Un pò di macroeconomia a supporto del Forex (1 Viewer)

marcos88

Nuovo forumer
Registrato
26 Agosto 2013
Messaggi
125
Materie prime in rialzo

Il repentino rialzo messo a segno dall'indice Reuters/Jefferies Crb Index nelle ultime due settimane riflette le aumentate tensioni in Egitto. Non solo sul Brent si notano tensioni al rialzo, anche il prezzo dell'oro recentemente si è mosso nella stessa direzione ed è lecito attendersi un ulteriore rialzo. Questo almeno fino a quando la Fed non deciderà di dare inizio al "tapering", all'assottigliamento del programma di alleggerimento quantitativo, rafforzando il dollaro e di conseguenza, in base alla ben nota correlazione inversa, imprimendo una spinta al ribasso sul prezzo delle materie prime, oro compreso. In attesa di questi eventi sembra comunque essersi aperta una finestra, all'interno della quale operare in acquisto sulle materie prime.

L'oro potrebbe tentare, in caso di rottura in area 1.370 dollari, un allungo in direzione di 1.420 dollari l'oncia. Fintanto che i prezzi si manterranno al di sopra dell'area 1350 sarà lecito credere in un prolungamento del movimento ascendente verso il target successivo a 1.490 dollari circa, ovvero il massimo di maggio. Rimbalzi fino ai 1.500 dollari sarebbero in ogni caso da intendere come un fenomeno correttivo. Se in ottica di breve e medio periodo strategie di acquisto, attivate al superamento delle resistenze indicate, sono applicabili, in ottica temporale più estesa il rialzo dei prezzi verso area 1.500 potrebbe fornire una buona occasione per alleggerire le posizioni lunghe in attesa di nuovi segnali di forza che possano essere duraturi. L'eventuale immediata violazione di area 1.350 e successivamente di 1.270 aprirebbe la strada a flessioni verso i supporti successivi a 1.210 e 1.180.
Abbiamo anche la possibilità di rimbalzo per il rame, il cui grafico evidenzia una figura a doppio minimo disegnata tra giugno e luglio con base in area 6.700, completata il 7 agosto con il superamento del picco del 23 luglio a 7.117. Se le quotazioni troveranno la forza per lasciarsi alle spalle anche area 7.475, diverrà lecito considerare la reazione in atto da alcune settimane più di un semplice rimbalzo tecnico. Primo target in quel caso a 7.675, e solo le discese al di sotto di area 7.000 costringerebbero ad archiviare le attese di un rialzo. Molto simile la condizione grafica dell'alluminio: i prezzi hanno disegnato una figura a doppio minimo, con base in area 1.750-1.770 tra fine giugno e fine luglio, figura completata poi con la rottura dei 1.860 punti che ha fornito la base per un rimbalzo che si è avvicinato in area 1.950. Il superamento anche di area 1.970 confermerebbe la volontà di un rimbalzo, con obiettivi a breve a 2.020 e 2,080.
 

marcos88

Nuovo forumer
Registrato
26 Agosto 2013
Messaggi
125
Fase cruciale per l'euro
Nonostante l'apprezzamento del dollaro contro euro, dopo la presentazione delle minute dell'ultimo incontro di politica monetaria della Fed, il quadro grafico di fondo resta favorevole all'euro. L'euro/dollaro in settimana ha toccato i massimi da metà febbraio a 1,3450 circa per poi ritracciare e tornare sotto la quota critica di 1,34. Quella attuale è dunque una fase decisiva in ottica di medio termine, dato che in caso di stabilizzazione oltre area 1,34 si creerebbero le condizioni per un ulteriore allungo verso il massimo annuale di area 1,3710, con buone possibilità di assistere poi alla ripresa del movimento ascendente originato dal minimo dell'estate 2012 in area 1,2050. Questo scenario verrebbe messo in discussione nel caso in cui le quotazioni dovessero scendere sotto 1,32, operazione che darebbe il via a un arretramento verso 1,30/1,3050 almeno. Tale supporto si dimostrerà, se raggiunto, determinante per scongiurare un'inversione di tendenza in senso ribassista, favorevole quindi al dollaro, e il conseguente ritorno sui minimi annuali allineati a 1,2750/1,2800 ed eventualmente sul bottom del novembre 2012 a 1,2662.
 

marcos88

Nuovo forumer
Registrato
26 Agosto 2013
Messaggi
125
Mercato rotto?..... Problemi in vista?

La rottura di alcuni indicatori chiave, così come un vortice di correnti incrociate e discordanti, indicano che la situazione potrebbe essere più critica e violenta dei cali che si sono verificati finora nel 2013... Il mercato azionario ha rimbalzato leggermente Mercoledì, il sentimento di un guaio in vista sta crescendo , e non solo a mio parere!! L'S & P 500 ha rotto la sua media mobile a 50 giorni, e l'attività di trading nel CBOE Volatility Index mostra che i partecipanti al mercato sono alla ricerca di protezione al ribasso. Doug Kass a Seabreeze Partners ha dichiarato evidenti i problemi che stanno dietro la caduta del mercato: la Siria (nella quale si può presumere un imminente conflitto), un cambiamento nella leadership della Federal Reserve, il tanto atteso tapering (quanto e quando si ridurrà la politica monetaria espansiva della FED), effetti a catena sulla debolezza dei mercati emergenti, una potenziale ricaduta della crisi nella zona euro, lo stallo del mercato immobiliare, e dati economici domestici discordanti. A Kass si e’ aggiunto Saut , il capo stratega degli investimenti al Raymond James, per cui ( testuali parole ) “ Il gioco non vale la candela” .Saut ha osservato la rottura della media mobile Martedì e una goccia al di sotto del livello di 1.639 intraday il 21 agosto dopo la riunione della Fed della scorsa settimana; a tutto cio’ si aggiungerebbero anche gli investitori preoccupati che la banca centrale possa iniziare a ridurre i suoi 85 miliardi di dollari mensili per gli acquisti di obbligazioni prima di quando il mercato possa veramente assorbire questa scelta.
Saut dubita della media mobile a 200 giorni, attualmente a 1.558; non sarebbe il momento di comprare , nel medio termine le azioni sembrano avere un orientamento negativo, anche se otteniamo un rimbalzo a breve termine grazie alla condizione di ipervenduto..


Cosa ne pensate ???

 

gipa69

collegio dei patafisici
Registrato
11 Novembre 2002
Messaggi
24.426
Località
liguria
Ma da dove lo hai preso? comunquee Saut me lo sono letto tutto e non è affatto negativo, pensa che la correzione possa ulteriormente approfondirsi ma che dopo dovrebbe riprendere il mercati rialzista mentre il commento nel suo complesso sembra molto negativo.

Certamente si sta costruendo un top importante ma i top riservano sempre sorprese
 

marcos88

Nuovo forumer
Registrato
26 Agosto 2013
Messaggi
125
L'emergenza nel mercato può innescare la recessione globale

Matteo Anelli (special analyst di Assistenza Brokers): l'emergenza nel mercato può innescare la recessione globale.

La disfatta nelle valute dei mercati emergenti è improbabile che possa essere contenuta e potrebbe portare ad una crisi globale, secondo il parere di Matteo Anelli (special analyst di Assistenza Brokers).
Anelli, è noto per le sue vedute estremamente ribassiste e sostiene che il forte calo nelle valute asiatiche dei Paesi emergenti costringerà la Cina a svalutare lo yuan, al fine di rimanere competitivi e che, a sua volta, farà scattare la deflazione nelle economie occidentali e, successivamente, potrà condurre ad una recessione. (Per saperne di più: Goldman declassa le valute emergenti dell'Asia)
"Al momento, gli investitori pensano che i problemi sono isolati ad alcuni paesi dei mercati emergenti, che hanno permesso al loro disavanzo corrente di sfuggirgli di mano. Vedo questo come l'inizio di un processo in cui il più traballante domino possa cadere e far cadere l'intera precaria struttura amante del rischio, che i nostri politici hanno costruito ", Anelli ha detto in una nota.
"La rotta dei mercati emergenti non è che il cinguettio finale del canarino nella miniera di carbone", ha aggiunto.
Anelli ritiene che le conseguenze della ricaduta saranno terribili, e ha ribadito alcune delle sue più recenti e drastiche previsioni.
L'oro salirà a 10.000 dollari per oncia, ha detto, mentre i buoni del Tesoro degli Stati Uniti renderanno meno dell'1 per cento e l' S&P 500 precipiterà oltre il 72 per cento a livello di 450. Egli,però, non ha dato un calendario per queste mosse.
Per sostenere la sua visione, Anelli ha confrontato la performance dell'indice S&P 500 nel 2013 e la performance dell'indice appena prima del Lunedi nero il 19 ottobre del 1987 - in cui le azioni di Wall Street sono crollate del 20 per cento.

La prossima crisi globale?
Stephen Roach di Yale lancia l'allarme sui mercati emergenti e spiega perché pensa che l'economia globale potrebbe essere nelle prime fasi di una crisi. "Ampi disavanzi correnti rendono vulnerabili i mercati emergenti", dice.
Egli ha fatto riferimento anche ai recenti cali dei prezzi del rame, che sono diminuiti del 3 per cento nel corso delle ultime due settimane e sono ampiamente visti come un indicatore di fiducia dell'economica globale e rappresentano un segnale di avvertimento per un crollo del mercato azionario.

Anelli prevede, inoltre, che in caso di una recessione globale, la banca centrale degli Stati Uniti sarà intenzionata, probabilmente, ad intraprendere una nuova e aggressiva fase di quantitative easing (QE).
“In definitiva, mi aspetto una nuova fase di QE aggressivo che porterà inflazione e che è improbabile che possa essere contenibile, "ha aggiunto.
Lo special analyst ha avuto un certo successo con le sue previsioni nel passato tra cui prevedere la recente crisi finanziaria, ma non tutte i suoi avvertimenti sono giunti a buon fine.
 

gipa69

collegio dei patafisici
Registrato
11 Novembre 2002
Messaggi
24.426
Località
liguria
Matteo Anelli (special analyst di Assistenza Brokers): l'emergenza nel mercato può innescare la recessione globale.

La disfatta nelle valute dei mercati emergenti è improbabile che possa essere contenuta e potrebbe portare ad una crisi globale, secondo il parere di Matteo Anelli (special analyst di Assistenza Brokers).
Anelli, è noto per le sue vedute estremamente ribassiste e sostiene che il forte calo nelle valute asiatiche dei Paesi emergenti costringerà la Cina a svalutare lo yuan, al fine di rimanere competitivi e che, a sua volta, farà scattare la deflazione nelle economie occidentali e, successivamente, potrà condurre ad una recessione. (Per saperne di più: Goldman declassa le valute emergenti dell'Asia)
"Al momento, gli investitori pensano che i problemi sono isolati ad alcuni paesi dei mercati emergenti, che hanno permesso al loro disavanzo corrente di sfuggirgli di mano. Vedo questo come l'inizio di un processo in cui il più traballante domino possa cadere e far cadere l'intera precaria struttura amante del rischio, che i nostri politici hanno costruito ", Anelli ha detto in una nota.
"La rotta dei mercati emergenti non è che il cinguettio finale del canarino nella miniera di carbone", ha aggiunto.
Anelli ritiene che le conseguenze della ricaduta saranno terribili, e ha ribadito alcune delle sue più recenti e drastiche previsioni.
L'oro salirà a 10.000 dollari per oncia, ha detto, mentre i buoni del Tesoro degli Stati Uniti renderanno meno dell'1 per cento e l' S&P 500 precipiterà oltre il 72 per cento a livello di 450. Egli,però, non ha dato un calendario per queste mosse.
Per sostenere la sua visione, Anelli ha confrontato la performance dell'indice S&P 500 nel 2013 e la performance dell'indice appena prima del Lunedi nero il 19 ottobre del 1987 - in cui le azioni di Wall Street sono crollate del 20 per cento.

La prossima crisi globale?
Stephen Roach di Yale lancia l'allarme sui mercati emergenti e spiega perché pensa che l'economia globale potrebbe essere nelle prime fasi di una crisi. "Ampi disavanzi correnti rendono vulnerabili i mercati emergenti", dice.
Egli ha fatto riferimento anche ai recenti cali dei prezzi del rame, che sono diminuiti del 3 per cento nel corso delle ultime due settimane e sono ampiamente visti come un indicatore di fiducia dell'economica globale e rappresentano un segnale di avvertimento per un crollo del mercato azionario.

Anelli prevede, inoltre, che in caso di una recessione globale, la banca centrale degli Stati Uniti sarà intenzionata, probabilmente, ad intraprendere una nuova e aggressiva fase di quantitative easing (QE).
“In definitiva, mi aspetto una nuova fase di QE aggressivo che porterà inflazione e che è improbabile che possa essere contenibile, "ha aggiunto.
Lo special analyst ha avuto un certo successo con le sue previsioni nel passato tra cui prevedere la recente crisi finanziaria, ma non tutte i suoi avvertimenti sono giunti a buon fine.
che la crisi possa partire dagli emergenti e' un mio vecchio cavallo di battaglia.. chissa se è ancora valido...
 

marcos88

Nuovo forumer
Registrato
26 Agosto 2013
Messaggi
125
Chissà Gipa69 .... staremo a vedere !! Fai il trader o sei solo appassionato di finanza ?
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto