Stamattina (1 Viewer)

patatina 77

Creatore di UGC
Registrato
8 Ottobre 2009
Messaggi
9.976
E invece noooo
Siamo arrivati a 4 euro!!!
:censored:
Il governo a breve dovrebbe mettere il tetto ai prezzi (sperando non sia 3,99€) insieme al pacchetto sull'intervento nell'agroalimentare.

Che le nostre case siano state costruite in modo sbagliato se ne parlava già abbondantemente prima, ma sull'individuare errori non si era andati oltre all'assenza del cappotto termico del fotovoltaico.

Invece io trovo paradossale che girino persone e camion per raccogliere l'umido ad esempio, quando già i Flintsone avevano il tritarifiuti.



visto la crisi i rifiuti tritati potrebbero produrre biogas, o simile tanto la macchina non se ne accorge con una vasca biologica apposita ma anche accontentandosi di un dispositivo come questo.




Poi il gas lo si mette dentro alla macchina attraverso una stazione di pompaggio domestica che è buona per prelevarlo anche dalla rete.



Razionalmente in tempi più brevi si potrebbe convertire le centrali biogas delle stalle in distributori di metano per auto. Una cinquantina di rifornimenti al giorno riescono a farli anche se non sono molti. Però almeno li si andrebbe a casa anche col latte con la controindicazione di tirarsi dietro la scia del letame, però come dicono "tutta natura", anzi "tutto natural gas".

 

patatina 77

Creatore di UGC
Registrato
8 Ottobre 2009
Messaggi
9.976
Qualcuno qui si ricorda dei tempi in cui si travasava il gpl domestico dalle bombole all'auto per risparmiare sulle accise? Ma quanto eravamo poveri.
 

timurlang

Etsi omnes , Ego non
Registrato
25 Febbraio 2009
Messaggi
4.463
Il governo a breve dovrebbe mettere il tetto ai prezzi (sperando non sia 3,99€) insieme al pacchetto sull'intervento nell'agroalimentare.
...
Generalmente sono contrario a limitare i prezzi perchè crea solo scarsità lato offerta, però in una situazione di conflitto si potrebbe valutare.
In alternativa potrebbe sospendere le accise, almeno per un periodo di tempo limitato.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
24.768
Località
Via Lattea
Il governo a breve dovrebbe mettere il tetto ai prezzi (sperando non sia 3,99€) insieme al pacchetto sull'intervento nell'agroalimentare.
Miii, ma quante ne sai?
Generalmente sono contrario a limitare i prezzi perché crea solo scarsità lato offerta, però in una situazione di conflitto si potrebbe valutare.
In alternativa potrebbe sospendere le accise, almeno per un periodo di tempo limitato.
Ogni proposta va bene, ma noi gente semplice in questi casi chiediamo: chi paga?
Se lo Stato rinuncia a X miliardi di entrate, taglierà X miliardi di spese? Pensioni o stipendi pubblici? Oppure aumenterà le entrate?

Sennò sono ragionamenti da campagna elettorale: aumentiamo il deficit pubblico, tanto pagheranno le generazioni future (se il debito pubblico verrà rimborsato o ridotto) oppure i risparmiatori (se andremo in default).
 

timurlang

Etsi omnes , Ego non
Registrato
25 Febbraio 2009
Messaggi
4.463
...


Ogni proposta va bene, ma noi gente semplice in questi casi chiediamo: chi paga?
Se lo Stato rinuncia a X miliardi di entrate, taglierà X miliardi di spese? Pensioni o stipendi pubblici? Oppure aumenterà le entrate?

Sennò sono ragionamenti da campagna elettorale: aumentiamo il deficit pubblico, tanto pagheranno le generazioni future (se il debito pubblico verrà rimborsato o ridotto) oppure i risparmiatori (se andremo in default).
come filo-austriaco ho una certa attitudine a considerare il rapporto debito/PIL ed il deficit come variabili rilevanti
ma in condizione di conflitto serve comperare tempo

vincoli esterni rigidi sono per definizione non modificabili
 

franky1

Forumer storico
Registrato
13 Ottobre 2020
Messaggi
8.661
Località
Biella
Miii, ma quante ne sai?


Ogni proposta va bene, ma noi gente semplice in questi casi chiediamo: chi paga?
Se lo Stato rinuncia a X miliardi di entrate, taglierà X miliardi di spese? Pensioni o stipendi pubblici? Oppure aumenterà le entrate?

Sennò sono ragionamenti da campagna elettorale: aumentiamo il deficit pubblico, tanto pagheranno le generazioni future (se il debito pubblico verrà rimborsato o ridotto) oppure i risparmiatori (se andremo in default).
Io cederei la Sicilia Calabria e Campania a un paese estero, così abbiamo risolto all'istante il problema deficit da mancati introiti.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
24.768
Località
Via Lattea
Io cederei la Sicilia Calabria e Campania a un paese estero, così abbiamo risolto all'istante il problema deficit da mancati introiti.
Quando trasferisci delle passività, devi pagare qualcuno per accollarsele. Poi è chiaro che, nel lungo termine, la cosa conviene.
P.S. Aggiungiamo anche la Puglia!
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
24.768
Località
Via Lattea
come filo-austriaco ho una certa attitudine a considerare il rapporto debito/PIL ed il deficit come variabili rilevanti
ma in condizione di conflitto serve comperare tempo

vincoli esterni rigidi sono per definizione non modificabili
Giusto, ma ho 55 anni e non ricordo condizioni nelle quali fosse opportuno ridurre il rapporto debito/PIL.
Se le cose vanno male, non lo si fa per non peggiorare l'economia.
Se le cose vanno bene, non lo si fa per non stroncare la pallida ripresa.

Vabbè.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto