Un nuova strategia di trading system: "Bull flattener" (1 Viewer)

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Concludo qui al momento, segnalando di nuovo l'interesse dell'aspetto didascalico rispetto a quello operativo.

Indagare in questo modo, come ho fatto adesso, non porta (quasi mai) a nulla. In sostanza si indaga sull'evidenza, senza accorgersene ma esattamente alla stessa stregua di coloro che approntano tools atti a comprare in un mercato e poter vendere simultaneamente in un altro mercato, affermando poi a braccia aperte in modo sconsolato "Ah... Se avessi..." mentre in realta' anche costoro sanno benissimo che gli arbitraggi tra mercati senza rischio sono delle perle assai rare in tempi di totale automazione.

Gli arbitraggi sul reddito fisso occorre studiare se possano emergere delle opportunita' da poterseli costruire, con un'operativita' nel tempo indirizzata alla ricerca degli effetti derivati dall'indiscutibile fenomeno presente della "carta nuova scaccia carta vecchia" ( e scusate l'anacoluto, ricercato e voluto :) )
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Nuovo tema.

In attesa del 12 settembre 2012, puntare su una asset allocation combinazione di bond extraue (es. Norvegia, Svizzera, Canada Australia) piu' bonds Pigs (solo Italia, ad esempio) promette un profilo di rischio piu' efficiente di un portafoglio All Germania ?

La mia idea e' si, perche' qualora la corte costituzionale tedesca dica no qualcosa altro si inventera', per cui non vi e' rischio eccessivo che dai 450 attuali si vada a 600. I bond extraue dovrebbero coprire il rischio di questo scenario pessimistico.

Qualora la corte costituzionale tedesca dica SI, vi potra' essere la possibilita' che dai 450 attuali si vada facilmente a 300, per l'effetto combinato salita dei tassi tedeschi e discesa dei tassi Italia.

Perche' allora il mercato non sconta questo scenario LONG PIGS piu' LONG BOND EXTRAUE instead of ALL LONG GERMANY che, magari con troppa ingenuita', io giudico uno scenario win win ? :-?
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Ho segnalato un'operativita' possibile, ma tranquilla, di asset allocation.

Per gli "sfegatati" la strategia alternativa che ricalca quella sopra e'

1) Short Bund
2) Long Mix Governativi ExtraUe Cinquestelle (Canada Australia Norvegia Svizzera, paesi che pagano mediamente sui governativi dal 0 al 3%) piu' future Eurex sul BTP, in proporzione da stabilire.

No Long su Tnote per il rendimento troppo basso in rapporto al rendimento dei mix governativi ExtraUe e al rischio di perdita della Tripla A
 

Erunion

Nuovo forumer
Registrato
16 Gennaio 2010
Messaggi
48
In una strategia long PIGS, perchè comprare BTP e non esporsi direttamente sulle sub bancarie di gruppi solidi?

Nello scenario da te descritto, con una diminuzione del rischio Italia segue una diminuzione del rischio sulle banche del nostro Paese, i cui bond subordinati dovrebbero sovraperformare i titolo di stato.
Restano ovviamente gli interrogativi su come si comporterebbero in caso di interventi "dall'alto".
Un vero peccato che la discussione che hai aperto sull'argomento presso la concorrenza sia rapidamente deragliata (anche se la cosa non mi ha affatto stupito :rolleyes: ).
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
In una strategia long PIGS, perchè comprare BTP e non esporsi direttamente sulle sub bancarie di gruppi solidi?

Nello scenario da te descritto, con una diminuzione del rischio Italia segue una diminuzione del rischio sulle banche del nostro Paese, i cui bond subordinati dovrebbero sovraperformare i titolo di stato.
Se andiamo a comperare Sub al posto di governativi pigs immettiamo altre variabili ancora, di difficile valutazione.

La mia proposta di sostituire il bund tedesco con una combinazione di
1) btp (o pigs)
2) governativi extra-ue Cinquestelle

nasce e si sviluppa all'interno del dibattito della teoria di immunizzazione, introdotta per bene qui

http://www.finanzaonline.com/forum/...o/1314241-replica-sintetica-obbligazioni.html

quando all'epoca simulai l'acquisto di BTP con una combinazione di
1) governativi irlandesi 22%
2) bund tedesci 78%

fu un'idea a quel tempo abbastanza felice, perche' si rivalutaziono sia 1 che 2 mentre il nostro BTP crollo'.

Ora la moda pare sia diventata il long-short debito tedesco (short) vs. debito americano (long), ma ritengo che entro l'orizzonte del 12.9.2012 sia una combinazone dal profilo - rischio rendimento molto piu' rischioso per un percettore italiano rispetto alla combinazione BTP+DEBITO ExtraUE cinquestelle.

Comunque siamo ancora a livelli di pareri e di opinioni, nulla di concreto.
Anche perche' replicare il debito ExtraUe cinquestelle per stilare un quadro di hedging preciso per il 12.9 non e' facile come operare sui futures.

Ciao
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Un vero peccato che la discussione che hai aperto sull'argomento presso la concorrenza sia rapidamente deragliata (anche se la cosa non mi ha affatto stupito :rolleyes: ).
Nessun rammarico, si era fatto in tempo a leggere chi aveva schiacciato il pulsante corretto. L'asserita classificazione delle subordinate bancarie con una distinzione tra L(ower)Tier 2, che pure hanno le clausole di salvaguardia migliori, e le altre sub viene a cadere in caso di interesse pubblico prevalente per il salvataggio del sistema bancario. Se io dovessi tagliare il mazzo delle carte, non la farei tagliando senior+LT2 dalle altre, ma tagliando il mazzo nel punto di separazione tra covered e tutte le altre, e poi, dovendo tagliare ancora il mazzo, taglierei le senior da tutte le altre subordinate.

Anche se nel caso Bankia la Commissione penalizzasse le U(pper) Tier 2 a scendere e salvaguardasse le LT2 non avremmo di che gioire per possibili soluzioni diverse applicabili all'Italia in contesti di drammatica crisi dei sistemi bancari.

Salvo, riesumandolo dall'Arena, un intervento tra i migliori che annulla molte delle certezze adamantine dei Folisti in merito di intangibilita' delle LT2 ... :)

Originalmente inviato da Imark
L'autonomia negoziale delle parti incontra il proprio limite, in tutti gli ordinamenti continentali, nel conflitto con l'interesse pubblico e cede dinanzi a norma imperativa che recepisca un interesse pubblicistico prevalente rispetto a quello delle parti private.

Circa gli LT2, è senz'altro vero quanto scrive in merito alla non sospendibilità della cedola o al taglio del nominale come caratteristiche normative del tipo (attenzione: di norma contrattualistica, generata appunto dalla pattuizione fra debitore e creditore obbligazionista), e tuttavia è altrettanto vero che, in caso di default, l'obbligazionista detentore di LT2 avrà titolo a vedere soddisfatta la propria pretesa su quanto residua a seguito del soddisfacimento degli obbligazionisti senior unsecured, il cui titolo di credito è sovraordinato rispetto al loro.

A propria volta, i senior unsecured hanno titolo sugli attivi generici della banca (sempre in caso di insolvenza) residuati dopo che i titolari di bond covered (i senior secured bancari) avranno fatto valere il proprio diritto sugli attivi specifici elevati a collaterale a garanzia del proprio credito.

Questa è l'impalcatura giuridica delle pretese dei creditori obbligazionisti nei confronti della banca, ove risultasse insolvente.

Ora riporti a tutto questo la situazione di un mercato obbligazionario europeo in cui da circa un anno quasi nessuna banca, se non le più solide di paesi eurocore, riesce ad emettere titoli sub, e molte banche di paesi europeriferici hanno serie difficoltà a collocare titoli senior unsecured (se non al proprio retail...).

Inserisca in tale contesto la circostanza per cui molti attivi di banche europeriferiche sono stati conferiti alla BCE (a me piace dire: dati in pegno, essendo questa la sostanza dell'operazione) nel contesto delle due operazioni di LTRO, per averne liquidità che le stesse banche hanno utilizzato 1) per richiamare titoli sub a quotazioni sovente distressed e migliorare i propri ratio patrimoniali; 2) per fare fronte a proprie scadenze debitorie su titoli in scadenza, essendo altrimenti impossibilitate ad accedere al funding a costi praticabili e dunque al rollaggio delle scadenze; 3) per comprare titoli di stato del paese di appartenenza e calmierare gli spread con i tds tedeschi.

Conclusioni, e mi scuso per la lunghezza.

1) In Europa ci sono molte banche insolventi, o almeno ritenute tali dal mercato, in virtù della qualità dei propri attivi, inclusi titoli di stato emessi da stati che dovranno ristrutturare.

2) I detentori di bond sub bancari di molte banche europee, in questo contesto, è da un pezzo che ballano con i lupi, visto che si potrà sempre dire che queste banche sono di fatto insolventi e che, nel contesto di una procedura di tipo fallimentare, il recovery stimabile del loro credito sarebbe tendente a zero.

3) Tale ultima considerazione autorizza l'intervento di una normativa pubblicistica che si sostituisca alle norme pattizie, in nome dell'interesse superiore alla salvaguardia delle finanze pubbliche dei singoli stati, che nei sistemi di civil law porterà ad imporre perdite coercitivamente dapprima agli obbligazionisti sub, e un domani, occorresse, anche sui senior unsecured di singole banche o di interi sistemi bancari.
 
Ultima modifica:

reef

...
Registrato
18 Giugno 2003
Messaggi
4.028
Venerdì ci sarà l'asta, ma il consueto movimento a ribasso pre-asta oggi è stato interrotto. Quindi le ipotesi sono:
1. Gli speculatori credono che gli acquisti sul secondario della BCE possano far fallire la strategia, quindi per questa settimana si chiude qui con piccoli movimenti laterali.
2. Per ora si rifiata, ma da oggi pomeriggio/domani riprenderanno i ribassi (aumento spread) fino alla mattina dell'asta (venerdì), quando il popolo italiano ricompenserà lautamente chi attua questa strategia sopraffina.
3. La piccola vittoria di Monti convince gli speculatori che si può puntare su un reverse acquistando massicciamente sul secondario e in asta per alcune settimane, abbassando inizialmente lo spread, per poi rialzarlo quanto basta per riversare tutto sulla BCE.
:)
Queste considerazioni del 10/7 scorso si sono riproposte in questa settimana delle aste.
Sembra che "qualcuno" (potente e in gamba) abbia finalmente deciso di stoppare il "pasto gratis" di chi puntava al massimo spread durante l'asta per andare short prima e long dopo. Pasto a spese del popolo italiano.
Come italiani non possiamo che essere soddisfatti di questo. Con buona pace di chi ha tratto qualche guadagno da questi movimenti così prevedibili...
 

Allegati

Cren

Forumer storico
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.729
Sembra che "qualcuno" (potente e in gamba) abbia finalmente deciso di stoppare il "pasto gratis" di chi puntava al massimo spread durante l'asta per andare short prima e long dopo. Pasto a spese del popolo italiano.
Scusami, reef, ma non credo a presunte buone intenzioni di chi opera in questo settore.

Non vorrei che si trattasse semplicemente di far rifiatare la vacca prima di tornare a mungerla: chi opera in quel modo, sa che c'è un limite oltre il quale il manico del coltello passa al debitore.
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Scusami, reef, ma non credo a presunte buone intenzioni di chi opera in questo settore.

Non vorrei che si trattasse semplicemente di far rifiatare la vacca prima di tornare a mungerla: chi opera in quel modo, sa che c'è un limite oltre il quale il manico del coltello passa al debitore.
La mia impressione e' che i quantitativi in offerta fossero lillipuziani e che la regola di mungere il popolo italiano continua e continuera' a valere e varra' ancora per le aste di BTP di 10 miliardi, che peraltro la Cannata non emette con piacere per l'intento evidente oramai a tutti di ridurre la duration del debito pubblico.

Peraltro sono usciti in questi giorni da parte della stampa specializzata -esempio il Corriere, siti on line etc. - tutta una serie di gaffe compreso l'evidenza che ad essere offerti fossero CTZ e BTPEi, non BTP.

Inoltre si e' scritto di un rendimento del 4,19 per il 2019, quando questo rendimento non era riferito ai BTP.

Trovo addirittura singolare l'opinione dei TG nazionali, che ieri sera parlavano di

TG1 - aste andate bene, perche' sottoscritte
TG LA7 - aste andate non bene, nonostante siano state sottoscritte per i tassi che non scendono
 

Cren

Forumer storico
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.729
...aste di BTP di 10 miliardi, che peraltro la Cannata non emette con piacere per l'intento evidente oramai a tutti di ridurre la duration del debito pubblico.
Perdonami, non ho affatto compreso cosa intendevi dire con la frase citata.

Intendi dire che la Cannata sarebbe contraria ad emettere maturity decennale perchè il tentativo è ridurre la duration del nostro debito?

Tenere alta la duration (almeno 6 ~ 7 anni) è una manovra perfetta dal punto di vista politico: si scarica sul successore il peso di pagare gli interessi e ci si gode la spesa pubblica a pioggia :D
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto