Tagliare gli stipendi dei dipendenti pubblici? Ecco cosa ne pensa Keynes (1 Viewer)

tontolina

Forumer storico
Registrato
12 Marzo 2002
Messaggi
43.193
Tagliare gli stipendi dei dipendenti pubblici? Ecco cosa ne pensa Keynes

Il brano che segue è una sintesi “attualizzata” di un articolo comparso il 19 settembre 1931 su “The New Statesman and Nation” la rivista nata dalla fusione, voluta da Keynes, tra il giornale della società fabiana (l’ala riformista del partito laburista) e quello del partito liberale. Oggi come allora, i governi colpiscono il reddito dei [...]

Economia, Europa, Italia
Ieri, ore 13:13
Lascia un commento







Il brano che segue è una sintesi “attualizzata” di un articolo comparso il 19 settembre 1931 su “The New Statesman and Nation” la rivista nata dalla fusione, voluta da Keynes, tra il giornale della società fabiana (l’ala riformista del partito laburista) e quello del partito liberale. Oggi come allora, i governi colpiscono il reddito dei lavoratori pubblici, come premessa per un generale abbassamento di salari e stipendi. Keynes spiega come questa manovra non risolva i problemi, ma serva solo ad ingraziarsi il “Moloch delle finanze” e a tener fede al “punto di vista del Tesoro” (cioè, l’austerità).
Nel testo abbiamo sostituito “insegnanti” con “pubblici dipendenti”, senza tradire il senso del discorso, visto che l’autore fa comunque riferimento all’intero settore pubblico nell’articolo original, e “gold standard” con “euro”. Il testo completo si può trovare in “Esortazioni e profezie”, Il Saggiatore.

Un nuovo blog con i suoi interessanti contenuti è presente sul nostro sito da qualche giorno: Keynes Blog.
In questo articolo i due autori parlano della disuguaglianza con cui la crisi sta toccando le diverse classi della popolazione, colpendo al massimo con un 3,5% di tassi i più ricchi e con un 15% i meno abbienti.

Per saperne di più
Tagliare gli stipendi dei dipendenti pubblici? Ecco cosa ne pensa Keynes
ma c'era il presupposto della SOVRANITà MONETARIA della Nazione
e non esistevsa il gap così elavato l'impiegato e il dirigente.

se taglio ci deve essere
allora i primi dipendenti pubblici ad essere riorganizzati sono i
politici e i dirigenti che rubano stipendi e pensioni da favola
a scapito della sanità pubblica
 

DNGMRZ

ordine 11.110
Registrato
25 Febbraio 2007
Messaggi
1.437


Ecco le dichiarazioni fatte nel 2010 dai dirigenti pubblici: 1,6 milioni per il numero uno di
Finmeccanica Orsi, 1,3 per Mastrapasqua (Inps), 670mila euro per l'ex presidente Rai Garimberti
Tra i paperoni anche Pisapia, sindaco di Milano e noto avvocato: per lui quasi 900mila euro





Sono ricchi, talvolta ricchissimi, hanno storie diverse, alcuni lavorano tantissimo, altri hanno solo cariche di rappresentanza ma ben remunerate. Ma hanno tutti una cosa in comune: lavorano per la Pubblica amministrazione. Grazie a una legge del 1982, ogni anno i “titolari di cariche elettive e direttive di alcuni enti”, cioè manager scelti dalla politica per guidare pezzi del potere economico statale o parastatale, devono rendere nota la loro dichiarazione dei redditi dell’anno precedente e la loro situazione patrimoniale, le auto che possiedono e le società di cui hanno azioni di Stefano Feltri e Carlo Tecce

chissà cosa ne penserebbe keynes:lol:
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto