Trading per vivere: si può fare? (2 lettori)

zappolaterra

Forumer storico
Registrato
29 Aprile 2004
Messaggi
2.930
Località
bohhha
gioric ha scritto:
zappolaterra ha scritto:
gioric ha scritto:
>>>oggi posso dire che una buona selezione e un buon corso in 5/6 mesi possono "sfornare" un buon trader

assolutamente insufficienti (anche se chiede)

parere personale :)
parere personale diverso, verificato e disponibile al test.
;)
ma se hai detto che è dal 98 che tradi (o anche prima, boh)

ma mi faccia il piacere, mi faccia :-D
parere personale significa che conosco.... e rivelandoglielo le ...faccio il piacere.... ;)
il dispiacere, perchè conosco il suo affetto per me..... :rolleyes: :) , lo proverà sicuramente, invece, sapendo che non sono io colui che dopo 5 mesi ha iniziato a tradare sulla base di un corso strutturato.
le ho fatto....?
:D :-D :lol: :p :p
la devo comunque rimproverare perchè legge con poca attenzione.... dal '96.
;)
 

conide

Forumer attivo
Registrato
6 Gennaio 2000
Messaggi
266
Località
Torino
Salute a tutti.

Io che faccio il "Quanto" di professione esprimo un parere simile a quello di alan1.

Volendo mantenere un profilo di rischio accettabile e bassa vola del capitale propendo per un 4% - 6% di possibile guadagno sul capitale annuo, in modo sostenibile nel lungo periodo. Ciò tutto compreso, ovvero: parte bond ed equity e se potete anche su commodity e valute.

Questo significa che per vivere al minimo occorrono diciamo 400.000 Euri su quali guadagnare diciamo 20.000 Euro anni netti. La paga di un operaio specializzato / impiegato di buon livello.

Tenete conto che così facendo non consideriamo: la pensione (covrete lavorare ad libitum) e nenahce una qualche forma di assicurazione sanitaria. Ed inoltre facciamo come se l'inflazione non esiste.

Volendo guadagnare di più...... avete due chance:
-maggior capitale
-prendete maggiori rischi

saluto cortesemente
 

targetprice

Banned
Registrato
22 Settembre 2004
Messaggi
27
Alan

Caro Alan fare l' imprenditore sara' difficile ma fare il trader il 98 % ci lascia la pelle...

quindi non so quale sia il mestiere piu duro


ciao.....


Altra cosa se fallisci a fare l' imprenditore ti puoi anche salvare se fallisci a fare il trader ti rovini....

:-D
 

alan1

Forumer storico
Registrato
2 Gennaio 2001
Messaggi
3.260
Re: Alan

targetprice ha scritto:
Caro Alan fare l' imprenditore sara' difficile ma fare il trader il 98 % ci lascia la pelle...

quindi non so quale sia il mestiere piu duro


ciao.....


Altra cosa se fallisci a fare l' imprenditore ti puoi anche salvare se fallisci a fare il trader ti rovini....

:-D

Credo che tu non abbia letto tutto ciò che ho scritto.

Ti incollo solo una mia frase:

Diciamoci la verità,
molti hanno iniziato a fare i trader pensando di trovare una scorciatoia per il successo;
ma le scorciatoie non esistono,

serve preparazione e servono i mezzi in tutti i settori,

..............
 

targetprice

Banned
Registrato
22 Settembre 2004
Messaggi
27
Alan

Scorciatoie non esistono sicuro ma mentre nelle altre professioni se ti fai il mazzo qualcosa tiri fuori qua e' sicuro che ci rimetti tutto quindi e' inutile raccontarla...

A) Prima o poi arriva un giorno che perdi tutta la pila...non so quando ma prima o poi arriva...

B) Mai conosciuto uno che si e' arricchito in borsa..e di gente che bazzicano questi ambientini ne conosco parecchi

C) Metodi e storie varie non servono a nulla ci metti piu tempo a perderli mentre se non lo hai puoi perdere tutto in un giorno solo...ma il risultato e' lo stesso

D) quelli che guadagnano lo fanno perche' operano pochissime volte e si assumono bassi rischi

bye
 

gioric

Forumer storico
Registrato
6 Gennaio 2003
Messaggi
2.962
forse occorre fare un pò di chiarezza

la domanda iniziale era : si può vivere di trading?

a questo punto però occorre essere più precisi

che tipo di trading?

con quali capitali?

c'è il discorso di alan e conide che in sostanza riguarda la gestione di un portafoglio

se ho un milione, mi costruisco un portafoglio, più o meno rischioso, più o meno esposto alla vola e lo gestisco; qualcosa sicuramente guadagno

io non credo però che la domanda iniziale si riferisse a questo tipo di trading, ma a quello di cui si discute usualmente nei forum; vale a dire, il trading direzionale sull'azionario o sui futures

quello, tanto x per fare esempi, di La Verità, dello stesso Zappo e di altri (io compreso)

questo trading in effetti si può fare anche con capitali piuttosto ridotti, ma dà da vivere?

forse, cosi riusciamo a focalizzare meglio il discorso
 

Giannigas

Forumer storico
Registrato
17 Settembre 2004
Messaggi
8.666
Località
Bologna
Salve ragazzi, sono nuovo di qui e ora dico la mia.
Capitale 100.000 euro.
Preparazione di base buona (niente di trascendentale, ma studio dei grafici, MM, Gann, ecc).
Solo 5 titoli al giorno.
Si compra alla mattina, 15/20 minuti dopo l'apertura per vedere un po' come si muove il mercato.
Si aspetta le 15.30 per vedere come apre il mercato americano
Si vende in giornata.
Una media di 20 giorni al mese di trading.

Facciamo due conti.

2000 euro diviso 20 giorni = 100 euro al giorno

100 euro diviso le 5 azioni = 20 euro per azione.

Secondo voi è così difficile guadagnare 20 euro per azione al giorno? (avendo naturalmente osservato i grafici, letto i forum :p , e preso tutte le informazioni del caso).

Ho detto una boiata? :uhm:
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 2)

Alto