Solo politica (6 lettori)

Val

Torniamo alla LIRA
Registrato
25 Aprile 2012
Messaggi
27.999
Località
Lecco
L’addetta stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha affrontato nuove critiche lunedì
per aver affermato che l’amministrazione Biden “sta tenendo d’occhio” il Twitter
appena acquisito da Elon Musk per le preoccupazioni sulla diffusione di “disinformazione” e incitamento alla violenza sulla piattaforma.



I suoi commenti in una conferenza stampa sono stati innescati da una domanda di Andrea Shalal di Reuters,
che ha chiesto se Twitter diventasse un “vettore di disinformazione”.
Shalal si è chiesto quali “strumenti” abbia l’amministrazione e chi alla Casa Bianca stia monitorando Twitter.


“Questo è qualcosa che stiamo sicuramente tenendo d’occhio”, ha detto Jean-Pierre.

“Guarda, siamo sempre stati molto chiari sul fatto che quando si tratta di piattaforme di social media
è loro responsabilità assicurarsi che quando si tratta di disinformazione,
quando si tratta dell’odio che stiamo vedendo, che agiscano, che continuare ad agire.
Ancora una volta, stiamo tutti tenendo d’occhio questo problema”.


Ha continuato:
“Stiamo tutti monitorando ciò che sta accadendo attualmente.
Lo vediamo con i nostri occhi di ciò che state segnalando e solo per noi stessi ciò che sta accadendo su Twitter”.
 

Val

Torniamo alla LIRA
Registrato
25 Aprile 2012
Messaggi
27.999
Località
Lecco
"Ma ancora una volta, le società di social media hanno la responsabilità di impedire che le loro piattaforme
vengano utilizzate da qualsiasi utente per incitare alla violenza, in particolare alla violenza diretta alle singole comunità,
come abbiamo visto e il presidente è stato molto chiaro nel denunciarlo.
Continuerà per farlo, e continueremo a monitorare la situazione”, ha concluso Jean-Pierre.


Gli utenti dei social media si sono rapidamente concentrati
sulla dichiarazione “inquietante” dell’addetto stampa sull’amministrazione che “tiene d’occhio” Twitter.


Bryan Dean Wright, commentatore conservatore ed ex ufficiale della CIA, ha twittato: “Queste sono le parole di un regime. Non di una repubblica”.


La magistratura della Camera GOP ha twittato: “Perché la Casa Bianca di Biden ha paura del Primo Emendamento e di @Elon Musk?”


Ilya Shapiro, direttore degli studi costituzionali presso il Manhattan Institute, ha affermato che i commenti di Jean-Pierre probabilmente violano il Bill of Rights.


“Questa affermazione suona minacciosa ed è probabilmente una violazione del Primo Emendamento in sé e per sé”, ha twittato Shapiro.


James Hirsen, autore e avvocato di bestseller del New York Times, ha incoraggiato l’amministrazione Biden a “tenere d’occhio il confine”, invece della piattaforma di social media di Musk.
 

Val

Torniamo alla LIRA
Registrato
25 Aprile 2012
Messaggi
27.999
Località
Lecco
“Questa è una cosa davvero strana da dire per un addetto stampa della Casa Bianca su una società contro la quale non ci sono accuse penali”, ha twittato Isaac Schorr, giornalista del National Review.


Tim Young, autore e comico conservatore, ha twittato: “La Casa Bianca odia la libertà di parola”.


Bret Weinstein, un biologo evoluzionista ed ex professore dell’Evergreen State College
che è salito alla ribalta nel 2017 dopo essersi rifiutato di partecipare alla “Giornata dell’assenza” del college per i bianchi,
ha anche suggerito che l’amministrazione Biden abbia oltrepassato la sua autorità tentando di censurare il discorso politico su una piattaforma privata.

“L’argomento più forte contro la libertà di parola su Twitter ha due parti.
1) È privato e quindi non vincolato da 1A.
2) C’è uno standard più elevato che potrebbe limitare l’aspetto negativo della libertà di parola su Twitter. * Fallisce quando il ramo esecutivo prende un interesse—1A ora si applica direttamente,*” ha twittato Weinstein.

Weinstein ha continuato: “Anche se si tenta di creare uno standard di ‘disinformazione’ che potrebbe essere escluso, fallisce.
Non appena ci provi, crei un’arma politica ‘Chi decide cosa è vero?’ è una domanda senza una buona risposta, come gli eventi recenti hanno chiarito.”

Ha concluso: “Il caso per la censura di affermazioni e fatti è semplicemente fatalmente imperfetto.
Potrebbero esserci o meno cose che vale la pena escludere con TOS.
Ma regolare il flusso di idee in base al fatto che siano vere è folle e pericoloso, e il esecutivo molto tempo fa ha violato il confine pubblico/privato”.
 

Val

Torniamo alla LIRA
Registrato
25 Aprile 2012
Messaggi
27.999
Località
Lecco
Brendon Leslie, redattore capo di Florida’s Voice, ha accusato i democratici eletti di essere fascisti.

“Il governo federale sta tenendo d’occhio @ElonMusk per aver semplicemente consentito la libertà di parola che la sinistra sta proiettando: sono i veri fascisti”, ha scritto Leslie.


Il conduttore di “The Rubin Report”, Dave Rubin, ha twittato: “Assolutamente folle guardare The Machine inseguire @elonmusk per aver difeso la libertà di parola.
L’intero scambio è teatro kabuki, dalla ridicola domanda principale del” giornalista “alla risposta ovviamente pre-pianificata del KJP .”


Lo stesso Musk ha risposto al tweet di Rubin. “Perché così tanti nei media sono contro la libertà di parola? Questo è incasinato”, ha scritto.



Prima dell’acquisizione della piattaforma da parte di Musk il mese scorso,
Twitter era stato a lungo accusato di pregiudizio nei confronti dei conservatori.

La piattaforma ha notoriamente censurato la storia del laptop Hunter Biden del New York Post
poche settimane prima delle elezioni presidenziali del 2020
ed ha sospeso i resoconti di conservatori come Donald Trump, Jordan Peterson e altri,
consentendo all’ayatollah iraniano e ai propagandisti del governo cinese di rimanere.
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
25.981
Località
Via Lattea
Il FQ e Conte sono in gara: vogliono vedere chi ha i sostenitori più facili da prendere per il qulo.
Prevedo che non ci sarà un vincitore: solo continui nuovi record.

Screenshot_20221129_210433_Twitter.jpg


20221129_210437.jpg


20221129_210440.jpg
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 6)

Alto