Uscire dall'Euro: i vantaggi dell'Italia (1 Viewer)

Enzo L.

Nuovo forumer
Registrato
21 Settembre 2010
Messaggi
94
Località
Lecce
Secondo Ambrose Evans Pritchard del Telegraph, l'Italia avrebbe tantissimi vantaggi ad uscire dall'Euro. Per l'autore il vero svantaggio del nostro paese è restare nell'Euro e beccarsi i vari piani di austerità che stanno massacrando gli italiani.
L'articolo offre molti spunti interessanti e molti argomenti ai nostalgici della Lira. Ma pecca di eccessivo ottimismo, quasi che l'uscita dell'Italia dall'euro fosse una sorta di premessa da cui partire per poter trovare le giustificazioni più appropriate. Ma ripeto, questa è un'impressione mia

Due Passi Avanti Verso la Crescita, la Liberazione, e la Lira Italiana

:)
 

Enzo L.

Nuovo forumer
Registrato
21 Settembre 2010
Messaggi
94
Località
Lecce
Gli analisti di Merril Lynch confermano che il nostro paese avrebbe molti vantaggi a uscire dall'euro in modo volontario...."Perché l’Italia? Perché l’Italia, come altri paesi che stanno soffrendo a causa dell’essere uniti alla valuta forte, beneficerebbe dall’aumento nella competitività delle esportazioni", affermano tra l'altro gli analisti

In visti dall'estero
Perché l’Italia è il paese che ha più convenienza ad uscire dall’euro
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
22.153
Località
Via Lattea
Paesi indebitati come l’Italia avrebbero dei benefici anche dal ridenominare i loro debiti in valute locali di minor valore. Questo, naturalmente, presuppone che l’Italia possa semplicemente dichiarare che 100 euro di titoli di debito ora valgono100 lire. Questo modo “può non portare automaticamente ad un default,” dicono gli autori, perché la legge locale che regola l’emissione del debito sovrano concede ai governi una più ampia libertà di ristrutturare i loro obblighi, senza innescare un default.
Ma se l’Italia ha un incentivo relativamente debole a rimanere nell’euro, la Germania potrebbe corromperla per rimanere, dal momento che la Germania soffrirebbe di una uscita Italiana? Qui Vamvakidis e Woo si rivolgono alla teoria dei giochi, lo strumento del processo decisionale sviluppato da giganti come John von Neumann e John Nash, “A Beautiful Mind”. Essi concludono che l’Italia avrebbe un incentivo ad uscire anche dopo che la Germania pagasse una tangente. Sapendolo, la Germania non pagherà mai la tangente come prima cosa, non volendo buttare via i soldi.
Interessante anche l'analisi "psicologica".

Aggiungerei solo che questa potrebbe diventare una classica "profezia auto-avverantesi": se un numero crescente di risparmiatori e/o investitori si convincerà del fatto che l'Italia uscirà dall'euro, si regoleranno di conseguenza, esportando legalmente o meno i capitali, aprendo conti correnti o comprando obbligazioni in CHF, USD, GBP o emesse in Euro ma da debitori non italiani (Bund ecc.).
Ma, se questa previsione inizierà a verificarsi e i flussi in uscita cresceranno sempre di più, la carenza di liquidità del sistema bancario italiano e soprattutto l'indisponibilità di risorse per lo Stato renderanno l'uscita dall'Euro l'unica soluzione possibile, a prescindere dal fatto che una eventuale analisi razionale avesse evidenziato l'opportunità di rimanerci.



Quasi quasi, io inizio a fare un bancomat nel Canton Ticino.
 

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.886
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
Interessante anche l'analisi "psicologica".

Aggiungerei solo che questa potrebbe diventare una classica "profezia auto-avverantesi": se un numero crescente di risparmiatori e/o investitori si convincerà del fatto che l'Italia uscirà dall'euro, si regoleranno di conseguenza, esportando legalmente o meno i capitali, aprendo conti correnti o comprando obbligazioni in CHF, USD, GBP o emesse in Euro ma da debitori non italiani (Bund ecc.).
Ma, se questa previsione inizierà a verificarsi e i flussi in uscita cresceranno sempre di più, la carenza di liquidità del sistema bancario italiano e soprattutto l'indisponibilità di risorse per lo Stato renderanno l'uscita dall'Euro l'unica soluzione possibile, a prescindere dal fatto che una eventuale analisi razionale avesse evidenziato l'opportunità di rimanerci.



Quasi quasi, io inizio a fare un bancomat nel Canton Ticino.

giusto

ma se è vero che la strategia lavora per paradossi ( come da testo di Luttwak) , allora mettere in giro questa idea potrebbe anche spingere la D ad accelerare la ricerca di una soluzione
si nota infatti come , nel decision tree, la D dia sempre penalizzata ... la soluzione migliore resta un'altra
 

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.098
ma certo sono loro che ci hanno voluto nell'euro e adesso vogliono che usciamo, agli ordini!!!

non bisognava entrarci invece
non male... basta che ci consentano di valutare il debito nella nuova Lira :D

e in definitiva poi..... La Germania si degni di comportarsi come la CINA fa con gli USA
[ame=http://www.youtube.com/watch?v=XKFs6P_RyGo]Alberto Bagnai - YouTube[/ame]
 

INVESTITOR23

Forumer attivo
Registrato
23 Maggio 2012
Messaggi
205
ma certo sono loro che ci hanno voluto nell'euro e adesso vogliono che usciamo, agli ordini!!!

non bisognava entrarci invece
Parole sante , un mio amico lo ha sempre detto, e' stato un errore entrare nell'euro e prima ne usciamo e meglio e' . Se molta gente ne prende coscienza forse adotta comportamenti che spingano in tal senso come dice Ignatius.
 

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.886
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
Parole sante , un mio amico lo ha sempre detto, e' stato un errore entrare nell'euro e prima ne usciamo e meglio e' . Se molta gente ne prende coscienza forse adotta comportamenti che spingano in tal senso come dice Ignatius.

il problema imho non sta nell'euro
sta nella politica fiscale degli ultimi venti anni

se non sistemiamo la niostra politica fiscale, questi problemi saranno ricorrenti ogni 20 anni
l'alternativa ?
svalutare

geniale vero? :) sembra che svalutando diventiamo tutti più ricchi


garmellini :

Mettono tenerezza i cittadini che chiedono la rottamazione dell’euro e il ritorno alla vecchia moneta. Non rimpiangono la lira, ma il tempo della lira. Quando le famiglie risparmiavano ancora, l’economia cresceva poco ma cresceva, e la svalutazione gonfiava gli affari. Fare un mutuo costava il doppio di adesso e l’inflazione viaggiava a due cifre, però i cinesi stavano dietro la Muraglia, gli slavi ansimavano dietro il Muro e i brasiliani e gli indiani esportavano solo miseria. Il mondo era un posto relativamente piccolo e ordinato che coincideva con l’Occidente. Ma se oggi tornasse la lira, di quel tempo tornerebbe soltanto lei. Insieme con l’inflazione a due cifre. I cinesi non andrebbero certo indietro, e nemmeno i brasiliani. In compenso noi andremmo al supermercato con la carriola: non per infilarci la spesa ma i soldi necessari a comprarla. Una pila di cartaccia che della vecchia lira conserverebbe soltanto il nome. Secondo i calcoli più ottimistici perderemmo in un giorno il 30 per cento del valore di tutto ciò che ci resta, diventando la replica della Germania di Weimar che fece da culla al nazismo.

Mettono tenerezza i cittadini spaventati dal futuro, quando si aggrappano a un passato che non può tornare. Mentre provocano soltanto rabbia quei politici che queste cose le sanno benissimo, ma preferiscono lisciare il pelo del popolo impaurito invece di guardarlo negli occhi e dirgli parole adulte: che chi perde la strada deve resistere alla tentazione di tornare indietro, perché solo andando avanti troverà il sentiero che lo riporterà sulla strada perduta.
 

big_boom

Forumer storico
Registrato
28 Febbraio 2009
Messaggi
10.541
Località
ora nell'inferno delle tasse italico
Secondo i calcoli più ottimistici perderemmo in un giorno il 30 per cento del valore di tutto ciò che ci resta, diventando la replica della Germania di Weimar che fece da culla al nazismo.
[/B]
in Grecia notoriamente paese estremista (la prima democrazia e' nata la :D) il 10% della popolazione con questo euro e' gia' sulla via del nazionalsocialismo

senza fare calcoli l'euro sul pil dei paesi europei incide per il 40% non per incremento della produzione o delle aziende ma solo come indotto da valuta+debito

ma io alla mattina mi bevo il caffe' non il pil non so se rendo l'idea
 
Ultima modifica:

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.886
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
in Grecia notoriamente paese estremista (la prima democrazia e' nata la :D) il 10% della popolazione con questo euro e' gia' sulla via del nazionalsocialismo

senza fare calcoli l'euro sul pil dei paesi europei incide per il 40% non per incremento della produzione o delle aziende ma solo come indotto da valuta+debito

ma io alla mattina mi bevo il caffe' non il pil non so se rendo l'idea
(la prima democrazia e' nata là)
2500 anni fa, in Atene,: a Sparta la musica era un poco diversa
in seguito, sempre ad Atene , son successe un sacco di cose: ad esempio
http://it.wikipedia.org/wiki/Trenta_Tiranni
e così via per secoli



sempre sul versante storico, ma più recente e direi in linea con la tua citazione del nazionalsocialismo greco, sarebbe il caso di leggere anche questo ?
Dittatura dei colonnelli - Wikipedia
 
Ultima modifica:

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto