Thread Ufficiale Delle Buone Notizie dal Pianeta (1 Viewer)

big_boom

Forumer storico
Registrato
28 Febbraio 2009
Messaggi
11.189
Località
ora nell'inferno delle tasse italico
Ciò che rende particolarmente interessante il modello della Cummins non è tuttavia, il meccanismo appena descritto, che era già conosciuto e comune in molti oggetti simili come l’Eco Cooler, ma il particolare design del frigo che, come spiega la stessa Cummins sul suo sito (Home - Emily Cummins) , grazie al fatto di poter essere costruito con materiali riciclati e facilmente reperibili, ben si presta ad essere usato nei paesi in via di sviluppo.

Il progetto, che in realtà risale a quattro anni fa, è tornato più di recente alla ribalta perché è valso alla Cummins il premio come imprenditore etico all’Oslo Business for Peace Award, assegnato dalla giuria del Nobel, proprio grazie alla sua attitudine ad aiutare le popolazioni del terzo mondo a conservare cibo e medicinali.
ma quando parli di terzo mondo di chi stai parlando?

si mi parli che so di africa in genere non so dirti perche' non ci sono mai andato

se mi parli di messico, centro america, asia be posso dirti che qui le famiglie povere hanno 2 o 3 frigoriferi, 2 o 3 televisori e vivono in genere in baracche fatiscenti :rolleyes:

che so un frigorifero a celle solari lo vedrei meglio in Italia o Grecia, non so se rendo l'idea
 
Ultima modifica:

big_boom

Forumer storico
Registrato
28 Febbraio 2009
Messaggi
11.189
Località
ora nell'inferno delle tasse italico
questa per me e' una buona notizia (anche se non molto recente(, sarebbero queste le cose da fare in italia per gli italiani

"Per 250 euro al mese le donne in Piemonte potranno decidere di non abortire. Il contributo che la Regione offrirebbe alle gestanti è stato approvato dalla Commissione Bilancio e sarà presto discusso dal Consiglio. Della somma mensile potranno, però, usufruire solo le donne in grado di dimostrare che avrebbero abortito per motivi economici, in difficoltà o indigenti."

Torino, 250 euro alle gestanti che non abortiscono|Il quotidiano italiano


p.s. spero che siano contributo riservati ai soli italiani :rolleyes:
 
Ultima modifica:

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
34.994
Località
Il mondo dei sogni
questa per me e' una buona notizia (anche se non molto recente(, sarebbero queste le cose da fare in italia per gli italiani

"Per 250 euro al mese le donne in Piemonte potranno decidere di non abortire. Il contributo che la Regione offrirebbe alle gestanti è stato approvato dalla Commissione Bilancio e sarà presto discusso dal Consiglio. Della somma mensile potranno, però, usufruire solo le donne in grado di dimostrare che avrebbero abortito per motivi economici, in difficoltà o indigenti."

Torino, 250 euro alle gestanti che non abortiscono|Il quotidiano italiano


p.s. spero che siano contributo riservati ai soli italiani :rolleyes:
:wall:
 

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
34.994
Località
Il mondo dei sogni
Tendenze del mercato fotovoltaico: l'Italia leader mondiale | Scienza in Rete


I dati lo dicono chiaramente, per il 2011 si può parlare di boom del fotovoltaico. Le cifre in questione provengono dal rapporto pubblicato lo scorso gennaio dall'EPIA, l'associazione che riunisce le industrie europee coinvolte nella produzione di elettricità a partire dall'energia solare. A livello mondiale la potenza prodotta è cresciuta del 67%, passando dai 39,7 gigawatt (GW) del 2010 ai 67,3 del 2011, un dato piuttosto significativo considerando anche l'attuale situazione di crisi economica e finanziaria. Per capirci, ora l'energia prodotta dal sole è in grado di sostenere quasi diciannove milioni di famiglie di un paese sviluppato.

Il rapporto dell’EPIA, costruito a partire da dati forniti da organizzazioni internazionali, compagnie private e associazioni di settore, mostra con chiarezza il trend di crescita del mercato fotovoltaico. Il contributo dominante è quello europeo, che copre da solo il 75% degli impianti installati nel 2011, e gli esperti del settore considerano ormai questa forma di produzione di energia elettrica un mercato maturo, con una tecnologia sviluppata e ben collaudata. Ma anche l'apertura di nuovi mercati rappresenta un dato interessante: l'incremento dell'uso dell'energia solare da parte di Cina e Usa dà ulteriore impulso all'industria fotovoltaica, considerando in particolare il fatto che tali mercati hanno raggiunto solo una piccola quota del loro potenziale produttivo.

A sorpresa l'Italia è il primo costruttore mondiale di nuovi impianti per il 2011, scalzando così il primato della Germania: si fanno sentire gli effetti del decreto “Salva Alcoa”, che ha esteso i benefici fiscali introdotti nel 2010 a favore del fotovoltaico anche ai primi mesi del 2011. La forte crescita è attribuibile anche agli incentivi che lo Stato mette a disposizione per creare nuovi impianti grazie al “Conto Energia”. Questo fondo attinge alle bollette di tutti i consumatori e viene usato per finanziare la costruzione di nuovi impianti: in proporzione all’energia pulita prodotta lo Stato eroga un contributo che viene versato per 20 anni. Il mercato ha reagito a questi incentivi con una vera e propria corsa all'oro, installando quasi 9 GW di potenza in un anno e facendo balzare l’Italia in cima alla classifica mondiale. Ora la filiera produttiva è preoccupata che questa crescita possa interrompersi bruscamente con la fine dei contributi statali e cerca nuovi modi di rendere conveniente l'installazione di impianti fotovoltaici, a partire dall’abbassamento dei costi di produzione.

Il secondo paese che ha installato più GW nel 2011 è la Germania che, nonostante una minore esposizione solare, ha costruito una quantità di impianti poco inferiore all'Italia. Le differenze con il nostro paese sono sostanziali: i benefici fiscali sono minori, ma la Germania è uno dei paesi al mondo che investono di più in ricerca e sviluppo, risultando leader europeo nella produzione di celle fotovoltaiche. Anche il partito ambientalista Die Grüne, molto più forte rispetto ai nostri Verdi, ha avuto un ruolo attivo nella crescita del mercato.

Al di fuori del vecchio continente brilla la performance della Cina, che nel 2011 è cresciuta del 220%. Certo la capacità installata è ancora molto bassa: si parla di 2,9 GW, una frazione rispetto alla produzione europea di 47,2 GW, ma l'andamento della crescita sta diventando esponenziale. Nei prossimi anni si stima che la Cina diverrà il protagonista del settore grazie alla sua enorme capacità produttiva. Oggi il mercato cinese è debole perché la situazione economica dei cittadini non è ancora in grado di sostenere l'acquisto e la manutenzione di un impianto fotovoltaico domestico. Inoltre l'industria fotovoltaica è rivolta quasi esclusivamente al ricco mercato dei paesi sviluppati, in primis quello europeo, l'unico in grado di assorbire le merci prodotte. Lo sviluppo del fotovoltaico in Cina risente anche della forte concorrenza dovuta al carbone, di cui il paese è uno dei maggiori produttori e consumatori mondiali. Il governo ha deciso di invertire la rotta gradualmente, aumentando i fondi per la ricerca e iniziando a incentivare l'acquisto in loco degli impianti fotovoltaici prodotti. Finora è assai più conveniente produrre e vendere all'estero, ma nel giro di pochi anni, con la crescita del consumo interno, assisteremo a un incredibile boom dell'energia solare in Cina.

La sfida che il fotovoltaico dovrà affrontare in futuro è quello della competitività con l'energia prodotta da fonti fossili: attualmente nel mondo più dell'80% dell'energia prodotta proviene da risorse non rinnovabili. Il prezzo di produzione dei pannelli fotovoltaici è sceso del 30-40% nell'ultimo anno e di questo passo si stima che attorno al 2016-2018 sarà possibile raggiungere la “grid parity”, cioè un sostanziale livello di parità tra il prezzo dell'energia elettrica ottenuta dal solare rispetto a quella ricavata dalle fonti fossili. Da quel momento i produttori dovranno liberarsi del sostegno fornito dai finanziamenti statali, e affrontare la libera concorrenza nel mercato dell'energia. Una prospettiva di tutto guadagno, sia per i consumatori che per l'ambiente.
 

lorenzo63

Age quod Agis
Registrato
6 Gennaio 2009
Messaggi
11.794
Cioè quindi una stima (come quelle che davano il petrolio a 250 dollari) ... Nel frattempo le azinende si devono far girare con costi veri che generano occupazione se sono bassi, disoccupazione se sono alti ...
 

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
34.994
Località
Il mondo dei sogni
CELLULE STAMINALI E LATTE MATERNO

Il latte materno è una ricca fonte di cellule staminali multipotenti quindi in grado di trasformarsi in molte cellule diverse: è la scoperta di Foteini Hassiotou, una ricercatrice del gruppo di studio della University of Western Australia (UWA) che già nel 1997 aveva isolato alcune cellule staminali nel latte materno.

I risultati della ricerca, presentati al 7° International Breastfeeding and Lactation Symposium di Medela (Vienna, 20-21 aprile 2012), sono molto rilevanti in quanto i dilemmi etici sull'uso delle staminali embrionali hanno costituito fonte di ritardi o blocchi sugli investimenti in ricerca scientifica.

La ricerca scientifica ha bisogno proprio di questo tipo di cellule staminali: avere quindi una riserva di facile reperimento, in individui adulti, può essere motivo di speranza per tante famiglie in attesa di una cura per alcune malattie degenerative.

Dice Foteini Hassiotou: “Grazie al sostegno di Medela è stato possibile effettuare ulteriori passi avanti nel campo della ricerca, dimostrando ancora una volta come il latte materno non sia solo un semplice nutrimento per il bambino. Queste staminali possono diventare cellule di tessuto osseo, cartilagineo, adipose, pancreatiche, epatiche, neuroni. E’ proprio questo il loro valore: stimolandole opportunamente in provetta è possibile ‘trasformarle’ in cellule specializzate di diversa e svariata natura. D’altra parte ancora molte domande rimangono insolute, in particolare stiamo ancora studiando il ruolo di tali cellule nei bambini allattati al seno.”

Possiamo dire, nel caso ancora non ne fossimo abbastanza convinte, che il latte materno è una fonte davvero preziosa per la vita.
Ci piace che sia una donna ad avere fatto questa scoperta e che per questa sia stata premiata col premio AusBiotech-GSK Excellence Award 2011.
La ricerca è stata finanziata da Medela, una azienda che ricopre un ruolo fondamentale nella ricerca e produzione di dispositivi per l’allattamento e la neonatologia (ma non solo).
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto