque degli interessi. Il tizio dell'agenzia immobiliare mi ha detto che per 130.000€ saranno circa... 10.000€, €+, €-. La domanda è: so che dovrei acquistare altra abitazione prima di un anno per non pagare questi soldi, ma... come funziona esattamente la cosa, nel senso... posso prendere anche un piano ancora da sistemare e quindi non abitabile dell'abitazione dove ora sto con la mia ragazza, che è formata da 3 piani tutti intestati a lei, diciamo, e pagarlo... una cifra simbolica o c'è un minimo?
2) Ho varie detrazioni IRPEF di cui sto usufruendo relativamente a quell'appartamento (box, mobilia, etc.), solo che sono solamente al 3 anno. So che è possibile "portarsele dietro" scrivendolo nel contratto di vendita (rogito). Chi mi sa dire esattamente cosa va scritto e come funziona? Non so, se vanno citate delle norme di legge...
3) In tale appartamento lascio cucina fatta su misura (senza elettrodomestici), mobiletto salotto, armadio a muro/dispensa e bagno completo formato da mobile, specchio e box doccia con sauna (solo il box... 1.600€), per un totale di 10.000€. Ovviamente chi mi ha fatto offerta non vuole darmi 1€ in più per tutti i mobili. Voi che dite, porto via anche il box doccia? Ma si può fare? Nel senso... se lo porto via la tizia dovrebbe acquistarne uno simile, dato che non c'è il piatto doccia. E' poggiato direttamente sul pavimento e collegato ad attacchi per acqua sul muro, non ci sono rubinetti, per cui dovrebbe fare tutto quando, rompendo il muro. Non so se si intende che un bagno sia completo, quando si vende...
4) Giusto per scrupolo... appartamento del 2013, ho dovuto abbassare il prezzo che pagai di un 10% circa. E' a mercato, dite?

So che mi sono dilungato ma le cose da chiedere non sono poche.
Vi prego di scusarmi e... grazie a quanti mi aiuteranno... ;)
 

max.6990

Nuovo forumer
Registrato
20 Giugno 2016
Messaggi
19
ciao,se non ho capito male stai rivendendo ad un prezzo più basso di quello di acquisto,è così? se si non devi pagare niente, le spese che hai citato nel punto 1 ci sarebbero qualora rivendi ad un prezzo più alto di quanto pagato da te. é una prassi che serve per evitare speculazioni finanziarie,ma se si rivende anche prima di 5 anni ad un prezzo inferiore sei in regola e non dovrai pagare nulla
 
Registrato
29 Aprile 2015
Messaggi
0
Località
Milano
Esatto, rivendo ad un 10% in meno.
Ho firmato la proposta dell'acquirente, a mio malincuore, ma... tantè.
Il titolare della mia agenzia però mi ha detto che quando farò il rogito, SE NON FIRMERO' CONTESTUALMENTE un preliminare di compravendita relativo ad altra abitazione, dovrò lasciare un assegno al notaio dell'importo del 6% dell'I.V.A. + interessi e piccola multa (quindi non ci sono multe perchè il prezzo è inferiore?).
Se entro un anno dal rogito acquisterò altra abitazione l'assegno mi verrà restituito dal notaio stesso, altrimenti andrà allo stato.
Puoi spiegarmi bene come funziona la cosa?
E' proprio così?
Inoltre, sarebbe possibile se mi intestassi PARTE della villa di proprietà dei miei genitori per evitare la cosa?
Dovrei fare residenza da loro, giusto?
 

max.6990

Nuovo forumer
Registrato
20 Giugno 2016
Messaggi
19
ciao. tu al notaio NON devi lasciare nessun assegno, non è lui che si occupa di recuperare le tasse ma l'agenzia delle entrare come prima cosa,poi ti confermo che vendendo ad un prezzo inferiore di quello di acquisto non sei soggetto a sanzioni e puoi anche non riacquistare un altro immobile. Ovviamente quando deciderai di comprare godrai nuovamente delle agevolazioni prima casa. Dopo che hai venduto puoi fare residenza ovunque non essendo soggetto a multe o rimborsi di credito d'imposta sempre per il fatto che non cè stato guadagno dalla vendita che stai facendo. Ciao
 
Registrato
29 Aprile 2015
Messaggi
0
Località
Milano
ciao. tu al notaio NON devi lasciare nessun assegno, non è lui che si occupa di recuperare le tasse ma l'agenzia delle entrare come prima cosa,poi ti confermo che vendendo ad un prezzo inferiore di quello di acquisto non sei soggetto a sanzioni e puoi anche non riacquistare un altro immobile. Ovviamente quando deciderai di comprare godrai nuovamente delle agevolazioni prima casa. Dopo che hai venduto puoi fare residenza ovunque non essendo soggetto a multe o rimborsi di credito d'imposta sempre per il fatto che non cè stato guadagno dalla vendita che stai facendo. Ciao
Scusami ma non ho capito!!!
Intendi dire che se vendo ad un prezzo inferiore di quanto ho pagato, PRIMA DEI 5 ANNI da quando ho acquistato, NON DEVO pagare la differenza riguardo l'I.V.A. agevolata?
Sei il primo che mi dice questa cosa...
Sei sicuro anche riguardo l'assegno?!?
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto