teoria del caos ed analisi tecnica tradizionale (1 Viewer)

Registrato
15 Settembre 2002
Messaggi
8
Teoria del caos ed analisi tecnica tradizionale alias ciò che c'è già e ciò che si vede.

Un esempio pratico: maggot di bj funziona perchè,seppur artigianalmente ed un pò lento,si basa sull'autoapprendimento che è uno dei punti cardine della teoria mentre i sistemi sul fib tradizionali utilizzano la vecchia analisi quindi.....

Una notizia:sapete da quant'è che chi sta "dietro" utilizza la teoria e non l'analisi?
Ebbene 15 anni cioè dal 1987!

I mercati progrediscono sempre solo che per guadagnare tanto lo devono sapere in pochi ( di solito solo quelli che contribuiscono a tale progressi e alcune cosidette mani forti :smile: ) :p

Meditate gente meditate :-? :-o :-? :-o

callisto

N.B.:tengo a precisare che non partecipo a maggot in alcun modo ed il fib neppure lo prendo in considerazione e mai l'ho fatto
 

bj

Forumer attivo
Registrato
18 Febbraio 2002
Messaggi
722
Grazie per i complimenti, Callisto.

Confermo a tutti gli amici del forum che lui non c'entra nulla con me e con Maggot.
 

abele

Nuovo forumer
Registrato
27 Giugno 2002
Messaggi
144
.ma, io ho fatto fisica, e devo dire che l'autoapprendimento non è affatto uno dei cardini della teoria del caos, meglio sarebbe dire , teoria della complessità o dei sistemi a molti corpi....

l'autoapprendimento riguarda tecniche informatiche, computazionali, algoritmiche, come le reti neurali, e gli algoritmi genetici

la teoria del coas nasce quando ci si rese conto in meteoreologia per esempio che i sistemi di equazioni differenzaili non lineari necessari per la descrizione del sistema erano molto sensibili alle condizioni iniziali;

si arrivo poi al concetto di stato critico, in cui un sistema assunta un certa configurazione tra i suoi elementi , soggetto a piccole perturbazioni, può dare luogo a forti evoluzioni la cui estensione in qualche modo prevedibile

gli algortimi di apprendimento si possono applicare a qualunque TS rendendolo più agili e flessibile proprio di fronte alla " imprevedibilità" della natura dei mercati

più hai macchine potenti e più puoi fare girare algortimi complessi

se si va a veder per esempio Biocomp profit , si nota che si passa da reti 10 neuroni a 200, da un hidden layer a reti multistrati autoadattative

prodotti in vednita per il pubblico retail di questo tipo ce ne sono da anni a bizzeffe, tradingsolutions, neuroshell, biocomp per citare i più noti

chiunque usandoli può sfruttare le doti di un softawre neuro-genetico fuzzy e quant'altro, tutta una serie di reti ibridizzate per ogni palato e portafoglio

altra via di indagine è la rescaled range analysis di hurst, che calcola il coefficente di hurst, come fa tetrahex per metastock

copio e incollo:

Lorenz had proved that complex, dynamical systems show order, but they never repeat. Since our world is classified as a dynamical, complex system, our lives, our weather, and our experiences will never repeat; however, they should form patterns.

per questo tutte le teorie cicliche on funzionano

tranquilli: sul mercato, se volete spendere soldi c'è già da anni tutto quello che fa per voi, per affrontare i mercati da un nuovo punto di vista
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto