Thread ad personam: @Claire, mi commenti questa statistica? (1 Viewer)

gipa69

collegio dei patafisici
Registrato
11 Novembre 2002
Messaggi
24.426
Località
liguria
Ho trovato su internet, ripreso da alcuni siti maschilisti che incitano alla superiorità maschile :-o queste statistiche datate qualche anno ma non troppo sugli omicidi nei vari paesi suddivisi per genere sia in termini percentuali sia in termini assoluti; possiamo trarne qualche conclusione interessante... :mumble:
 

Allegati

Ultima modifica:

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
20.201
Località
Via Lattea
Io commenterei con il suggerimento d'andarvene tutti a San Marino (RSM), in prima istanza: lì son tutti/e highlander.

Ma io non sono Claire. Esco dal thread in punta di piedi, indossando zoccoli olandesi di legno stagionato. :ciao:
 

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
35.303
Località
Il mondo dei sogni
Come commento?

Dando un paio di definizioni:

Omicidio è l'uccisione di una persona, giusto? I motivi possono essere tanti: incidente stradale, delitto di mafia, vendetta, rapina, incidente di vario genere, incidente sul lavoro, guerra.
Se è incidentale non rileva il rapporto tra l'ucciso e l'assassino
Se è intenzionale, sì. Allora troviamo i motivi più svariati: vendetta, mafia, regolamento di conti, guerra, ecc.
Gli omicidi di donne che vengono definiti "femminicidi" hanno in comune il movente e spesso anche chi commette l'atto. Si distinguono dal resto degli omicidi commessi per questo motivo: sono compiuti quasi tutti da partner o ex partner o da uomini che vengono respinti e il motivo è quasi sempre lo stesso: l'assassino non accetta di essere stato lasciato o non accetta che la sua compagna assuma comportamenti che esulano da quello che lui pensa debba essere il comportamento della "sua" donna.

Negli anni, il numero di femminicidi non è aumentato, è costante, più o meno.
Quello che cambia è la sua percentuale. Significa che, mentre il numero di omicidi diminuisce (non sempre e non ovunque), questo particolare tipo di assassinio non cessa.

Ho letto ieri una notizia che riguardava un carro di carnevale che rappresentava una donna mezza nuda, a 4 zampe che ha creato scalpore.
Ammetto che il carro era proprio brutto, volgare, ma ti dirò che la cosa che più mi ha sconvolta e fatta arrabbiare è stato il commento del giornalista che raccontava la vicenda.
Diceva che il carro in questione era di pessimo gusto, tanto più che nella stessa cittadina era appena avvenuto un femminicidio.
:eek:

In realtà, era morta sì, una donna, ma non per femminicidio (non voglio dire che sia una cosa meno grave, eh), era morta durante una rapina in gioielleria.

Nemmeno i giornalisti sanno di cosa parlano. Il tema è diventato tanto di moda che tutti ne parlano anche a sproposito e questo non fa bene a nessuno.

Ho commentato come volevi?
Si capisce quello che intendevo dire?
nel mondo molti più uomini che donne vengono ammazzati perché molti più uomini che donne sono coinvolti in attività "rischiose", come la mafia, la malavita, le guerre.

Le donne uccise per femminicidio sono poche su quel totale, ma restano un fortissimo grido di allarme sul fatto che per ancora troppi uomini una donna che "esce" dal "suo ruolo" non viene accettata.

Spero ti sia chiaro e che ti abbia risposto in modo appropriato.
 

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.976
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
Come commento?

Dando un paio di definizioni:

Omicidio è l'uccisione di una persona, giusto?
I motivi possono essere tanti: incidente stradale, delitto di mafia, vendetta, rapina, incidente di vario genere, incidente sul lavoro, guerra.
Se è incidentale non rileva il rapporto tra l'ucciso e l'assassino
Se è intenzionale, sì. Allora troviamo i motivi più svariati: vendetta, mafia, regolamento di conti, guerra, ecc.
Gli omicidi di donne che vengono definiti "femminicidi" hanno in comune il movente e spesso anche chi commette l'atto. Si distinguono dal resto degli omicidi commessi per questo motivo: sono compiuti quasi tutti da partner o ex partner o da uomini che vengono respinti e il motivo è quasi sempre lo stesso: l'assassino non accetta di essere stato lasciato o non accetta che la sua compagna assuma comportamenti che esulano da quello che lui pensa debba essere il comportamento della "sua" donna.

Negli anni, il numero di femminicidi non è aumentato, è costante, più o meno.
Quello che cambia è la sua percentuale. Significa che, mentre il numero di omicidi diminuisce (non sempre e non ovunque), questo particolare tipo di assassinio non cessa.

Ho letto ieri una notizia che riguardava un carro di carnevale che rappresentava una donna mezza nuda, a 4 zampe che ha creato scalpore.
Ammetto che il carro era proprio brutto, volgare, ma ti dirò che la cosa che più mi ha sconvolta e fatta arrabbiare è stato il commento del giornalista che raccontava la vicenda.
Diceva che il carro in questione era di pessimo gusto, tanto più che nella stessa cittadina era appena avvenuto un femminicidio.
:eek:

In realtà, era morta sì, una donna, ma non per femminicidio (non voglio dire che sia una cosa meno grave, eh), era morta durante una rapina in gioielleria.

Nemmeno i giornalisti sanno di cosa parlano. Il tema è diventato tanto di moda che tutti ne parlano anche a sproposito e questo non fa bene a nessuno.

Ho commentato come volevi?
Si capisce quello che intendevo dire?
nel mondo molti più uomini che donne vengono ammazzati perché molti più uomini che donne sono coinvolti in attività "rischiose", come la mafia, la malavita, le guerre.

Le donne uccise per femminicidio sono poche su quel totale, ma restano un fortissimo grido di allarme sul fatto che per ancora troppi uomini una donna che "esce" dal "suo ruolo" non viene accettata.

Spero ti sia chiaro e che ti abbia risposto in modo appropriato.
desumo tu non abbia letto al statistica: c'è la definizione di omicidio per la statistica stessa

per par condicio: le donne uccidono mai il compagno?
questo tipo di omicidi ( maschicidi, diciamo ) è costante o in crescita/decrescita?
 

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
35.303
Località
Il mondo dei sogni
desumo tu non abbia letto al statistica: c'è la definizione di omicidio per la statistica stessa

per par condicio: le donne uccidono mai il compagno?
questo tipo di omicidi ( maschicidi, diciamo ) è costante o in crescita/decrescita?
Risulta difficilissima, ed infatti non esiste, una "mappatura" degli omicidi di donne sugli uomini, definibile come omicidio di genere.

Lasciamo stare per un attimo tutto ciò che non riguarda il mondo occidentale, troppo complesso e diverso da noi per poterne parlare in modo corretto.
Qualche studio (non in Italia) inizia ad esserci e io ho visto anche un film-documentario in tema (ho visto di quei pipponi, nella mia vita :-o )

In generale (ma guarda che è proprio un discorso superficialissimo) le donne che ammazzano il loro compagno all'interno di una relazione, avevano, prima di giungere all'omicidio, subito abusi dallo stesso compagno, di varia natura (pare sia il 75% del totale). Inoltre, in genere, le conseguenze delle aggressioni delle donne nei confronti dei loro compagni sono meno gravi (una donna aggressiva e violenta compie violenze meno gravi).
La violenza di una donna nei confronti di un uomo, laddove si "limiti" a schiaffi, viene tollerata e scusata (a me viene il vomito) quasi sempre, forse perché i suoi effetti sono meno devastanti ( :-? )

Inoltre, dagli studi che ho letto, sembra che la propensione alla violenza sia pari in uomini e donne (sempre all'interno di una relazione), i motivi per i quali quella maschile si dimostra più aggressiva e più diffusa sono tutti culturali, io credo.
 

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
35.303
Località
Il mondo dei sogni
evidentemente, per ora, il fenomeno non ha avuto rilevanza sociale.
Oppure, e non sottovaluterei la cosa, gli uomini hanno difficoltà a parlarne.
Le pressioni culturali sono molto forti anche nei confronti del genere maschile.

Alla fine, il patriarcato nuoce moltissimo anche agli uomini.:(
 

Claire

Zingaraccia sbruffoncella
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
35.303
Località
Il mondo dei sogni
Potrei dirti che secondo me, è in aumento.

Ma è un "secondo me" non supportato da altro che da un mio sentire.
 

f4f

翠鸟科
Registrato
1 Ottobre 2003
Messaggi
52.976
Località
taglialegna da CiubeBBa;at Tokyo as Zenigata;capt
evidentemente, per ora, il fenomeno non ha avuto rilevanza sociale.
Oppure, e non sottovaluterei la cosa, gli uomini hanno difficoltà a parlarne.
Le pressioni culturali sono molto forti anche nei confronti del genere maschile.

Alla fine, il patriarcato nuoce moltissimo anche agli uomini.:(

il matriarcato sarebbe meglio?


( ot: ci sono teorie che ipotizzano il matriarcato tra i trogloditi )
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto