jjletho

Forumer attivo
Registrato
17 Novembre 2013
Messaggi
337
Enria vuole proprio far scendere i subordinati bancari...


"C'E' UN RISCHIO CHOC SUI CREDITI DETERIORATI" - E' L'AVVERTIMENTO DI ANDREA ENRIA, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA DELLA BCE - A BREVE L'ISTITUTO DI FRANCOFORTE COMUNICHERÀ I RISULTATI DELLE ANALISI DEL MERCATO EUROPEO, DOPODICHÉ, LE BANCHE DOVRANNO ADEGUARSI VALUTANDO ANCHE OPERAZIONI DI FUSIONE E ACQUISIZIONE, SPINTE DA ANNI DA FRANCOFORTE - E POI C'È IL TEMA DELLA FUTURA CLASSE DIRIGENTE: GLI ISTITUTI PIÙ IMPORTANTI DELL'EUROZONA DOVREBBERO CHIEDERE IL RISCONTRO DELLA BCE SULLE NOMINE DEI DIRIGENTI…
-

Fabrizio Goria per "la Stampa"



Occhi puntati su crediti in sofferenza e gestione dei rischi. Per le banche dell' eurozona la crisi pandemica non è ancora finita. A dirlo è Andrea Enria, presidente del Consiglio di sorveglianza della Banca centrale europea, parlando di fronte alla Commissione per l' economia del Parlamento europeo. Che pone le basi per l' uscita dell' industria creditizia dall' attuale stato di emergenza.

Tre sono i pilastri individuati da Enria. Gestione del rischio di credito da un lato, consolidamento tra realtà bancarie dall' altro, completamento dell' unione bancaria sullo sfondo. Nell' immediato, secondo la Bce, preoccupa il possibile deterioramento della qualità degli asset in pancia degli istituti di credito. Pertanto, ha spiegato Enria, a breve la Bce comunicherà i risultati delle analisi del mercato europeo, «per garantire la trasparenza in merito ai nostri risultati e alle azioni di vigilanza». Dopodiché, le banche dovranno adeguarsi.

Anche valutando operazioni di fusione e acquisizione, spinte da anni da Francoforte.
Non meno importante è il tema della futura classe dirigente. Per Enria, le realtà bancarie più importanti dell' eurozona dovrebbero chiedere il riscontro della Bce sulle nomine dei dirigenti. Opinione che non sarebbe vincolante, ma indicativa. Uno strumento, secondo Francoforte, utile a evitare asimmetrie e malversazioni.
 

Rottweiler

Forumer storico
Registrato
11 Dicembre 2009
Messaggi
5.668
Perché jpmorgan potrebbe dimostrare di non essere stato al corrente del richiamo e chiedere l’annullamento
Non credo JPMorgan possa avanzare il diritto di ricevere le comunicazioni personalizzate... Mi sembrerebbe più logica la compatibilità con il prospetto, che a me sembra inattaccabile.

E cosa significherebbe "annullare il trade"? Dopo un giorno? Dopo che i detentori dei titoli hanno ricevuto formale comunicazione di richiamo? E magari hanno venduto altri titoli per acquistare questi?
Possibile tutto, ma....
 
Ultima modifica:

fabriziof

Forumer storico
Registrato
15 Febbraio 2009
Messaggi
37.865
Dopo che i detentori dei titoli hanno ricevuto formale comunicazione di richiamo? E magari hanno venduto altri titoli per acquistare questi?


Non credo JPMorgan possa avanzare il diritto di ricevere le comunicazioni personalizzate... Mi sembrerebbe più logica la compatibilità con il prospetto, che a me sembra inattaccabile.

E cosa significherebbe "annullare il trade"? Dopo un giorno? Dopo che i detentori dei titoli hanno ricevuto formale comunicazione di richiamo? E magari hanno venduto altri titoli per acquistare questi?
Possibile tutto, ma....
credo ci sia una tempistica massima per richiedere l’annullamento,di certo è possibile in giornata ,per ricordo diretto
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 36)

Alto