Obbligazioni perpetue e subordinate SNS Reeal in diretta: storia di un esproprio - Notizie, informazioni e commenti (34 lettori)

Quante SNS T1 + Lt2 Nominale Sub oggetto del furto avete in portafoglio

  • 10k

    Votes: 19 12,9%
  • 20k

    Votes: 8 5,4%
  • 30k

    Votes: 3 2,0%
  • 50k

    Votes: 38 25,9%
  • 75k

    Votes: 6 4,1%
  • 100k

    Votes: 17 11,6%
  • 150k

    Votes: 17 11,6%
  • 200k

    Votes: 13 8,8%
  • 300k

    Votes: 17 11,6%
  • 500k+

    Votes: 9 6,1%

  • Total voters
    147

simoneimola

Forumer attivo
Registrato
2 Gennaio 2013
Messaggi
725
Lo Stato non avrebbe mai dovuto salvare l'ex banca e assicuratrice SNS Reaal se la società non avesse avviato il fallito progetto immobiliare Property Finance. Questa è l'opinione dei ricercatori che hanno condotto una ricerca per conto dell'Enterprise Chamber sullo stato delle cose a SNS Reala prima della nazionalizzazione nel 2013.


Lo Stato non avrebbe mai dovuto salvare l'ex banca e assicuratrice SNS Reaal se la società non avesse avviato il fallito progetto immobiliare Property Finance. Questa è l'opinione dei ricercatori che hanno condotto una ricerca per conto dell'Enterprise Chamber sullo stato delle cose a SNS Reala prima della nazionalizzazione nel 2013.


I ricercatori non hanno dubbi che la nazionalizzazione non sarebbe stata necessaria se Property Finance non fosse stata acquistata all'epoca. I critici in precedenza hanno definito l'acquisto un passo notevole, perché SNS Realal non aveva esperienza con il settore immobiliare.

Secondo il Vereniging van Effectenhouders (VEB), che difende gli interessi degli investitori, molti investitori hanno subito gravi danni a causa delle scelte politiche di SNS Reala. Secondo il vicedirettore Paul Coenen della VEB, in pochi anni sono andati in fumo circa 4 miliardi di euro di valore di borsa. Quando la crisi finanziaria ha colpito nel 2008, SNS Real ha subito perdite sostanziali con il finanziamento dei suoi immobili. Alla fine, secondo Coenen, la divisione immobiliare ha trascinato il gruppo nel baratro.

Il club degli investitori aveva esortato anni fa a ricontrollare tutto. Ora l'Enterprise Chamber della Corte d'Appello di Amsterdam ha pubblicato un rapporto di centinaia di pagine.

Coenen afferma che la sua organizzazione vuole prendersi il tempo necessario per esaminare il rapporto di ricerca. Ma dopo una rapida lettura del rapporto, può già dire che il caso prenderà una svolta per lui.

La VEB vuole utilizzare la relazione per esaminare se, ad esempio, amministratori e direttori di vigilanza possono essere ritenuti responsabili per i danni subiti dagli investitori. Coenen non è ancora in grado di dire esattamente quali passi prenderà l'organizzazione. Secondo lui, non è ancora chiaro quanto grandi saranno le richieste di risarcimento.
 

simoneimola

Forumer attivo
Registrato
2 Gennaio 2013
Messaggi
725
Dopo anni di ricerca, i ricercatori hanno espresso forti critiche in un voluminoso rapporto dei direttori e dei direttori di vigilanza di SNS Reaal nel periodo precedente alla nazionalizzazione il 1° febbraio 2013. A prima vista, la VEB vede sufficienti indizi per dimostrare che vi è cattiva gestione da parte dei direttori. L'associazione sta valutando possibili misure di follow-up per risarcire i possessori di titoli interessati.

Nel rapporto di indagine su SNS pubblicato il 27 luglio 2021, i tre ricercatori nominati dalla Camera delle Imprese criticano fortemente i dirigenti e i direttori di vigilanza di SNS. I ricercatori sono molto critici sullo stato delle cose che circondano l'acquisizione e l'integrazione di Property Finance. "I ricercatori non hanno dubbi che se Property Finance non fosse stata acquistata all'epoca, non sarebbe stata nazionalizzata".

I ricercatori non escludono la possibilità che, se tutto fosse stato in ordine a Property Finance, anche SNS Reaal et al, così come altre istituzioni finanziarie, avrebbero potuto incontrare problemi. Indicano, tuttavia, che in tal caso i problemi avrebbero potuto essere meno gravi e che quindi la nazionalizzazione non si sarebbe verificata.

Altri punti dolenti per i ricercatori sono "le carenze che sembravano essere associate al controllo interno e al livello di controllo di Property Finance che hanno portato a perdite; la volontà di Property Finance di (continuare a) estendere prestiti a relazioni finanziariamente deboli, spesso in combinazione con elevate percentuali di anticipo, e le pratiche creditizie non sempre in regola, ma anche l'errata rendicontazione nei conti annuali di SNS Reala a causa dell'errata elaborazione del problema di compensazione del saldo e dei Titoli di Stato, nonché della ritenuta d'acconto di informazioni price sensitive riguardanti i Titoli di Stato".

I Titoli di Stato riguardano i titoli di SNS Real acquisiti dallo Stato in data 11 dicembre 2008. Secondo i ricercatori, questi sono stati erroneamente inclusi nel bilancio di SNS Reaal come patrimonio netto ("Core Tier 1"). I ricercatori stabiliscono che SNS Realal ha fornito al mercato informazioni errate in merito alla classificazione dei Titoli di Stato. Ciò ha dato agli investitori un'impressione sbagliata della solvibilità di SNS Real.

Un problema simile si è verificato anche per quanto riguarda il problema della compensazione del saldo. Le pubblicazioni di SNS Reaal sulla solvibilità della sua controllata assicurativa non hanno tenuto conto (in breve) della circostanza che un credito interno fosse costituito a garanzia di un altro credito interno. Di conseguenza, c'era una capacità di assorbimento delle perdite inferiore a quella che risultava dai rendiconti finanziari di SNS Realal.

Prossimi passi
Nella revisione, i ricercatori affermano di non avere l'idea con nessuno degli ex dirigenti e direttori di vigilanza intervistati di SNS Reaal et al. che le persone interessate "non abbiano agito con integrità e che abbiano cercato di risolvere i problemi al meglio delle loro conoscenze e capacità." ?

Agire con integrità non è una condizione per cattiva gestione o responsabilità civile.

Dopo la prima lettura, la VEB ritiene che il rapporto dell'indagine contenga indizi sufficienti per qualificare come cattiva gestione il corso degli eventi a SNS Reala prima della nazionalizzazione. Dopo un ulteriore studio del rapporto di indagine, la VEB deciderà quali misure intraprendere per risarcire i proprietari di sicurezza interessati.

Opposizione ai ricercatori
I ricercatori non hanno avuto accesso ai verbali completi delle riunioni del consiglio di amministrazione e del consiglio di sorveglianza di SNS Real. SNS Real ha invocato il diritto alla riservatezza per quanto riguarda la consulenza di avvocati e notai. Di conseguenza, i ricercatori si sono trovati di fronte a documenti che sono stati oscurati (resi illeggibili) in tutto o in parte. Tutti i documenti consegnati sono stati controllati da SNS Reaal per informazioni che potrebbero essere autorizzate alla non divulgazione, il che ha anche comportato il ritardo necessario.

Anche i ricercatori di un certo numero di attori chiave non hanno avuto accesso alle loro cassette postali. "Delle 16 caselle di posta elettronica richieste, solo 8 sembravano essere disponibili presso SNS Reaal cs e 1 presso VIVAT." La cassetta postale dell'ex CEO Sjoerd van Keulen era già stata cancellata 30 giorni dopo la sua partenza.

Indagine ampia e costosa
Il 26 luglio 2018, la Camera delle imprese ha ordinato un'indagine approfondita sulla politica e sullo stato delle cose presso SNS. Il periodo di studio ha coperto il periodo dal 1 luglio 2006 al 1 febbraio 2013, giorno in cui il gruppo SNS è stato nazionalizzato. Il rapporto di indagine ha 481 pagine con 10 appendici.

I costi dell'indagine, circa 3,8 milioni di euro, saranno a carico di SRH NV (il nuovo nome di SNS Reaal NV) e de Volksbank (il nuovo nome di SNS Bank).

È possibile consultare il rapporto dell'indagine sul sito web della Camera delle imprese.

Nazionalizzazione il 1 febbraio 2013 e procedura di compensazione
Il 1 febbraio 2013, il Ministro delle finanze ha espropriato l'azionista e gli obbligazionisti SNS sulla base della legge di intervento. Il ministro ha affermato che la nazionalizzazione di SNS Real non poteva più essere evitata ed era necessaria per salvare i risparmiatori e il sistema finanziario.

In separato procedimento dinanzi alla Sezione Imprese, era stato precedentemente deliberato il valore dei titoli espropriati al 1° febbraio 2013. La Sezione Imprese ha ritenuto nullo il valore delle azioni. Agli altri titoli (meno subordinati) è stato assegnato un valore complessivo di 804 milioni di euro. Avverso tale decisione lo Stato ha proposto ricorso per cassazione.

Tuttavia, la procedura di indagine e lo studio pubblicato il 27 luglio 2021 riguardano il periodo precedente alla nazionalizzazione e la questione di come mai sia stato necessario nazionalizzare un bancassicuratore quotato.
 

simoneimola

Forumer attivo
Registrato
2 Gennaio 2013
Messaggi
725
Ricercatori: il top SNS Real ha commesso errori, ma ha agito con integrità

La banca-assicuratrice nazionalizzata SNS Real ha commesso errori nell'acquisizione e nell'approccio della sussidiaria problematica Property Finance. Ma gli amministratori hanno agito con integrità e "hanno tentato di affrontare i problemi al meglio delle loro conoscenze e capacità".

Questa è la conclusione di tre ricercatori, che hanno indagato sulla scomparsa di SNS Real per conto dell'Enterprise Chamber della Corte d'Appello di Amsterdam. Il rapporto fa parte di una causa intentata dagli azionisti lesi di SNS Real. Sperano di poter motivare una richiesta di risarcimento con la procedura.

Blocco alla gamba
Nel 2006, SNS Reaal ha acquisito Bouwfonds Property Finance, uno dei principali finanziatori di immobili commerciali. La banca-assicuratrice sperava che ciò avrebbe portato a una brillante crescita in un momento in cui i margini nella concessione di mutui ai consumatori erano sotto pressione.

Tuttavia, quando è scoppiata la crisi del credito nel 2008, Property Finance si è rivelata un vero problema. Le perdite si sono accumulate e hanno indebolito SNS Reaal a tal punto che la società è stata nazionalizzata nel febbraio 2013. Gli azionisti hanno visto il loro interesse diventare senza valore e anche gli obbligazionisti hanno subito perdite.

Nessuna nazionalizzazione
I ricercatori – il multi-commissario Frans Cremers, l'avvocato Frans Stibbe e l'ex banchiere Machiel Jansen Schoonhoven – sono convinti che SNS Reaal non sarebbe stata nazionalizzata se la banca non avesse rilevato Property Finance. La modesta SNS Reaal ha corso un rischio considerevole con l'acquisizione del finanziere immobiliare: si trattava di un'attività completamente nuova con maggiori rischi, che pesava anche molto di più sul bilancio rispetto al precedente proprietario, la ben più grande ABN Amro.

Un problema ricorrente in Property Finance era il modo approssimativo con cui venivano forniti i prestiti e la cattiva amministrazione. Durante la due diligence, è emerso che il controllo interno presso il finanziere immobiliare non era regolare: gli archivi non erano regolarmente aggiornati e i noti rapporti della banca ricevevano regolarmente un nuovo prestito, anche se non soddisfare le condizioni.

caos amministrativo
I vertici di SNS Reala hanno notato questi problemi, ma hanno pensato che potessero essere risolti rafforzando i controlli. In pratica, ciò non è accaduto.

Da un campione di file, i ricercatori rilevano una "buona volontà di Property Finance a (continuare a) concedere prestiti direttamente o indirettamente a relazioni finanziariamente deboli". In tale contesto si menzionano l'agente immobiliare Roger Lips e società come Foruminvest e TCN. I ricercatori chiamano anche "incomprensibile" che SNS Reaal non abbia applicato un'esposizione massima per cliente.

Lento ad intervenire
Secondo i ricercatori, il consiglio di amministrazione ha scoperto solo nel 2008 che l'amministrazione e la gestione del rischio di Property Finance sono molto peggiori di quanto già avvertito al momento dell'acquisizione. "Se queste informazioni (negative) emerse nel 2008 fossero state già note alla fine del 2006, l'acquisto potrebbe non essere avvenuto o l'intervento avrebbe potuto essere effettuato (molto) prima", secondo il rapporto.

Il consiglio di amministrazione è poi intervenuto, ma è arrivato troppo tardi. Secondo i ricercatori esiste un nesso di causalità tra le perdite subite da Property Finance e gli scarsi controlli interni.

Il mondo esterno non era sempre informato in modo ottimale sullo stato delle cose. Ad esempio, il CEO Sjoerd van Keulen ha dichiarato all'assemblea degli azionisti del 2007 che il profilo di rischio di Property Finance era molto vicino al mercato immobiliare. Secondo i ricercatori una caratterizzazione errata.

Preludio alla richiesta di danni
Ora tocca agli azionisti lesi approfondire la questione. Hanno due mesi per chiedere all'Enterprise Chamber di accertare la cattiva gestione a SNS Reala. Una sentenza favorevole della Camera delle Imprese potrebbe quindi costituire la base per una richiesta di risarcimento danni. In linea di principio contro il resto di SNS Real, ma di fatto contro l'unico azionista: il governo.

Il caso di cattiva gestione corre parallelamente a un'altra procedura di vecchia data che coinvolge SNS Reaal. In quell'altro caso, gli investitori hanno intentato una causa contro lo Stato con parziale successo per recuperare i soldi persi nella nazionalizzazione. L'Enterprise Chamber ha stabilito a maggio che lo Stato olandese deve pagare 800 milioni di euro ai detentori di obbligazioni (subordinate) di SNS Real. Gli azionisti non hanno diritto a compensi. Avverso tale decisione lo Stato ha proposto ricorso per cassazione.
 

simoneimola

Forumer attivo
Registrato
2 Gennaio 2013
Messaggi
725
"Top SNS Real con integrità, ma non avrebbe dovuto acquistare Property Finance"

Se l'assicuratore bancario SNS Reaal non avesse acquistato il finanziere immobiliare Property Finance poco dopo la sua IPO nel 2006, il gruppo finanziario non sarebbe mai stato nazionalizzato nel 2013. Questa è la conclusione di tre ricercatori che hanno condotto ricerche per conto dell'Enterprise Chamber nel periodo dal 2006 al 2013. Da allora, la banca è stata conosciuta come Volksbank. Il ramo assicurativo è stato ceduto.

L'associazione degli investitori VEB aveva chiesto l'indagine all'Enterprise Chamber nell'ambito di un procedimento di indagine per cattiva gestione. Ma il vertice di SNS Real ha agito con integrità in tutti questi anni. Sebbene molte cose in seguito si siano rivelate non ordinate in questa ex filiale di Bouwfonds, SNS Reaal ha comunque incontrato problemi a causa del crollo del mercato immobiliare a seguito della crisi finanziaria del 2008.

Secondo i ricercatori, c'è stato "un difetto" nell'acquisto, perché SNS Reaal era nuovo nel mercato immobiliare, è diventato attivo all'estero dove non aveva esperienza e ha iniziato a correre rischi molto maggiori di quelli consentiti dal capitale della banca relativamente piccola. Nella profonda crisi finanziaria dopo il 2008, quella combinazione era "un fatto velenoso".


Nel loro rapporto di quasi cinquecento pagine, i ricercatori hanno notato carenze nel controllo interno e nei livelli di gestione e un'eccessiva volontà di estendere il credito a parti finanziariamente deboli i cui file di credito spesso non erano in ordine. Gli amministratori lo hanno scoperto solo dopo l'acquisizione. "Era molto chiaro per me che eravamo seduti su una bomba nucleare che poteva esplodere in qualsiasi momento", ha detto Ference Lamp, che è entrato in carica nel 2008.

Gli investitori non sono sempre correttamente informati nelle dichiarazioni annuali, secondo i ricercatori. Il VEB dice che sta ancora valutando i prossimi passi. L'associazione può chiedere alla Camera delle Imprese di accertare la cattiva gestione o può avviare altri procedimenti legali per il risarcimento dei danni per gli investitori.
 

simoneimola

Forumer attivo
Registrato
2 Gennaio 2013
Messaggi
725
Un'acquisizione fatale, ma è anche cattiva gestione?


Ora è nero su bianco: l'acquisizione di Bouwfonds Property Finance (BPF) ha ucciso SNS Realal. La scorsa settimana, l'Enterprise Chamber ha pubblicato l' indagine condotta da tre pesi massimi sulla scomparsa della banca-assicuratrice.

La mettono così: "I ricercatori non hanno dubbi che se Property Finance non fosse stata acquistata all'epoca, non sarebbe stata nazionalizzata".

Ma SNS Realal ha acquistato Property Finance, ha incontrato difficoltà finanziarie ed è stato nazionalizzato all'inizio del 2013. Gli azionisti hanno visto i loro beni diventare privi di valore e da allora hanno combattuto per un risarcimento.

"Lead sufficienti"
La domanda ora davanti a noi è: SNS Realal era colpevole di cattiva gestione? La Sezione Imprese dovrà tenerne conto, almeno nel caso in cui uno dei denuncianti ne faccia richiesta entro due mesi.

L'associazione degli investitori VEB, il principale motore del caso, non ha ancora presentato la richiesta, ha detto un portavoce. La dimensione del rapporto di ricerca - comprese le appendici, ha 653 pagine - e il periodo di vacanza significa che ci vuole del tempo.

Ma c'è una buona probabilità che il giudice debba rispondere alla domanda, perché in una prima analisi la VEB dice di vedere "spunti sufficienti" per stabilire una cattiva gestione da parte dell'azienda. Un giudizio favorevole per la VEB può quindi aiutare nella conduzione di una richiesta di risarcimento.

Tanta libertà per il giudice
I ricercatori stessi non esprimono un'opinione nel loro rapporto. Questa non deve essere un'obiezione, tuttavia, perché in casi precedenti, come quelli relativi al fallimento della società commerciale Van der Moolen, anche i ricercatori hanno lasciato il giudizio ai tribunali e il verdetto è stato "cattiva gestione" .

Non esiste una definizione molto rigorosa di cattiva gestione, spiega Christoph Van der Elst, professore di diritto societario all'Università di Tilburg. "Si tratta di comportamenti riprovevoli o negligenti che sono così gravi da essere considerati ed etichettati come imprenditorialità irresponsabile". L'Enterprise Chamber gode di una grande libertà politica al riguardo.

Negli ultimi decenni, secondo Van der Elst, la Camera delle imprese ha concluso in molti casi "cattiva gestione". "Come entrare in una transazione con molta noncuranza, violare le normative legali, come non tenere un'assemblea generale o agire con un conflitto di interessi". Il professore non rilascia dichiarazioni sul caso SNS Real.

Pessimo acquisto Property Finance
Una parte importante della valutazione sarà in ogni caso l'acquisizione di BPF. La banca-assicuratrice ha acquistato questo finanziere immobiliare nell'autunno del 2006 e pensava che avrebbe portato un motore di crescita e profitto. Ciò avrebbe dovuto compensare i margini in calo della normale attività ipotecaria. Ma quando la crisi del credito è scoppiata non molto tempo dopo, il nuovo acquisto si è rivelato un problema.

Il presidente del consiglio di amministrazione Sjoerd van Keulen ha elogiato BPF nel comunicato stampa sull'acquisizione come "un'organizzazione molto professionale" con una "mentalità senza fronzoli". In pratica, il finanziere immobiliare si è rivelato tutt'altro che professionale: i fascicoli dei clienti non erano stati aggiornati e noti rapporti bancari ricevevano regolarmente un nuovo prestito, anche se non soddisfacevano le condizioni.

SNS Real è stato avvertito dei problemi durante la due diligence, ma non ha riscontrato ostacoli in questo. Il caos interno si è poi rivelato anche maggiore del previsto e la banca-assicuratrice non è più riuscita a capire la falla.

I ricercatori dell'Enterprise Chamber si chiedono se avrebbe fatto molta differenza. Anche se tutto fosse andato bene in BPF, l'acquisizione avrebbe causato problemi a SNS Reala durante la crisi del credito. La banca-assicuratrice era infatti troppo piccola per assorbire le perdite del suo acquisto, acquisto che ha ricevuto una dichiarazione di non obiezione da parte del regolatore De Nederlandsche Bank.

Informazioni errate sugli aiuti di Stato
Un altro punto su cui il denunciante fa notare VEB è il trattamento contabile dell'aiuto di Stato. Alla fine del 2008, SNS Realal ha ricevuto 750 milioni di euro dal governo per aiutare il gruppo a superare la crisi del credito. La banca-assicuratrice ha incluso questo denaro nella sua solvibilità, ma secondo i ricercatori ciò era ingiustificato. Per gli investitori, i buffer di SNS Realal sono quindi apparsi più elevati di quanto non fossero da anni.

Questo punto è anche fortemente contestato da SNS Real.

I ricercatori non vedono prove di agire con integrità da parte dei direttori di SNS Real. Ma secondo la VEB, questo non ha importanza quando si stabilisce una cattiva gestione. "L'intento non è necessario per la colpa." Van der Elst sostiene anche questo: "Anche un regista onesto può prendere decisioni molto sbagliate".
 

Ilandro

Forumer attivo
Registrato
2 Febbraio 2013
Messaggi
269
Un'acquisizione fatale, ma è anche cattiva gestione?


Ora è nero su bianco: l'acquisizione di Bouwfonds Property Finance (BPF) ha ucciso SNS Realal. La scorsa settimana, l'Enterprise Chamber ha pubblicato l' indagine condotta da tre pesi massimi sulla scomparsa della banca-assicuratrice.

La mettono così: "I ricercatori non hanno dubbi che se Property Finance non fosse stata acquistata all'epoca, non sarebbe stata nazionalizzata".

Ma SNS Realal ha acquistato Property Finance, ha incontrato difficoltà finanziarie ed è stato nazionalizzato all'inizio del 2013. Gli azionisti hanno visto i loro beni diventare privi di valore e da allora hanno combattuto per un risarcimento.

"Lead sufficienti"
La domanda ora davanti a noi è: SNS Realal era colpevole di cattiva gestione? La Sezione Imprese dovrà tenerne conto, almeno nel caso in cui uno dei denuncianti ne faccia richiesta entro due mesi.

L'associazione degli investitori VEB, il principale motore del caso, non ha ancora presentato la richiesta, ha detto un portavoce. La dimensione del rapporto di ricerca - comprese le appendici, ha 653 pagine - e il periodo di vacanza significa che ci vuole del tempo.

Ma c'è una buona probabilità che il giudice debba rispondere alla domanda, perché in una prima analisi la VEB dice di vedere "spunti sufficienti" per stabilire una cattiva gestione da parte dell'azienda. Un giudizio favorevole per la VEB può quindi aiutare nella conduzione di una richiesta di risarcimento.

Tanta libertà per il giudice
I ricercatori stessi non esprimono un'opinione nel loro rapporto. Questa non deve essere un'obiezione, tuttavia, perché in casi precedenti, come quelli relativi al fallimento della società commerciale Van der Moolen, anche i ricercatori hanno lasciato il giudizio ai tribunali e il verdetto è stato "cattiva gestione" .

Non esiste una definizione molto rigorosa di cattiva gestione, spiega Christoph Van der Elst, professore di diritto societario all'Università di Tilburg. "Si tratta di comportamenti riprovevoli o negligenti che sono così gravi da essere considerati ed etichettati come imprenditorialità irresponsabile". L'Enterprise Chamber gode di una grande libertà politica al riguardo.

Negli ultimi decenni, secondo Van der Elst, la Camera delle imprese ha concluso in molti casi "cattiva gestione". "Come entrare in una transazione con molta noncuranza, violare le normative legali, come non tenere un'assemblea generale o agire con un conflitto di interessi". Il professore non rilascia dichiarazioni sul caso SNS Real.

Pessimo acquisto Property Finance
Una parte importante della valutazione sarà in ogni caso l'acquisizione di BPF. La banca-assicuratrice ha acquistato questo finanziere immobiliare nell'autunno del 2006 e pensava che avrebbe portato un motore di crescita e profitto. Ciò avrebbe dovuto compensare i margini in calo della normale attività ipotecaria. Ma quando la crisi del credito è scoppiata non molto tempo dopo, il nuovo acquisto si è rivelato un problema.

Il presidente del consiglio di amministrazione Sjoerd van Keulen ha elogiato BPF nel comunicato stampa sull'acquisizione come "un'organizzazione molto professionale" con una "mentalità senza fronzoli". In pratica, il finanziere immobiliare si è rivelato tutt'altro che professionale: i fascicoli dei clienti non erano stati aggiornati e noti rapporti bancari ricevevano regolarmente un nuovo prestito, anche se non soddisfacevano le condizioni.

SNS Real è stato avvertito dei problemi durante la due diligence, ma non ha riscontrato ostacoli in questo. Il caos interno si è poi rivelato anche maggiore del previsto e la banca-assicuratrice non è più riuscita a capire la falla.

I ricercatori dell'Enterprise Chamber si chiedono se avrebbe fatto molta differenza. Anche se tutto fosse andato bene in BPF, l'acquisizione avrebbe causato problemi a SNS Reala durante la crisi del credito. La banca-assicuratrice era infatti troppo piccola per assorbire le perdite del suo acquisto, acquisto che ha ricevuto una dichiarazione di non obiezione da parte del regolatore De Nederlandsche Bank.

Informazioni errate sugli aiuti di Stato
Un altro punto su cui il denunciante fa notare VEB è il trattamento contabile dell'aiuto di Stato. Alla fine del 2008, SNS Realal ha ricevuto 750 milioni di euro dal governo per aiutare il gruppo a superare la crisi del credito. La banca-assicuratrice ha incluso questo denaro nella sua solvibilità, ma secondo i ricercatori ciò era ingiustificato. Per gli investitori, i buffer di SNS Realal sono quindi apparsi più elevati di quanto non fossero da anni.

Questo punto è anche fortemente contestato da SNS Real.

I ricercatori non vedono prove di agire con integrità da parte dei direttori di SNS Real. Ma secondo la VEB, questo non ha importanza quando si stabilisce una cattiva gestione. "L'intento non è necessario per la colpa." Van der Elst sostiene anche questo: "Anche un regista onesto può prendere decisioni molto sbagliate".

Buonasera e' dal dai primi mesi del 2013 che sto' dicendo che che lo Stato Olandese ha appioppiato sciaguratamente alla Sns Bank il ramo Real Estate per centinaia di valore di Miliardi di euro, compresi Villaggi Turistici extra lusso in Spagna e altre parti del Globo, e ora vogliono fare i furbi addossando a Noi Investitori Obbligazionisti le loro colpe. Ma di cosa stiamo parlando e continuiamo da questi deficienti a perdere tempo con perizie , controperizie. che durano da quasi un decennio. Gli stessi Dirigenti dellal allora Sns Bank hanno rubato denaro, hanno fatto riciclaggio di denaro e chi piu' ne ha ne metta. Non hanno anche in Olanda La SEC o altri organi di controllo per le Societa' quotate in Borsa ?
Ci hanno preso per deficenti !!!!!!!!!! I nostri avvocati devono fare presente queste sporche luride faccende che ci stanno rodendo il fegato. Ora basta che vengano fatte emergere anche a livelli Internazionale quanto e' sporca questa storia della nazionalizzazione della Sns Bank e di non volere tirare fuorisoldi per noi risparmiatori, in quanto facile truffare e non pagare chi giustamente ha investito sulle obbligazioni senza che venisse avvertito sia economicamente che politacamente che intrallazzi stavano facendo i Politici olandesi su questa storia.
 

carpigjan

Nuovo forumer
Registrato
2 Febbraio 2013
Messaggi
44
Buongiorno,
Come avete affrontato la questioni dei titoli ex SNS su binck?
Siete riusciti a trasferirli preso altro intermediario?

Ho ricevuto una mail da binck dicendo che a partire dal 22 Settembre è loro facoltà vendere (o trasferire sul conto omnibus) i titoli non negozianibili.
Non vorrei facessero qualche porcheria con le vendite automatiche.

Grazie

Fabio
 
Ultima modifica:

fabriziof

Forumer storico
Registrato
15 Febbraio 2009
Messaggi
38.681
Buongiorno,
Come avete affrontato la questioni dei titoli ex SNS su binck?
Siete riusciti a trasferirli preso altro intermediario?

Ho ricevuto una mail da binck dicendo che a partire dal 22 Settembre è loro facoltà vendere (o trasferire sul conto omnibus) i titoli non negozianibili.
Non vorrei facessero combinassero porcheria con le vendite automatiche.

Grazie

Fabio
Sono nella tua stessa situazione ,dubito che li vendano,finiranno nel conto omnibus
 

simoneimola

Forumer attivo
Registrato
2 Gennaio 2013
Messaggi
725
Sono nella tua stessa situazione ,dubito che li vendano,finiranno nel conto omnibus
Io anche se non ho richiesto il trasferimento vedo in trasferimento 2 sns delle 6 che possiedo da ormai 2 mesi.
Sicuramente andranno nel conto omnibus, avevo chiesto tramite email e pec informazioni sul conto omnibus ma non ho avuto risposta.
 

simoneimola

Forumer attivo
Registrato
2 Gennaio 2013
Messaggi
725
Avevo fatto il 6 giugno tramite (email e pec) alcune domande a binck che posto qui sotto:

Oggi vedo che negli ordini in corso sono comparsi in transazione 2 titoli (De Volksbank 0% 2008-18 –Default e De Volksbank 0% 2010-20 –Defaulted).
State trasferendo i suddetti titoli nel conto Omnibus aperto dalla Banca a nome proprio "Voi" ma per conto terzi "io" ?
Si potrà consultare il conto Omnibus ?
Avrà un costo il conto Omnibus ?
Come funziona il conto Omnibus ?


Oggi mi hanno risposto:

L’intero suo portafoglio o quanto meno i titoli trasferibili , sono in trasferimento sul suo conto Fineco.
Quelli che non sarà possibile trasferire saranno spostati sul conto Omnibus come da nostra comunicazione delle settimane scorse .
Eventuali costi modalità e tempistiche verranno comunicate dalla Banca prima della migrazione su Bg Saxo.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 18, Guests: 16)

Alto