Un nuova strategia di trading system: "Bull flattener" (2 lettori)

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Posso chiedere "solitamente" cosa succede ai titoli nelle date "calde"?avete qualche storico?
Esiste uno storico dei richiami di UC fornito dal solito andre Saint sul FOL che evidenzia come UC abbia sempre richiamato per valori dei corsi da circa 95 a 98 verso l'ultima finestra disponibile per il richiamo, ovvero il giorno ultimo a disposizione. In quel post si illustrava uno storico di 7-8 casi (vado a memoria)

Attenzione che qui siamo a quota 82-83, cioe' ben lontani.
 

Cren

Forumer storico
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.729
Attenzione che qui siamo a quota 82-83, cioe' ben lontani.
Se non recupera, tender offer @ 86 ~ 90.

Così ho parlato :futuro:

:D

A parte gli scherzi, i titoli a media e lunga scadenza possono soffrire di oscillazioni di prezzo tali da allontanare così tanto il corso secco dal call price che effettivamente c'è da farsi delle domande.

D'altro canto la cosa si può anche leggere al contrario: i titoli a breve scadenza, specie questi a tasso variabile, sono così poco sensibili a variazioni dei tassi d'interesse che praticamente l'unico elemento aleatorio è proprio la Call.

Ovvero: se siamo sicuri che l'emittente chiamerà sempre titoli con prezzo > 95 ~ 96 (così ci dicono gli storici), allora la probabilità di trovarsi attorno a quel prezzo in prossimità della call date è tanto maggiore quanto minore è la vita residua del titolo, per l'effetto di convergenza verso la parità che è sempre meno influenzato dagli altri fattori di rischio e sconta solamente l'evento "insolvenza sì" / "insolvenza no".
 

Erunion

Nuovo forumer
Registrato
16 Gennaio 2010
Messaggi
48
Se mi date un ISIN di un titolo che recentemente è stato soggetto a call, vedo di procurarmi qualcosa.
Unicredit: XS0249857094
Generali: XS0114165276

Generali penso abbia fatto un po' storia a parte, visto che le due settimane prima della call l'hanno scaricata sino a circa 90. Per molti giorni scaricavano lotti da retail (10-20k ad eseguito), poi mi ricordo anche un paio di giorni con eseguiti molto più corposi.
Confesso che sono stato indeciso sino all'ultimo se acquistare o meno, poi questi eseguiti grossi mi hanno spaventato e ho, purtroppo per me, lasciato perdere.

Il bond è poi volato in pochissimo tempo, non per l'annuncio di call, che mi pare di ricordare essere stato confermato qualche giorno più tardi, ma per la notizia del collocamento del sub "new style" al 10,125% (è uscita la news all'ora di pranzo)
 

Cren

Forumer storico
Registrato
26 Novembre 2011
Messaggi
1.729
Ok, allora prendo questa che ha una storia meno travagliata:
Unicredit: XS0249857094
E' stata chiamata il 7 aprile 2011 @ 100.

Non riesco ad avere dati più granulari di così, ma ho segnato con un'icona tutte le volte in cui UniCredit ha richiamato @ 100 delle proprie emissioni callable.

I prezzi sono medie OTC, non riesco ad avere i dati dai mercati regolamentati.

Dal 2006 ad oggi il grafico mi segnala quasi una trentina di circostanze.

Addirittura guardate la seconda immagine: come si fa a non pensare che, a cavallo del 2008 - 2009, l'annuncio di call non sia stato uno strumento ad hoc per riprendersi merito di credito dopo il crollo?

Il tempismo è semplicemente perfetto.

Un'altra osservazione importante dalla prima immagine: sembra quasi che la call su un'altra emissione sia la miccia che innesca gli acquisti sulla callable che ha la call date appena successiva; immagino che il ragionamento sia questo: se hanno richiamato l'obbligazione XYZ, allora lo faranno anche per quella che ha la prossima call date tra - esempio - 4 mesi, perchè è improbabile che non abbiano la possibilità di farlo a così breve distanza.

Se bisognava indovinare l'ingresso, bisognava farlo prima del gennaio 2011, dopo i margini sono troppo sottili e il titolo sconta già il rimborso anticipato @ 100.

Piedi a Terra: il tuo amico dentista ragiona così o il suo paziente preferito lavora in UniCredit? :D
 

Allegati

Ultima modifica:

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Visto che nessuno ha commentato il tuo intervento provo a dare un'interpretazione.

Prendiamo il caso della IT0004345242: c'è in giro un flottante di €1,340,575,000 (di questo, parte sarà, in un modo o nell'altro, nel portafoglio della banca, quindi non c'è esborso totale in caso di call).

Il prezzo di emissione è stato di 100, quindi UniCredit ha raccolto €1,340,575,000 con l'obiettivo di pagarci sopra poco più dell'EURIBOR 3M, finanziarsi così le sue operazioni (acquisto di titoli di Stato? :D) e poi restituire il tutto.

Il titolo è stato emesso nel 2008.

Va da sè che richiamare @ 100 alla prossima call date significa semplicemente aver impiegato debito per €1,340,575,000 con una durata pari o inferiore a cinque anni e che abbia reso più dell'EURIBOR 3M: se queste condizioni sono soddisfatte, e UniCredit ritiene che non esercitare la Call comporti danni rilevanti sul costo di funding, può permettersi di non pagare questo rischio.

Per adesso vi sembra ragionevole o sto delirando?
Non conosco ovviamente il metro di decisione dell'issuer, ma immagino quale possa essere.

Non si fanno valutazioni relative al passato come quella da te prospettata, ma valutazioni indirizzate al futuro.
Una valutazione potrebbe essere, per l'appunto, quanto ci costa l''investimento in tender offer e quali le ricadute positive in un minor costo futuro del funding ? Ok a questo tuo insight.

Ma un'altra considerazione e' piu' importante, e non e' possibile trascurarla: quale il costo e quale l'impatto dell'operazione in bp sul core tier 1 ?

La seconda considerazione e' sicuramente decisiva ed e' probabile che i piu' scaltri trader che stanno attaccati tutto il giorno al telefono (neologismo:"stanno sul pezzo" ho letto sui forum) con l'investor relator si siano fatti rivelare o lasciar scappare il dato dell'impatto dell'operazione di richiamo sulle regolamentazioni EBA.
 
Ultima modifica:

luka46

Dracarys
Registrato
10 Marzo 2005
Messaggi
1.354
Ok, allora prendo questa che ha una storia meno travagliata:

E' stata chiamata il 7 aprile 2011 @ 100.

Non riesco ad avere dati più granulari di così, ma ho segnato con un'icona tutte le volte in cui UniCredit ha richiamato @ 100 delle proprie emissioni callable.

I prezzi sono medie OTC, non riesco ad avere i dati dai mercati regolamentati.

Dal 2006 ad oggi il grafico mi segnala quasi una trentina di circostanze.

Addirittura guardate la seconda immagine: come si fa a non pensare che, a cavallo del 2008 - 2009, l'annuncio di call non sia stato uno strumento ad hoc per riprendersi merito di credito dopo il crollo?

Il tempismo è semplicemente perfetto.

Un'altra osservazione importante dalla prima immagine: sembra quasi che la call su un'altra emissione sia la miccia che innesca gli acquisti sulla callable che ha la call date appena successiva; immagino che il ragionamento sia questo: se hanno richiamato l'obbligazione XYZ, allora lo faranno anche per quella che ha la prossima call date tra - esempio - 4 mesi, perchè è improbabile che non abbiano la possibilità di farlo a così breve distanza.

Se bisognava indovinare l'ingresso, bisognava farlo prima del gennaio 2011, dopo i margini sono troppo sottili e il titolo sconta già il rimborso anticipato @ 100.

Piedi a Terra: il tuo amico dentista ragiona così o il suo paziente preferito lavora in UniCredit? :D
hai per caso una schermata delle date?Scusa Cren se approfitto ma gia che ci sono ti chiedo come viene annunciata la call dall'emittente? ha un orario prestabilito (tipo in chiusura/apertura/random)?
 

Erunion

Nuovo forumer
Registrato
16 Gennaio 2010
Messaggi
48
Addirittura guardate la seconda immagine: come si fa a non pensare che, a cavallo del 2008 - 2009, l'annuncio di call non sia stato uno strumento ad hoc per riprendersi merito di credito dopo il crollo?

Il tempismo è semplicemente perfetto.
Per annuncio intendi il comunicato ufficiale? Perchè in tal caso mi pare di osservare che sia avvenuto circa 18 mesi dopo, un po' troppo per avere dei vantaggi tangibili.
Nel mesi successivi a marzo 2009 tutti i bond hanno corso moltissimo, anche le peggio ciofeche.

Diverso invece il discorso per richiami in periodi più caldi, come nel caso di questo altro titolo: XS0198037839
 

luka46

Dracarys
Registrato
10 Marzo 2005
Messaggi
1.354
Per annuncio intendi il comunicato ufficiale? Perchè in tal caso mi pare di osservare che sia avvenuto circa 18 mesi dopo, un po' troppo per avere dei vantaggi tangibili.
Nel mesi successivi a marzo 2009 tutti i bond hanno corso moltissimo, anche le peggio ciofeche.

Diverso invece il discorso per richiami in periodi più caldi, come nel caso di questo altro titolo: XS0198037839
si scusa, è un argomento completamente nuovo per me, ma volevo capire, ho visto che ci sono delle date in cui ci può esserci una call, quindi mi chiedevo se ci sono dei modi e tempi obbligati per comunicare questo al mercato.

tu dici che io posso sapere 18 mesi dopo se è stata callata?:eek:

ps: avete del materiale specifico per studiarsi questo particolare segmento di mercato?
Vi ringrazio per la pazienza
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
ps: avete del materiale specifico per studiarsi questo particolare segmento di mercato?
Vi ringrazio per la pazienza
Sul libri di tredinglibrary, ma debbono necessariamente presentare
il preambolo "Come..." (guadagnare, speculare, arbitraggiare, investire, guadagnare da part-time, da pensionato,etc. etc. etc.)
la preposizione "con"
(l'AT, i cicli, gli oscillatori, le lune, i fondi di caffe', etc.)
e non debbono costare meno di 80 Euro cadauno nel prezzo di copertina, anche se poi li trovi usati sulle bancarelle dei mercatini rionali per 2 Euro.

:)
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 2)

Alto