Titoli di Stato Italia Trading Titoli di Stato "volume V" (Gennaio 2013 - Dicembre 2013) (1 Viewer)

Nix

Noio volevàn savoir ...
Registrato
4 Agosto 2011
Messaggi
1.587
Località
Roma
Ciao a tutti, in questo momento il 34 sembra un tantino in affanno rispetto agli altri, è il btp con rendimento maggiore 4,26% netto
 

Prospero

Io speriamo...
Registrato
31 Gennaio 2009
Messaggi
5.240
Il Btp '37 ha scambiato quasi 230 milioni di pezzi:eek:
Devi tener conto che stamattina a 98,53 anzichè vendere per poi pentirmi ho acquistato per poi godere sparandogli contro una bella cannonata, il tutto seguendo la piacevolissima diatriba Popov-Belindo ;).

Errore di battitura: ovvio era 88,53.
 
Ultima modifica:

colo

Forumer attivo
Registrato
6 Giugno 2010
Messaggi
462
Località
piacenza
che spettacolo di giornata, OGGI dopo 76 mesi il mio 37 è uscito dall'incastro e sta sopra di 1 figura come GODOOOO. (adesso però voglio i 92 poi vendo ci arriverà?)
 

belindo

Guest
Devi tener conto che stamattina a 98,53 anzichè vendere per poi pentirmi ho acquistato per poi godere sparandogli contro una bella cannonata, il tutto seguendo la piacevolissima diatriba Popov-Belindo ;).

Errore di battitura: ovvio era 88,53.

Ti ringrazio :bow:
 

belindo

Guest
Sono scappato dal PC tutte le volte che potevo per non vendere.............................................tengo duro
 

stefanofabb

GAIN/LOSS control
Registrato
6 Febbraio 2009
Messaggi
32.957
Località
Ravenna
Devi tener conto che stamattina a 98,53 anzichè vendere per poi pentirmi ho acquistato per poi godere sparandogli contro una bella cannonata, il tutto seguendo la piacevolissima diatriba Popov-Belindo ;).

Errore di battitura: ovvio era 88,53.
Molto bene Antonio:)Buona sera
 

camaleonte

Forumer storico
Registrato
9 Settembre 2010
Messaggi
22.033
Da Cobraf

La Politica degli Aiuti di Stato della Ue: un Disastro per l'italia di Duca - 10/01/13
Xtol
Premesso che sono un liberale....... su incentivi e aiuti di stato.....bisognerebbe fare ragionamenti profondi.

La polirica fatta ad esempio da Monti quando era commmissario alla concorrenza UE è una politica nefasta per paesi che hanno una struttura di PMI o di cluster di PMI.

Mi spiego:
USA o Germania hanno grandi multinazionali e queste aziende sono capaci finanziariamente di sostenere gli investimenti in ricerca e sviluppo ed hanno anche la forza di entrare in mercati a bassa o nulla redditività, ma in crescita, per poi raccogliere i frutti negli anni successivi. Da noi fare politica industriale vorrebbe dire individuare alcuni settori prioritari e su quelli applicare politiche di sostegno di ampia portata anche pubbliche senza le quali le nostre PMI o i cluster di PMI non possono competere.

L'esempio del fotovoltaico è un esempio emblematico di un errore per l'Italia. Mi spiego per sommi capi:
- Il conto energia finanzia chi installa pannelli (con grande dispendio di denaro pubblico)
- la maggior parte del guadagno la fanno i Cinesi. Perchè l'Italia non ha produttori di pannelli (qualcosa la STM, ma poca roba) ma solo assemblatori e installatori.

Quindi un sistema di incentivi pubblici onerosissimo così strutturato ala fine favorisce la crescita di industri in CINA, Germania o USA e non in Italia

In altre parole noi finanziamo con le nostre tasse lo sviluppo dell'industria fotovoltaica Cinese o Tedesca. Un boomerang.

ad esempio gli USA (paese formalmente molto più liberale di noi) ha messo una bella tassa del 290% sui pannelli fotovoltaici Cinesi dicendo che loro lavorano in dumping..... anche questa è politica industriale.

Riassumendo e generalizzando: la politica industriale di un paese deve:
definire chiaramente:
- gli obiettivi da raggiungere
- poter mettere in atto tutti gli strumenti (incentivi, interventi diretti di stato o regioni a sostegno di cluster di imprese, sbarramenti temporanei all'ingresso di soggetti stranieri etc).

Esattamente tutto il contrario della politica UE di oggi che manda noi italiani da soli a combattere con le industrie di Stato cinesi o che struttura i piani ad uso e consumo delle imprese tedesche.
Sebra un eresia detta da un liberale.....ma bisogna essere realisti: in un mondo dove tutti sostengono le loro industrie noi dobbiamo smettertla di accettare i diktat della UE monopolizzata da Germania Olanda con un po' di Francia.


In sistesi:
1) il fotovoltaico è utile a diversificare le fonti di energia
2) gli incentivi possono aiutare la crescita di una settore privato che inizialmente non ha la forza di autosostenersi, ma che poi se fa massa critica, migliora produttività abbassa i costi e migliora la resa dei prodotti
3) il problema è che bisognava indirizzare gli incentivi verso la crescita di un settore produttivo italiano (se si produce in Italia, si creano posti di lavoro, expertise, ricadute tecnologiche). Invece i nostri incentivi servono a foraggiare la industria Tedesca e Cinese, causando ulteriore impoverimento in Italia

Questo, lo spiego ancora una volta è l'effetto di una politica UE assurda e dannosa per paesi come il nostro. Il fotovoltaico è solo un esempio, anche se essendo una delle attività in crescita è un esempio significativo di come lo stato possa impostare una politica giusta, fare azioni anticicliche (incentivi) e però alla fine il discorso è un boomerang per l'industria e l'occupazione in Italia.

pochi lo capiscono ragionateci un po' senza fretta e senza contrapposizioni dogmtiche.
 

tommy68

Banned
Registrato
26 Gennaio 2009
Messaggi
800
Molto bene Antonio:)Buona sera
Ciao Stefano...sei arrivato al tuo pmc sul 2037...? :) se non ricordo male ci dovremmo essere..
Ci siamo quasi anche sul 2041...
un saluto a Giuseppe e un ringraziamento particolare a Popov per le analisi grafiche:bow:..(e pure aggratis..:D)
Grazie anche a Camaleonte per i link..:)
vi leggo sempre ma sono in silenzio stampa finchè non esco dai pesanti loss..:rolleyes::D
saluti
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto