Vendere prima dello stacco, o incassare il dividendo? (1 Viewer)

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
22.167
Località
Via Lattea
Credo che venderò un titolo su cui sono in plusvalenza, per ottimizzare lo "zainetto" o "cuscinetto" di perdite riportate.
I mercati finanziari crolleranno a causa di questo mio gesto?
Dopo lo stacco, devo per forza ricomprare lo stesso titolo?
 

lupoalberto66

Forumer storico
Registrato
18 Ottobre 2011
Messaggi
18.055
Credo che venderò un titolo su cui sono in plusvalenza, per ottimizzare lo "zainetto" o "cuscinetto" di perdite riportate.
I mercati finanziari crolleranno a causa di questo mio gesto?
Dopo lo stacco, devo per forza ricomprare lo stesso titolo?



Dipende se hai in carico 20 Ceramiche Ricchetti o 1 miliardo e mezzo di Eni :mmmm:

Nel primo caso l' impatto sarebbe devastante, dovresti essere prudente :-o
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
22.167
Località
Via Lattea
Più o meno è la stessa cosa, penso, credo.
Senza cuscinetto, sì.

Ma, se negli ultimi 5 anni hai perso un milione in borsa, e hai una plusvalenza latente di un milione su un investimento di dieci, e la società sta per staccarti un dividendo da un milione (la tua quota), è meglio vendere il titolo prima dello stacco: così "consumi" il cuscinetto e non paghi tasse sulla plusvalenza. Bilancio in pari: alla fine, hai in banca 11 milioni di euro e zero cuscinetto.
Se invece incassi il dividendo, ti arrivano 740mila euro, quindi di fatto hai pagato delle tasse su un utile che non hai realizzato. Alla fine hai nel portafoglio titoli un investimento da 10milioni (dopo lo stacco), in banca 740mila euro, e un cuscinetto da un milione che "devi" comunque consumare (dopo 5 anni scade).

Dipende se hai in carico 20 Ceramiche Ricchetti o 1 miliardo e mezzo di Eni :mmmm:

Nel primo caso l' impatto sarebbe devastante, dovresti essere prudente :-o
Ok, farò a piccoli lotti da 50.000 ENI per volta.
 

lupoalberto66

Forumer storico
Registrato
18 Ottobre 2011
Messaggi
18.055
Senza cuscinetto, sì.

Ma, se negli ultimi 5 anni hai perso un milione in borsa, e hai una plusvalenza latente di un milione su un investimento di dieci, e la società sta per staccarti un dividendo da un milione (la tua quota), è meglio vendere il titolo prima dello stacco: così "consumi" il cuscinetto e non paghi tasse sulla plusvalenza. Bilancio in pari: alla fine, hai in banca 11 milioni di euro e zero cuscinetto.
Se invece incassi il dividendo, ti arrivano 740mila euro, quindi di fatto hai pagato delle tasse su un utile che non hai realizzato. Alla fine hai nel portafoglio titoli un investimento da 10milioni (dopo lo stacco), in banca 740mila euro, e un cuscinetto da un milione che "devi" comunque consumare (dopo 5 anni scade).



Ok, farò a piccoli lotti da 50.000 ENI per volta.


ContagnnenteEni :ghh:
:d:

Dipende se hai in carico 20 Ceramiche Ricchetti o 1 miliardo e mezzo di Eni :mmmm:

Nel primo caso l' impatto sarebbe devastante, dovresti essere prudente



Mi riferivo a Ceramiche :D

Ne trattano 3 al giorno, se ne scarichi 20 di colpo hai idea del trauma :-?:-D
 
Ultima modifica:

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
22.167
Località
Via Lattea
Eh, non ricordo la marca.
Comunque, per la cucina (rifatta nell'estate 2015) abbiamo abbandonato le piastrelle sulle pareti: pare non siano più obbligatorie, grazie allo sfrenato liberismo imposto dal malvagio Governo Monti a suo tempo.

Per il pavimento della cucina abbiamo usato piastrelle bislunghe grigie opache con disegno simil-legnoso, che oggi non ricomprerei (le sedie non ci scorrono bene, nemmeno coi feltrini di cui sono sponsor).
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto