Trading system: la convenzionalita' dei termini (1 Viewer)

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Questo e' un post rivolto a tutti, per cercare, senza ricorrere necessariamente ai formalismi matematici, uno scambio di opinioni sulla convenzionalita' di alcuni termini molto ricorrenti che vengono usati nella terminologia delle previsioni di borsa e dei test statistici che dovrebbero definire se un trading system e' valido o meno.

Me ne vengono in mente alcuni che vengono talvolta usati anche come sinonimi.

- ATTENDIBILITA'
- SIGNIFICATIVITA'
- SPECIFICITA'
- SENSITIVITA'
- ATTENDIBILITA'
- ROBUSTEZZA

poi ce ne saranno sicuramente altri.
 

quicksilver

Forumer storico
Registrato
6 Settembre 2004
Messaggi
8.579
andando ancora piu indietro ci sono i due termini che definiscono i sistemi stessi:

- QUANTITATIVO
- QUALITATIVO
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
andando ancora piu indietro ci sono i due termini che definiscono i sistemi stessi:

- QUANTITATIVO
- QUALITATIVO
il primo dell'elenco, l'attendibilita' e' un concetto quantitativo o qualitativo ?

Cos'e' l'attendibilita' ?

Confesso che non l'ho mai capito, a differenza ad esempio di sensibilita' e specificita' che sono invece concetti piu' semplici.

Cos'e' l'attendibilita' di un segnale di un trading system ?
E l'attendibilita' di un segnale meteorologico nella previsione del tempo ?
Sono concetti simili ?

Non ho mai trovato finora una chiara spiegazione di "attendibilita'" in senso meteorologico. E' un dato che sul giornale varia generalmente dal 60% al 90%, ma io stesso o qualcuno di voi potrebbe fare meglio del meteorologo se facesse una previsione ad n+1 pari alla previsione del tempo di oggi alla data "n".

Soprattutto in estate si potrebbe avere un indice di attendibilita' del 70-80% ipotizzando il tempo "sereno" ad ogni previsione.

Cosa vuol dire allora una previsione di pioggia con attendibilita' al 75% ?
Forse una previsione rispetto all'ipotesi nulla ? Ed in tal caso, l'ipotesi nulla su cosa viene misurata ? :-?

Boh !
 
Ultima modifica:

Giardiniere

Nuovo forumer
Registrato
3 Marzo 2012
Messaggi
82
Questo e' un post rivolto a tutti, per cercare, senza ricorrere necessariamente ai formalismi matematici, uno scambio di opinioni sulla convenzionalita' di alcuni termini molto ricorrenti che vengono usati nella terminologia delle previsioni di borsa e dei test statistici che dovrebbero definire se un trading system e' valido o meno.

Me ne vengono in mente alcuni che vengono talvolta usati anche come sinonimi.

- ATTENDIBILITA'
- SIGNIFICATIVITA'
- SPECIFICITA'
- SENSITIVITA'
- ATTENDIBILITA'
- ROBUSTEZZA

poi ce ne saranno sicuramente altri.
Hai scritto due volte attendibilità, in effetti è la condizione primaria.
 
Ultima modifica:

Giardiniere

Nuovo forumer
Registrato
3 Marzo 2012
Messaggi
82
il primo dell'elenco, l'attendibilita' e' un concetto quantitativo o qualitativo ?

Cos'e' l'attendibilita' ?

Confesso che non l'ho mai capito, a differenza ad esempio di sensibilita' e specificita' che sono invece concetti piu' semplici.

Cos'e' l'attendibilita' di un segnale di un trading system ?
E l'attendibilita' di un segnale meteorologico nella previsione del tempo ?
Sono concetti simili ?

Non ho mai trovato finora una chiara spiegazione di "attendibilita'" in senso meteorologico. E' un dato che sul giornale varia generalmente dal 60% al 90%, ma io stesso o qualcuno di voi potrebbe fare meglio del meteorologo se facesse una previsione ad n+1 pari alla previsione del tempo di oggi alla data "n".

Soprattutto in estate si potrebbe avere un indice di attendibilita' del 70-80% ipotizzando il tempo "sereno" ad ogni previsione.

Cosa vuol dire allora una previsione di pioggia con attendibilita' al 75% ?
Forse una previsione rispetto all'ipotesi nulla ? Ed in tal caso, l'ipotesi nulla su cosa viene misurata ? :-?

Boh !
La mia umilissima opinione dato che sono concetti del tutto personali. Per me un TS è attendibile e degno di essere immesso sul mercato solo quando dopo averlo testato con un sufficiente numero di osservazioni non solo sul data set utilizzato per la sua implementazione, ma anche in cross validation e dopo un periodo di prova sul campo su dati nuovi mantiene una profittabilità costante e comunque superiore a quella del BH.
Poi per carità puo capitare che comunque si rompa, ma questo parlando di serie storiche finanziarie, fa parte del gioco.
Comunque trovo che il paragone con i dati meteoreologici sia in parte azzeccato.
 
Ultima modifica:

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Hai scritto due volte attendibilità, in effetti è la condizione primaria.

Si, me ne sono accorto adesso.
Non ho mai capito bene cosa significhi l'attendibilita' in meteorologia e la voce di Wikipedia non aiuta molto.

Cosa vuol dire tecnicamente una previsione del tempo di domani attendibile al 90% ?? La probabilita' che su 100 scenari possibili meteorologici escano in media 90 di quelli indicati ? O che il previsiore (la previsione del previsore) abbia azzeccato il 90% delle previsioni del passato ? Come mai non viene indicata una varianza della previsione meteorologica ? Si ritiene forse che la varianza sia implicitamente contenuta nel dato, per cui se la previsione e' 90% la varianza e' scarsa, mentre se e' 60% e' elevata ?

O e' una previsione soggettivista ?


In statistica, l'attendibilità (fedeltà, affidabilità) esprime la costanza di un insieme di misure o di un particolare strumento di misura.
L'affidabilità non implica validitàaccuratezza, cioè la capacità di misurare correttamente una data variabile.
Una misurazione è attendibile se i risultati rimangono costanti allo stesso modo nel tempo. In questo caso si avrà un'alta affidabilità, mentre uno strumento di misura non è affidabile se le misure ripetute forniscono risultati differenti nonostante non vi siano cambiamenti evidenti nei soggetti esaminati.
L'affidabilità può essere valutata con diversi metodi:

In ogni caso a stimare il concetto di attendibilità viene utilizzato l'Indice di correlazione di Pearson (o coefficiente di correlazione prodotto-momento di Pearson).
 

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
La mia umilissima opinione dato che sono concetti del tutto personali. Per me un TS è attendibile e degno di essere immesso sul mercato solo quando dopo averlo testato con un sufficiente numero di osservazioni non solo sul data set utilizzato per la sua implementazione, ma anche in cross validation e dopo un periodo di prova sul campo su dati nuovi mantiene una profittabilità costante e comunque superiore a quella del BH.
Poi per carità puo capitare che comunque si rompa, ma questo parlando di serie storiche finanziarie, fa parte del gioco.
Comunque trovo che il paragone con i dati meteoreologici sia in parte azzeccato.
Ok, sono d'accordo su tutto.
Qual e' allora la differenza che attribuisci ai termini significativa' statistica e attendibilita ? Sono sinonimi o nella attendibilita' entra in campo una valutazione personale, discrezionale, soggettiva ?
 

Giardiniere

Nuovo forumer
Registrato
3 Marzo 2012
Messaggi
82
Ok, sono d'accordo su tutto.
Qual e' allora la differenza che attribuisci ai termini significativa' statistica e attendibilita ? Sono sinonimi o nella attendibilita' entra in campo una valutazione personale, discrezionale, soggettiva ?
Premettendo che parlando di TS meno si va nel "discrezionale" e meglio è. Ma anche rimanendo all'interno dei dati c'è il rischio che entriamo in un ginepraio da cui non se ne esce.
Cio che ad esempio per un frequentista (come sono io) è attendibile per un bayesiano magari non lo è e viceversa.
Argomento comunque molto interessante e che ritengo utilissimo da sviluppare, soprattutto per chi come me implementa TS che poi vanno a mercato.
A proposito, in questi giorni forse, entrerò in contatto con un Bayesiano DOC lontano anni luce dal trading e dalla borsa in generale a cui però ho molte domande da porre, sempre che riesca a trovare un linguaggio a lui comprensibile, considerando che il tizio si muove in ambienti "leggerissimamente" complessi. :D
 
Ultima modifica:

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Premettendo che parlando di TS meno si va nel "discrezionale" e meglio è. Ma anche rimanendo all'interno dei dati c'è il rischio che entriamo in un ginepraio da cui non se ne esce.
Cio che ad esempio per un frequentista (come sono io) è attendibile per un bayesiano magari non lo è e viceversa.
Argomento comunque molto interessante e che ritengo utilissimo da sviluppare, soprattutto per chi come me implementa TS che poi vanno a mercato.
A proposito, in questi giorni forse, entrerò in contatto con un Bayesiano DOC lontano anni luce dal trading e dalla borsa in generale a cui però ho molte domande da porre, sempre che riesca a trovare un linguaggio a lui comprensibile, considerando che il tizio si muove in ambienti "leggerissimamente" complessi. :D
Infatti il problema che mi pongo sempre sollevato da Quicksilver nel secondo intervento: come si passa dal quantitativo al qualitativo ?

Metti ad esempio che in prima istanza si trovi un indice di Sharpe buono, al quale necessitano ulteriori riscontri. Trovo l'ACF sufficientemente elevata nei dati oggetto di indagine e la verifico significativa con gli appositi test, quindi avrei gia' una prima indicazione di significativita' statistica, ma non di robustezza. Cambio alcune delle condizioni iniziali - esempio shifto leggermente gli orari gli orari di entrata e di uscita - shifto leggermente le regole, etc. e poiche' lo Sharpe tiene e non si deteriora ho trovato apparentemente anche della robustezza nelle regole.
Cambio mercati, segmenti, titoli di mercato e trovo che certi fenomeni quantitativi si ripetono: a questo punto forse ho anche segnali di una maggiore attendibilita', che pero' trovo impossibile quantificare. Per me attendibilita' vuol dire che mi attendo che date le premesse (il TS si basa su regole che trovano ragioni oggettive sottostanti, funziona su piu' mercati, segmenti, azioni diverse, non ha delle soglie fisse sotto le quali le performance degradano, etc.) il TS funzionera' in futuro, salvo break strutturali di mercato.

Questo e' abitualmente il nostro percorso tipico, con varie sfumature.

Ma un metereologo come fa a definire sul giornale attendibile una previsione di pioggia al 75%, qualndo l'attendibilita' per noi e' un concetto semantico e non oggettivo e quindi misurabile? :-?
 
Ultima modifica:

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Ma un metereologo come fa a definire sul giornale attendibile una previsione di pioggia al 75%, quando l'attendibilita' per noi e' un concetto semantico e non oggettivo e quindi misurabile? :-?
Sono riuscito a fare chiarezza sull'argomento, anche grazie all'amico metereologo compiacente.

Si definisce una previsione di pioggia (o sole) attendibile al xx% quando le probabilita' dell'evento indicate sul giornale corrispondono alle probabilita' che l'evento sia conforme alla previsione.

In realta' nella pratica non e' nemmeno cosi', perche' esistono due concetti di attendibilita': l'attendibilita' statistica meteorologica, conosciuta dai soli meteorologi, e l'attendibilita' meteorologica "comunicata", che differisce dalla attendibilita' statistica per la sua espressione di negoaziarione politica di interessi diffusi (agricoltura, turismo, sport, pesca, etc.).

Si, in effetti anche gli scienziati della previsione in campo meteorologico agiscono da piccoli politici in proprio, perche' mediano diverse istanze di tutela presenti sul territorio.

Molto spesso l'attendibilita' statistica in campo meteorologica che emerge dai dati e' piu' alta (chissa', sull'ordine del 65%-95% ??) piuttosto che del range 60%-90% canonico che si legge sui giornali e che non varia mai.

Il 95% non viene utilizzato mai per problemi di natura legale, perche' - cito solo uno tra gli esempi possibili - un escursionista allettato dalle previsioni di bel tempo potrebbe salire sul Cervino e venire fulminato e gli eredi potrebbero fare causa all'organo previsiore. Ogni anno mediamente muoiono dai versanti svizzero e italiano una decina di persone, per cui capirete che l'eventualita' di una citazione in giudizio per un dato meteorologcio inattendibile non appare cosi' remota. Al contrario nella fascia bassa delle previsioni prevale il principio di cautela, al fine di non accentuare la propria capacita' previsiva in condizioni di effettiva incertezza che non verrebbe apprezzata.

Tuttavia non per questo utilizzo parsimoioso del principio di cautela il povero previsore riesce a schivarsi lo stesso dalle serrate critiche che gli piovono addosso, in particolar modo dal settore del turismo che sempre piu' inveisce contro previsioni troppo cautelative in occasione dei ponti primaverili che non fanno accorrere il ricco cliente d'oltre Alpi. A detta degli albergatori, il previsore dovrebbe mettere sul giornale la previsione di bel tempo a Pentecoste con il 90% di attendibilita', sempre :)

Ma spiegate queste finezze interpretative e questi risvolti sconcertanti, adesso veniamo a come tutto questo discorso dell'attendibilita' si aggancia ai nostri trading system
 
Ultima modifica:

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto