Azioni Italia Stock picking intraday NOVEMBRE/DICEMBRE 2007 (1 Viewer)

patt

Forumer storico
Registrato
6 Dicembre 2002
Messaggi
20.706
Località
un pò qua un pò là
BUON GIORNO STOCK PICKERS!!!!




LA FRASE DEL MESE

Si deve spendere in giovinezza il denaro che si guadagnera' in vecchiaia. Sacha Guiltry.
 

lnanetti

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
2.365
Località
Grand Cayman
ciao pat.... bruttissima aria oggi... pensa che pirla io dopo che predicavo ribasso dopo la fed..... però mi aspettavo un massimo diverso da quello di oggi... ho avuto la brillante idea sulla prima gamba di ribasso di mettermi long .... stoppato mi ha colto impreparato sto movimento.... purtroppo oggi non posso più recuperare.... devo uscire... comunque il ribasso è partito aspettiamoci almeno 15 gg di passione.... un saluto....
 

lnanetti

Forumer storico
Registrato
7 Gennaio 2000
Messaggi
2.365
Località
Grand Cayman
ovviamente ora mi aspetterei un rimbalzo e il famoso pull back in area 500 almeno.... però vederla venire giù in 4 ore scarse come un coltello fa capire che sto movimento partito è davvero brutto e impulsivo... :ciao:
 

patt

Forumer storico
Registrato
6 Dicembre 2002
Messaggi
20.706
Località
un pò qua un pò là
ciao ina.... :)

oggi siamo in pochi al pc....e guarda caso i mercati vengono giu' di brutto..a volte a pensare male si fapeccato ma a volte si indovina... :rolleyes:
 

patt

Forumer storico
Registrato
6 Dicembre 2002
Messaggi
20.706
Località
un pò qua un pò là
come inizio mese non c'è male..... :rolleyes:




Borse europee, giornata negativa
bruciati 120 miliardi di euro
Non si ferma la corsa del petrolio, che tocca quota 96 dollari a barile





MILANO - Giornata decisamente negativa, per i mercati finanziari. A cominciare da Piazza Affari, che chiude le contrattazioni con l'indice Mibtel a -1,71%, e l'S&p/Mib a -1,97%. Fra i titoli, in picchiata Unicredit, che arriva a perdere il 6%, e poi chiude a meno 4,7%. E nel resto del vecchio continente, le cose non vanno certo meglio: negativi l'Ftse inglese (-2,02%), il Dax tedesco (-1,73%), il Cac francese (-2%). In tutto, in ambito europeo, oggi sono stati bruciati circa 120 miliardi di euro.





A pesare c'è - a parte gli indici negativi di Wall Street, dove Citigroup arriva a perdere l'8% - la situazione difficile dei titoli dei colossi bancari. Dopo che Credit Suisse ha fatto sapere che "è troppo presto" per dire quando termineranno le difficoltà nel credito. E dopo che, oltreoceano, gli analisti hanno ridotto le valutazioni proprio su Credit Suisse.

E a rendere ancora più delicata la situazione sui mercati internazionali c'è anche la corsa senza freni del petrolio, che tocca quota 96 dollari al barile. E secondo gli esperti - come Davide Tabarelli di Nomisma Energia - le quotazioni continueranno a salire, fino a raggiungere quota 100 dollari. Solo dopo aver superato tale livello, potrà cominciare il ripiegamento verso verso valori più normali.




Del resto, nell'ultimo anno, la progressione dei prezzi è stata incredibile. Solo negli ultimi 10 mesi il greggio sui mercati internazionali ha registrato un balzo di 40 dollari al barile, passando dai 56 dollari di gennaio scorso agli attuali 96. Un aumento di quasi il 75% che ha portato l'oro nero a superare i livelli dei grandi shock petroliferi degli anni '80, (al netto dell'inflazione il greggio si attestò in media d'anno sui 76 dollari nel 1980).
(1 novembre 2007)
 

patt

Forumer storico
Registrato
6 Dicembre 2002
Messaggi
20.706
Località
un pò qua un pò là
$SOX




INTC







CISCO SISTEM






STM$







AMD





MOTOROLA



MICROSOFT





YAHOO






TEXAS INSTRUMENT





DELL






GOOGLE





CATERPILLAR INC







CTIC









SETTORE PETROLIFERO




TENARIS






EXXON MOBIL CORP






CHEVRON






CONOCO PHILLIPS







CURTISS WRIGHT





PATTERSON







BAKER HUGES






GRANT PRIDECO





BP PLC






TRANSOCEAN INC






HALLIBURTON CO





HELMERICH & PAIN



[/center
 

maramau

Forumer storico
Registrato
14 Marzo 2006
Messaggi
1.256
Località
Trieste
sera siori

oggi sala gessi ha fatto gli straordinari! :eek:

ma gli squali con la cravatta nemmeno il giorni dei santi si fermano! :rolleyes:

iuessei si avvia ad un close verso i minimi, preparare altre bende e fasce per domani :D :D :D :D
 

maramau

Forumer storico
Registrato
14 Marzo 2006
Messaggi
1.256
Località
Trieste
IERI :D

UNICREDIT +1,8% Gli analisti non temono brutti risultati

Websim - 30/10/2007 17:25:50



Nuova seduta al rialzo per Unicredit (UC.MI), dopo una lunga serie di ribassi. Le azioni dell'istituto guidato da Alessandro Profumo sul finale di seduta stanno mettendo a segno un rialzo dell'1,8% a 5,775 euro. Oggi la società ha reso noto il consensus (media delle previsioni degli analisti) sui dati del terzo trimestre che verranno diffusi il 13 novembre: Unicredit dovrebbe annunciare un margine di intermediazione di 5,685 miliardi di euro, un utile operativo di 2,288 miliardi, un utile lordo di 1,688 miliardi di euro e un utile netto di 995 milioni di euro.

Secondo un analista di una sim milanese, questi numeri dimostrano che gli analisti non tengono in nessun conto le voci di profit warning che erano circolate nei giorni scorsi. Dal 9 ottobre a oggi il titolo Unicredit ha perso in Borsa quasi il 10%. Nello stesso periodo l'indice Stoxx del settore bancario europeo è sceso del 5%.

OGGI :D

UNICREDIT -4,2% Forte ribasso di tutto il settore bancario europeo

Websim - 01/11/2007 17:11:09

Peggiore blue chip milanese è Unicredit (UC.MI) che sul finale di seduta segna una flessione del 4,2% a 5,65 euro e segue la scia del settore bancario europeo, con lo Stoxx di riferimento in calo dell'1,4%. Tutto il comparto finanziario è sotto consistenti vendite dopo l'ennesima trimestrale zavorrata dalla crisi dei mutui subprime di questa estate.

Oggi è stata Credit Suisse -2,5% ad annunciare svalutazioni per circa 2,2 miliardi di franchi svizzeri del portafoglio di titoli obbligazionari collegati ai mutui ipotecari. Ieri a riportare risultati pessimi era stata la svizzera Ubs (UBSN.VX), che ha chiuso il primo trimestre in perdita degli ultimi cinque anni. Oggi il titolo cede il 3,1%. In calo anche le britanniche Barclays (BARC.L) -2,7% e Royal Bank of Scotland -2,3%, e la francese Bnp Paribas -2,8%.

Tra l'altro in soli tre giorni Unicredito aveva recuperato, dai minimi annuali segnati venerdì scorso a 5,485 euro, un rialzo del 7,5%.

www.websim.it

questi analisti stanno andando completamente fuori con la brocca :rolleyes:

[GRAF:4017341f4f]uc[/GRAF:4017341f4f]
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto