Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sulle obbligazioni perpetue...

Discussione in 'Obbligazioni, Bond e Titoli di Stato' iniziata da negusneg, 10 Gennaio 2009.

    10 Gennaio 2009
  1. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008
    ...ibride e subordinate, ma non avete mai osato chiedere. [​IMG]


    [​IMG]


    Riprendo dai vecchi 3ads il materiale informativo di carattere generale per rispondere alle domande più frequenti sulle caratteristiche ed il funzionamento di questi strumenti. Cercherò anche di postare notizie e commenti utili per consentire un effettivo monitoraggio del settore che sta attraversando una fase di grande difficoltà e, per certi versi, senza precedenti significativi cui rifarsi.​

    Chiedo scusa se la maggior parte del materiale è in inglese (qualcosa addirittura in tedesco! [​IMG]) ma credo che ormai sia evidente a tutti che sforzarsi di imparare un po' di questa lingua è diventato indispensabile per chi si occupa di finanza a qualsiasi livello.​

    Voglio aggiungere alcuni consigli necessari per approcciare questo tipo di investimento in sicurezza e senza creare disastri nel proprio portafoglio:​

    1) date le loro caratteristiche particolari, le obbligazioni subordinate e/o perpetue somigliano molto di più alle azioni di risparmio che alle obbligazioni (non a caso vengono anche definiti titoli "ibridi") e pertanto sono indicate per chi abbia una propensione al rischio medio/alta e almeno un po' di tempo da dedicare al monitoraggio delle notizie che riguardano l'emittente;​

    2) data la loro capacità di generare flussi di cedole elevate e stante il fatto che la loro durata solitamente è molto lunga, quando non virtualmente "perpetua", queste obbligazioni sono particolarmente adatte a chi abbia un orizzonte temporale di lungo termine. Non a caso sono molto richieste da assicurazioni e fondi pensione. Chi ha esigenze di breve farebbe meglio ad astenersi;​

    3) è sempre bene studiare a fondo le caratteristiche proprie di ogni emissione, con particolare attenzione per quanto riguarda le clausole di subordinazione e di cancellazione/differimento delle cedole. Non di rado il grado di subordinazione è così profondo che può portare ad un tasso di recupero dell'investimento pari a zero, in caso di liquidazione della società. Per questo motivo è buona regola procedere con cautela, diversificando su più emittenti ed evitando di concentrare su ogni singola società più del 2-3% del proprio portafoglio.​


    Non mi resta che augurarvi una buona lettura, a cominciare da questo paper di JPMorgan da cui mi sono permesso di riprendere il titolo.​


    Qui sotto trovate alcuni strumenti utili per studiare le caratteristiche delle singole emissioni, dal prospetto, alle varie clausole (call, data della call, cedole pre e post call, etc.), ai prezzi. Prima di chiedere informazioni su un emittente o un'emissione siete vivamente pregati di utilizzare la funzione "Cerca in questa discussione" e/o di verificare che ciò che cercate non sia già stato postato in questi link.

    QUI si possono visualizzare le quotazioni aggiornate

    Questo foglio online è aggiornato con le quotazioni inviate periodicamente da alcuni utenti su base volontaria. Le obbligazioni perpetue sono scambiate in un mercato, detto OTC, nel quale sono esposte quotazioni di piu' dealers. Pertanto non esiste "un prezzo" ma tanti prezzi e il foglio estrae automaticamente le quotazioni di soli 5 dealers in scala gerarchica, laddove, se il primo non fa prezzo, il foglio estrae automaticamente il secondo e cosi' via. Pertanto non sempre i prezzi nel foglio rappresentano il miglior bid e ask, nè tantomeno rappresentano prezzi "eseguibili", cosa che e' possibile verificare solo al momento dell'ordine con il proprio broker.​

    Nella prima cella è riportata la data dell'ultimo aggiornamento. Le quotazioni, pur essendo reperite da fonti affidabili, sono puramente indicative: l'autenticita' non e' stata verificata e i prezzi riportati potrebbero essere errati in parte o in toto, pertanto non devono costituire la base di alcuna decisione di investimento o disinvestimento. Gli autori declinano ogni resposabilita' derivante dall'utilizzo di questi dati.
    Analogamente i rendimenti presunti sono calcolati con formule automatiche semplificate che hanno il solo scopo di orientare il lettore. Come per i dati, prima dell'investimento è bene verificarne puntalmente la veridicità e, eventualmente, comunicare eventuali anomalie riscontrate.

    Questo link porta al 3D che raccoglie le Offering Circular (prospetti) delle perpetue che siamo riusciti a reperire.​

    Per finire qui in fondo trovate allegata la tabella excel con le caratteristiche delle principali emissioni che cercherò di aggiornare periodicamente, anche sulla base delle vostre segnalazioni. Specifico che è una lista completa di tutti i titoli di cui sono riuscito a reperire informazioni, NON E' UN ELENCO DI TITOLI CONSIGLIATI. Prima di investire è assolutamente raccomandabile raccogliere informazioni recenti e dettagliate sull'emittente e sulle caratteristiche della singola emissione.​

    Le informazioni presenti in questo sito non costituiscono una raccomandazione, una sollecitazione o un invito all’acquisto o alla vendita di alcuno strumento finanziario né costituiscono una consulenza strumentale all’investimento in strumenti finanziari. Le informazioni qui fornite non tengono conto degli obiettivi di investimento e della situazione finanziaria specifici di ciascuno. Gli strumenti finanziari cui tali informazioni si riferiscono potrebbero pertanto non essere adatti ai vostri obiettivi di investimento.​

    Lo scopo principale di questa discussione è permettere di conoscere e capire meglio questi strumenti, per poi formarsi un'idea personale e decidere con la propria testa. Non certo quello di fornire "consigli per gli acquisti" o liste della spesa prefabbricate.​

    Buona lettura

    Aggiornato il file il 23/9/2019​
     

    Files Allegati:

    Ultima modifica: 23 Settembre 2019
  2. 10 Gennaio 2009
  3. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008
    Un importante articolo di ItaliaOggi, postato originariamente da albicocco [​IMG], dove si cita la circolare del 16/06/2004 n. 26 della Agenzia delle Entrate grazie alla quale è stato chiarito che l'aliquota di tassazione delle obbligazioni perpetue bancarie DEVE essere il 12,50%.

    Può essere utile qualora la propria banca si ostini ad applicare il 27% [​IMG]

    http://www.microsoft.com/italy/pmi/finanza/speciali/obbligazionari/articolo1.mspx

    Questo altro articolo, dell'amico Giuseppe D'Orta, tratta il medesimo argomento

    http://archiviostorico.corriere.it/...al_bond_una_ritenuta_del_mo_0_090522113.shtml

    Infine un altro articolo, segnalato da solenoide :bow: dove si approfondisce ulteriormente la questione, estendendola a tutti gli emittenti.

    http://www.microsoft.com/italy/pmi/fisco/speciali/regfisobbligazioni/ipsoa/articolo4.mspx

    In caso di dubbi vi consiglio di cercare in questo 3D i post dove solenoide ha approfondito la questione. ;)
     
    Ultima modifica: 17 Novembre 2009
  4. 10 Gennaio 2009
  5. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008

    Files Allegati:

    Ultima modifica: 10 Gennaio 2009
  6. 10 Gennaio 2009
  7. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008
    In italiano: una breve scheda sui diversi livelli di subordinazione ed una presentazione di Nicola Pegoraro.

    Attenzione! Questa presentazione è precedente alla circolare dell'Agenzia delle Entrate e quindi avalla l'ipotesi (sbagliata) che le cedole vadano tassate al 27%.
     

    Files Allegati:

  8. 10 Gennaio 2009
  9. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008
  10. 10 Gennaio 2009
  11. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008

    Files Allegati:

  12. 10 Gennaio 2009
  13. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008
    Ultima modifica: 20 Novembre 2009
  14. 10 Gennaio 2009
  15. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008

    Files Allegati:

  16. 10 Gennaio 2009
  17. negusneg

    negusneg Senior Member

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    5.008
    Per finire un articolo abbastanza recente di Bond Vigilantes:

    Bond Vigilantes | M & G

    'Tier 1' bank bonds continue to deteriorate

    Posted by Ben Lord on 29 August 2008 10:17:00 BST

    Spreads on Euro denominated 'Tier 1' bank bonds hit record wides yesterday, reflecting the growing concern in the market about banks' ability and willingness to repay investors. 'Tier 1' bank bonds are the highest yielding, highest risk bonds in a banks' capital structure. Essentially, banks issue a spectrum of different 'tiers' of debt securities in an attempt to minimise their cost of funding, ranging from senior, which is closest to customer deposits at banks (though they don't carry the same government guarantees as deposits), to tier 1, which is the type of security that bears the greatest resemblance to equity (ie they can be perpetual, loss absorbing, and interest can be deferred). For this reason, they are the highest risk bank bonds, and so the highest yielding.

    There are a number of reasons for the continued underperformance of bank bonds, and particularly of 'Tier 1' bonds. First and foremost is the continuing deterioration in the global financial crisis, and the further stress that this is putting on the banking sector. Professor Rogoff, who was the IMF's chief economist from 2001-04, last week warned that the worst is still to come, going as far as to say "we're not just going to see mid-sized banks go under in the next few months, we're going to see a whopper, we're going to see a big one - one of the big investment banks or big banks". These kind of comments aren't particularly helpful for banks - no bank can withstand a run on its assets and banking is built almost purely on confidence - but Professor Rogoff's view is becoming increasingly widely shared.

    Secondly, there is the issue that Stefan alluded to here on Wenesday. Banks need to raise more capital, and the amount will only increase as writedowns increase further. Equity investors, having been stung in recent months, are becoming more reluctant to part with the cash that banks are so desperate for. Banks therefore look set to issue even more in the way of Tier 1 bank paper, and the huge supply that seems set to come to market is causing prices to fall further.

    Another problem is what's known as 'extension risk'. Tier 1 bank bonds can be called on predetermined dates, and it always used to be assumed that banks would repay investors at the call date for reputational reasons. However, many banks aren't willing (or perhaps in some cases able) to repay these bonds on the call date at a price dramatically above where these bonds are now trading. These bonds may therefore go from having a maturity of a few years, to being undated, perpetual bonds. Furthermore, if banks do run into further difficulties then it will be Tier 1 investors who bear the losses first. So Tier 1 bank bonds could become perpetual bonds without any coupons - not a very attractive investment.

    [​IMG]

    This chart shows the total return of the different tiers of sterling bank bonds since the beginning of 2007. Sterling tier 1 banks have returned -12.5% since the beginning of 2007, versus a return of +2.2% for sterling industrials and a +7.3% return for gilts. Our team's views on senior bank bonds vary, with Richard the most bearish, but we are united in our belief that the deeply subordinated bank bonds are set to experience more pain.



    ... e due documenti recenti di S&P's:
     

    Files Allegati:

    Ultima modifica: 21 Aprile 2011
  18. 10 Gennaio 2009
  19. rosanello

    rosanello New Member

    Registrato:
    8 Gennaio 2009
    Messaggi:
    569

Condividi questa Pagina