un,dos,tres,un pasito bailante by mototopo (1 Viewer)

mototopo

Forumer storico
Registrato
23 Aprile 2011
Messaggi
8.715
MONTI CONFESSA: NON HO IL PIANO DI RIPRESA !!!

DI ANTONIO MICLAVEZ

Se andate al sito di Aljazeera, ascoltate l'intervista con Monti che si intitola: "Mario Monti: Italy is done with austerity" (video all'interno dell'articolo) che potrebbe significare o che l'Italia ha finito con l'Austerità, o piuttosto che l'Italia è finita a causa dell'austerità. Purtroppo la risposta giusta è la seconda. Ascoltare i primi 5 minuti dell'intervista. Il giornalista chiede a Monti che era andato a batter cassa nel Golfo: "Lei chiede che noi investiamo in un'Italia dal futuro roseo, ma adesso che ha creato l'austerity, è calato il denaro in circolazione, la gente è disoccupata... come farà a rilanciare l'economia? Qual'è il piano di rilancio dell'economia italiana?" Ed ecco come risponde un vero gentleman: " In quanto la ripresa prevedeva il primo periodo di austerity, l' austerity è parte integrante della ripresa e quindi l' austerity è LA ripresa !!"
 

bullandbear

Forumer attivo
Registrato
2 Novembre 2012
Messaggi
689
scandalo in Germania.... Dax +1,07 %

http://it.finance.yahoo.com/q/bc?s=^GDAXI&t=1d
 

mototopo

Forumer storico
Registrato
23 Aprile 2011
Messaggi
8.715
Sovranità: l'Argentina ha incassato due vittorie


Kirchner mette la museruola alla finanza speculativa
di Filippo Ghira - 05/12/2012
Fonte: Rinascita


L'Argentina ha incassato in meno di una settimana due vittorie all'insegna della difesa della propria sovranità economica e dell'indipendenza nazionale. La prima di tipo giudiziario e l'altra più politica consistente in una iniziativa legislativa che riveste un grande significato per il Paese sudamericano che con Cristina Kirchner sta rinnovando tutti i grandi temi della tradizione peronista e che per questo si è attirata la piena ostilità della finanza Usa e del suo maggiordomo alla Casa Bianca.

La corte d'appello di New York ha bloccato l'attuazione della sentenza emessa la settimana scorsa dal giudice federale,Thomas Griesa, con la quale si intimava a Buenos Aires di pagare 1,33 miliardi di dollari ai detentori dei titoli che avevano respinto le due ristrutturazioni del debito nazionale nel 2005 e 2010, a seguito della bancarotta dichiarata dal governo argentino nel 2001. Detentori che, detto per inciso, sono esclusivamente fondi speculativi Usa che avevano presentato ricorso al tribunale di New York per ottenere il rimborso al valore nominale pieno di quei titoli in bancarotta e che essi avevano acquistato ad una cifra oscillante tra i 20 e i 25 centesimi per dollaro.
Una bella pretesa quella dei banditi di Wall Street ma che evidentemente ha trovato in un tribunale federale un altro bandito togato pronto a sostenerla. Griesa aveva stabilito che l'Argentina depositasse entro il 15 dicembre in un fondo di garanzia quei 1,3 miliardi di dollari pretesi dagli speculatori. La data nella quale l'Argentina dovrà pagare 3,3 miliardi agli obbligazion...
 

mototopo

Forumer storico
Registrato
23 Aprile 2011
Messaggi
8.715
Futuro governo a guida bersani- -
FUTURO GOVERNO A GUIDA BERSANI- -
&lta href='http://admanager.adintend.com/delivery/ck.php?n=a814cff8&ampcb=INSERT_RANDOM_NUMBER_HERE' target='_blank'&gt&ltimg src='http://admanager.adintend.com/delivery/avw.php?zoneid=129&ampsource=dagospia%40adintend.com&ampcb=INSERT_RANDOM_NUMBER_HERE&ampn=a814cff8' border='0' alt='' /&gt&lt/a&gt


Nei bar puzzolenti della City dove si ritrovano i trader con le bretelle rosse, non si percepisce la paura dell'Apocalisse per la discesa in campo di Mister Berlusconi e per l'eventuale fine del Governo Monti.
MARIO MONTI E VITTORIO GRILLI jpegQuesto secondo evento era già stato previsto da alcune settimane, e gli analisti più intelligenti quando parlavano del Professore di Varese, lo definivano con le parole di Oscar Wilde: "un bicchiere di talento in un mare di ambizioni".
HOLLANDE MONTI MOAVERO GRILLI A BRUXELLES Che il premier italiano avesse il fiato corto ed esaurito tutte le cartucce è parso più chiaro che mai durante la conferenza stampa di ieri sera dove Monti aveva stampata sul viso un'aristocratica desolazione.
A confermare la parentesi del suo Governo e la precarietà del sistema-Italia ci aveva pensato il pallido Vittorio Grilli quando il 14 novembre era volato a Londra per una serata di beneficienza e si era attovagliato con il gotha della finanza italiana d'oltre Manica.
La cena era strettamente privata e intorno al tavolo c'erano tutti i personaggi che contano nelle banche e nei fondi italiani e stranieri che operano nella City desiderosi di saperne di più sullo stato di salute della Penisola e sulle intenzioni del Governo.
DRAGHI E MERKEL Tra i presenti c'era pure Davide Serra, il gestore del fondo Algebris che in quei giorni si era esposto con parole e quattrini per sostenere la candidatura del suo amico di Firenze, Matteuccio Renzi.
A Grilli piacque molto il clima familiare e riservato di quell'incontro ed è questa la ragione per cui non si sottrasse alle domande neanche quando gli fu chiesto se il Governo avesse intenzione di chiedere lo stato di crisi alla "troika" composta dagli uomini in grigio di Ue, Fondo Monetario e Bce.
CHRISTINE LAGARDE FOTO La risposta di Grilli fu chiara e limpida: "probabilmente - disse il pallido ministro - chiederemo lo stato di crisi prima di aprile".
Alle orecchie del pubblico attento, sofisticato e informato queste parole, pronunciate con flemma tipicamente inglese, non sono calate come una bomba e come l'inizio di una tragedia, bensì come una sorta di rassicurazione a conferma che un piano esiste veramente se i mercati internazionali dovessero decidere di picchiare duro sull'instabilità della politica italiana.
Bersani Monti I giornali italiani, piu' attenti alle vicende personali di Grilli e alle sue telefonate con Ponzellini, non hanno dato grande rilievo a questa importante affermazione del numero Uno del tesoro che Dagospia nella sua infinita miseria ha raccolto non soltanto nei bar puzzolenti della City, ma anche da un partecipante alla cena caritatevole. E c'è da chiedersi a questo punto perché gli ospiti della serata, che si è svolta il 14 novembre, siano usciti dal convivio senza comunque attaccarsi ai monitor per mandare un segnale a Monti e alle forze politiche che fino a ieri lo hanno sostenuto.
DRAGHI-NAPOLITANOSecondo le indiscrezioni raccolte, la richiesta dello stato di crisi e l'intervento eventuale della "troika" prima delle elezioni di primavera, permetterebbe all'attuale Governo di negoziare e di definire direttamente le condizioni che l'Italia sarebbe tenuta a rispettare negli anni a venire. E ciò dovrebbe valere indipendentemente da chi vada al Governo. In pratica, il piano messo a punto da Napolitano e dal Professore di Varese sarebbe quello di creare le condizioni per cui chiunque arrivi a Palazzo Chigi a marzo o ad aprile (si chiami Monti oppure Bersani) si trovi con i giochi già fatti e non possa che allinearsi alla cintura di sicurezza rappresentata dai dettami dei tre uomini in grigio della "troika".
mario DRAGHI E MONTI Qualcuno potrebbe obiettare che si tratta di fantaeconomia, mentre per altri il piattino di un'Italia a sovranità limitata sarebbe servito a dovere senza la possibilità di uscire dal gioco stretto delle istituzioni internazionali come la BCE che il 5 agosto dell'anno scorso inviò la famosa lettera provocando la caduta del Cavaliere impenitente.
Il preludio allo scenario della "troika" che sbarca in Italia si vedrà a gennaio quando i tecnici del Fondo Monetario sbarcheranno a Roma per analizzare il sistema finanziario del Paese.
PIERLUIGI BERSANI GIUSEPPE MUSSARI Qualcuno come il boccoluto Giuseppe Mussari, presidente dell'Abi, ha già capito che non sarà una visita di cortesia e ha rilasciato una dichiarazione di guerra dai toni preoccupati che suona così: "se questo è un percorso per inventarsi un nuovo cataclisma, abbiamo tempo per prepararci".
L'ex-capo di MontePaschi parla a nome dell'Abi, l'Associazione dei banchieri, e teme che l'arrivo dei tecnici del Fondo Monetario consenta di ficcare il naso dentro le banche e la loro enorme mole di crediti deteriorati.
Da parte sua Grilli non sembra in preda al panico per la svolta politica e per una crisi dei mercati che potrebbe flagellare il nostro Paese. E lo dimostrano gli incontri di cui parla oggi il quotidiano "MF" che sono stati avviati al Tesoro alla fine di novembre e continueranno nei prossimi giorni con gli esponenti delle roccaforti finanziarie internazionali.
VITTORIO GRILLI Al ministero di Grilli chiamano questi incontri "brown bag lunch meeting" (pasti veloci da consumare in compagnia) e i primi sono già avvenuti con il capo economista per l'Europa di Barclays, e con una giovane donna, Silvia Ardagna (39 anni originaria di Caserta), che oltre ad insegnare ad Harvard ha la carica di senior economist ed executive director nella banca d'affari Goldman Sachs. L'agenda di Grilli prevede che il prossimo 21 dicembre incontrerà Robert Chote, uno dei più stretti collaboratori del Cancelliere dello Scacchiere, George Osborne.
DAVIDE SERRA Non è previsto invece alcun incontro con Davide Serra, e qui ritorniamo alla serata del 14 novembre con il gotha della finanza italiana quando tutti i partecipanti hanno notato come il ministro si tenesse lontano dal finanziere delle Cayman che si è speso tanto per il sindaco di Firenze.
PRESENTAZIONE DAVIDE SERRA ALGEBRIS TROPPO DEBITO POCA CRESCITA Molti nella City hanno spiegato che la diffidenza di Grilli nasce dalla vicinanza molto intima tra l'uomo di Algebris e Corradino Passera. Addirittura c'è chi nei bar puzzolenti del Tamigi giura che ad accendere il fuoco sacro di Serra per il sindaco di Firenze sia stato proprio il ministro ex-banchiere che ieri, con una gaffe apparentemente innocente, ha messo sul tavolo di un futuro governo a guida Bersani la sua fiche per una poltrona ministeriale.
Corrado Passera Adesso è inutile tornare a chiedersi se la sparata di Passera contro Berlusconi sia stata concertata anche grazie alla sua amicizia con Davide Serra, conosciuto dai tempi in cui il Corradino banchiere investiva quattrini di BancaIntesa nei fondi Algebris. Ed è una perdita di tempo capire se il finanziere di Genova e il sindaco fiorentino sono diventati amici per merito di Corradino Passera.
Più interessante è scoprire quali saranno i passi finali del Governo Monti e del suo ministro del Tesoro. Il Professore di Varese non vuole che la sua parentesi di artista dell'austerity si chiuda in un modo banale. Ma è difficile immaginare che voglia passare alla storia non solo per l'inchiostro nero del rigore, ma anche creando le condizioni per un lasciapassare alla "troika" che ha già previsto di mettere sotto tutela il nostro Paese.
Un Paese dove gli orologi della storia girano all'indietro.
CORRADO PASSERA E SILVIO BERLUSCONI FOTO INFOPHOTO

 

mototopo

Forumer storico
Registrato
23 Aprile 2011
Messaggi
8.715
Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'indecenza delle banche





"Comprare qualcosa, pagando con banconote o monete è una delle cose più normali di questo mondo. Eppure in Italia c'è chi vuole farlo passare per un comportamento addirittura incivile. Si veda Giovanni Sabatini, direttore dell'associazione delle banche italiane (ABI), con la ridicola tesi che "la lotta al contante è una vera e propria battaglia di civiltà". Chiaramente straparla, per nascondere una verità ben diversa: le banche guadagnano su tutti i pagamenti, salvo quelli in contanti.

Per questo vogliono colpevolizzare chi li usa. Con le carte di credito, bancomat ecc. lucrano le provvigioni addebitate ai negozianti, le commissioni sui movimenti di conto corrente, gli interessi (fino al 24,9% annuo) sulle carte di revolving ecc. Inoltre costringono la gente a tenere i soldi sul conto, senza corrispondergli praticamente nessun interesse.

Le banche italiane si sono addirittura inventate la campagna della guerra al contante. Hanno costruito e finanziato "War on cash" che diffonde falsità del tipo: "Il cash è superato, costoso, pericoloso, inquinante e scomodo".

Uno dei leitmotiv delle banche, ripetuto pappagallescamente dai giornalisti economici italiani, è poi che a tale riguardo l'Italia sarebbe in forte ritardo rispetto all'Europa. Ebbene, anche questa è una frottola, smentita dalla banca centrale tedesca: in Germania l'80% degli acquisti avviene in contanti. Anzi, la Deutsche Bundesbank ha addirittura organizzato un convegno a difesa del contante (Bargeldsymposium, Francoforte 10-10-2012, ovviamente ignorato dalla stampa italiana.






















































 

mototopo

Forumer storico
Registrato
23 Aprile 2011
Messaggi
8.715
stato inviato tramite Google Reader
Crisi di governo, banchieri nel panico: "Non ci voleva"

Trema il "governo delle banche", tremano anche i banchieri. Non nascondono la propria apprensione i vertici dei primi due gruppi del credito nazionale, mentre l'esecutivo di Mario Monti, quello che è appunto stato ribattezzato il governo delle banche, viene messo a dura prova dalle spallate del Pdl. "Quello che non ci voleva è la situazione di oggi. Apre un periodo di instabilità che non ci voleva", ha commentato l'amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, al suo ingresso al Teatro alla Scala di Milano per la tradizionale "prima" a chi gli chiedeva un giudizio sul "rientro in campo" di Silvio Berlusconi. "Ognuno ha il diritto di candidarsi, ma bisognava arrivare a fine legislatura in maniera più tranquilla", ha aggiunto.
I timori espressi, poi, sono quelli delle ripercussioni dell'instabilità politica sui mercati, come si è visto dalle reazioni a caldo degli investitori: "Certamente ci dobbiamo aspettare parecchia volatilità", ha detto. E riguardo ad una possibile ricandidatura di Monti non ha posto limiti: "E' una scelta che deve fare lui. Ha governato bene, se ritiene di essere pronto per una nuova legislatura … Sta a lui la scelta, non bisogna pressarlo".
Turbamento analogo da parte dell'amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, Enrico Cucchiani: "La stabilità è molto importante e qualsiasi sussulto non ci fa bene, ci nuoce. Una crisi di governo certamente sarebbe un problema", ha detto entrando alla Scala. Dove è atteso anche Monti, insieme alla moglie e a una vasta fetta di governo e al gotha dell'economia e della finanza italiana. Ad assistere al Lohengrin di Richard Wagner, infatti, ci sono anche il predecessore di Cucchiani alla guida di Intesa e attuale ministro allo Sviluppo Economico, Corrado Passera, il ministro del Tesoro, Vittorio Grilli e i colleghi Piero Giarda (Rapporti col Parlamento), Lorenzo Ornaghi (Istruzione) e Giulio Terzi (Esteri).
Presenti anche il sottosegretario Gianfranco Polillo e il vicepresidente del Csm, Michele Vietti. Fra gli ospiti stranieri c'è il ministro francese Aurèlie Filippetti, mentre è assente il presidente della Commissione europea Josè Barroso, "bloccato a Bruxelles per la neve". Nutrita anche la schiera dei rappresentanti del mondo economico e finanziario. Alla prima serata della nuova stagione del Piermarini sono infatti arrivati il numero uno della Confindustria, Giorgio Squinzi, Diana Bracco, il patron della Brembo, Alberto Bombassei, Fulvio Conti (Enel), Giuseppe Recchi (Eni), Claudio Costamagna (Impregilo) e Gabriele Galateri di Genola...
 

mototopo

Forumer storico
Registrato
23 Aprile 2011
Messaggi
8.715


L'UE è illegale e antidemocratica






7 dicembre 2012 (MoviSol) - Due autorevoli voci si sono nuovamente levate a denunciare l'illegalità e il carattere antidemocratico dell'Unione Europea: il prof. Karl Albert Schachtschneider in Germania e il prof. Giuseppe Guarino in Italia.
Guarino ha denunciato non solo la dannosità del Fiscal Compact, ma anche la sua inapplicabilità. La denuncia dell'illustre giurista, anticipata in occasione della conferenza internazionale dello Schiller Institute e pubblicata successivamente su Milano Finanza del 28 novembre, "ha subito generato moltissime reazioni in ambito accademico e in Senato", dove si è discussa la legge di Stabilità, scrive il quotidiano milanese.
Nell'articolo, che riassume uno scritto più corposo, Guarino dimostra che la Commissione Europea e non la Germania è stata la forza trainante dietro tutte le iniziative e le leggi di pareggio di bilancio, e che il regime imposto dal Fiscal Pact è inapplicabile. Viene sottolineato il fatto incontrovertibile che lo stesso Trattato del Fiscal Compact stabilisce (Art. 2,1 e 2) che "il presente trattato si applica nella misura in cui è compatibile con i trattati su cui si fonda l'Unione europea e con il diritto dell'Unione europea". Poiché il diritto vigente dell'UE è l'Art. 126 del Trattato di Lisbona, che stabilisce la legittimità del deficit al 3%, la regola del Fiscal Compact non è applicabile.
Guarino denuncia anche il fatto che benché la regola del 3% sia formalmente stata sempre e l'unica legge vigente, essa in realtà non è mai stata applicata, perché la Commissione ha imposto, in violazione della legge, regimi di "convergenza" ben più rigidi.
A coloro che si dichiarano scettici sulle probabilità di successo di un ricorso contro il Fiscal Compact, che costringe l'Italia a tagliare 45 miliardi all'anno dal bilancio, Guarino risponde: Ho ricevuto giudizi da gruppi di giuristi autonomi nei miei confronti che confermano l'esattezza delle mie conclusioni". La sentenza della Corte di Giustizia Europea che il 27 novembre ha bocciato il ricorso del parlamentare irlandese Thomas Pringle sull'ESM non invalida un percorso analogo sul Fiscal Compact. "Nelle giurisdizioni le sentenze valgono solo nei limiti dei motivi di ricorso", afferma Guarino. "Dalla lettura dei riferimenti di stampa circa la causa dell'Irlanda, deduco che la Corte si è pronunciata su motivi che non hanno nulla a che fare con la questione di liceità da me proposta". Il giudizio di Guarino "non apre ancora scenari di revisione degli accordi europei per l'Italia, ma sicuramente scatena il dibattito", scrive Milano Finanza.
In Germania, l'esperto di diritto internazionale Karl Albrecht Schachtschneider ha lanciato un appello alla "resistenza pacifica" contro il regime dell'Euro in un'intervista a Michael Mross, autore di un libro intitolato "Arriva il crollo della moneta". Schachtschneider, che ha presentato numerosi ricorsi costituzionali contro il sistema dell'Euro, ha affermato che la moneta unica è economicamente fallita e non può essere salvata. Ma quel fallimento viene usato dai politici per imporre un superstato europeo che non sarà democratico. Al contrario, per Schachtschneider, l'Europa viene trasformata in una "gigantesca dittatura burocratica che ricorda l'ex Unione Sovietica", con molta propaganda ma senza libertà di parola.
Perciò i cittadini hanno il dovere di intervenire. "È indispensabile sostituire i poteri politici attuali se vogliamo tornare alla libertà, alla democrazia e allo stato di diritto. La costituzione prescrive il diritto di resistere contro chiunque tenti di rovesciare l'ordine democratico, che concretamente significa: votare per altri partiti, ricorrere ai tribunali, protestare nelle strade e fare resistenza pacifica".
"C'è una dittatura del denaro, del 'capitalismo sfrenato'", ha affermato il giurista tedesco. "Non ho mai pensato che sarebbe stato possibile violare la legge in tal modo come è stato fatto dall'inizio della crisi del debito. È l'ora della resistenza".
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto