Educational e FAQ Trading su Obbligazioni (un cruscotto per i bond) (1 Viewer)

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
Obiettivo del presente post e' creare un gruppo di persone interessate per istruire le basi teoriche per "un cruscotto" per il trading dei bond, sulla falsariga della figura allegata. Non ritengo che questo post vada messo in rilievo, perche' non molti potrebbero essere interessati ad un cruscotto di tale genere, ma soprattutto perche' alcune delle caratteristiche che presiedono alla costruzione del del cruscotto non sono immediatamente comprensibili, ma richiedono una trattazione formale, anche se non esaustiva, del concetto di rendimento.

Vedremo in questa trattazione introduttiva come il concetto statico - e scolastico - di rendimento sia cambiato nel tempo e sia stato sostituito negli anni piu' recenti con concetti dinamici
 
Ultima modifica:

Piedi a Terra

Forumer storico
Registrato
16 Ottobre 2011
Messaggi
1.662
"Portare un po' d'ordine nella definizione di un elemento base come il rendimento per qualsiasi persona si occupi di mercati finanziari"

A mio modesto avviso sono essenzialmente 3 le questioni piu' spinose legate alla definizione di rendimento, anche se preciso da subito che e' mia intenzione occuparmi in questo 3d solamente di una, la terza.

1) il rendimento considerato al netto della inflazione
2) il rendimento considerato al netto della tassazione
3) il rendimento considerato al netto del rischio di credito

1) il rendimento considerato al netto della inflazione
Dai tempi del governi Craxi (e precedenti) della prima meta' degli anni '80 e' maturata negli italiani una coscienza critica nell'inadeguatezza del rendimento nominale (cioe' il rendimento determinato dai modelli insegnati a scuola) a tenere conto dell'impatto causato dal grande nemico storico del rendimento, cioe' l'inflazione. Sono nati da quell'esperienza nuovi modelli di computo mentale, come i rendimenti "reali", cioe' i rendimenti nominali depurati dall'inflazione, anche attraverso una serie di strumenti finanziari che ne hanno diffuso la nozione: i buoni fruttiferi della posta agganciati all'inflazione, i buoni del tesoro anch'essi agganciati all'inflazione e la conoscenza dell'importanza della corretta valutazione dell'inflazione, in taluni contesti decisamente sottostimata.

I trading system a sviluppo poliennale andrebbero computati proprio con i rendimenti "reali", perche' un rendimento nominale del 15% del 1984 e' di gran lung peggiore di un rendimento nominale del 5% relativo all'anno 2007, considerato che nel 1984 l'inflazione era al 15% e nel 2007 solo al 2%.

2) il rendimento considerato al netto della tassazione

A me piacerebbe intendere una tassazione del 20% come uno scenario in cui guadagno 120 e mi vengono trattenute 20 di tasse. Cosi' su un netto che percepirei di 100 avrei pagato 20 di tasse, esattamente il 20%. (vi quadra?) Sono peraltro perfettamente conscio che questa convenzione del prelievo aggiuntivo non viene comunemente accettata.Ad esempio in banca, dove vige assoluta la legge dello Stato. Se provate ad investire 10.000 Euro in un Fondo che prevede commissioni del 3% indicate nel prospetto, nessuna banca accettera' che versiate i 300 Euro in contanti a parte: tutte le banche vorranno investirvi 9.700, altrimenti se chiedete il rispetto della matematica vi metteranno alla porta. Questo strano fenomeno della tassazione effettiva piu' elevata della tassazione nominale e' anche rilevabile in via empirica: se provate a scaricarvi i rendimenti lordi e netti dei 52 Btp sul mercato, dato che si trova su molti siti, troverete che la tassazione reale e' del 14,50 % ed e' piu' elevata della tassazione nominale del 12,50% e della tassazione teorica (14,29%). La questione dei rendimenti depurati dall'inlfazione e' divenuta spinosa in particolar modo con l'aumento dal 12,5% al 20% dell'aliquota.

Secondo me proprio per il peso sottovalutato dell'impatto fiscale e' buona prassi iniziare dal 2012 a considerare anche l'impatto fiscale sulle strategie di trading che si utilizzano, ad esempio elencando i rendimenti netti di tassazione piuttosto che i rendimenti lordi come noi tutti abbiamo fatto finora per anni.

In fin dei conti, negli anni scorsi pagare solo il 12,5% nominale era anche piacevole... :)

Alla prossima
 
Ultima modifica:

qquebec

Super Moderator
Registrato
12 Febbraio 2009
Messaggi
9.917
L'iniziativa mi sembra buona, però va seguita costantemente e sviluppata. Forse varrebbe la pena cominciare ad elaborare qualche dato di modo che, appena si vedono un po' di risultati, si è tutti più incentivati a collaborare
 

Yunus80

Del PIG non si butta nulla
Registrato
7 Gennaio 2009
Messaggi
3.877
Thread interessante, mi auguro che abbia buon seguito... intanto comincio a guardarmi il tuo foglio :up:
 

matteooooo

Nuovo forumer
Registrato
13 Febbraio 2005
Messaggi
16
Thread interessantissimo, i miei complimenti a P.A.T.:up:
Una domanda pratica: esiste su internet la possibilità di visualizzare/scaricare la curva dei tassi utilizzata nel calcolo dello Z-Spread e I-Spread gratuitamente?

Ciao
Matteo
 

p_dinamite

Forumer attivo
Registrato
13 Marzo 2008
Messaggi
813
mi associo!
grazie per mettere a disposizione il tuo lavoro.
dicci se possiamo aiutarti in qualche modo
 

drbs315

Forumer storico
Registrato
5 Dicembre 2010
Messaggi
4.347
Davvero un ottimo contributo, complimenti per l'iniziativa e la disponibilità a renderne il forum partecipe! :up:
 

p_dinamite

Forumer attivo
Registrato
13 Marzo 2008
Messaggi
813
purtroppo io non sono espertissimo, spero che qualcuno che non è un semplice utente ti possa aiutare
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto