Se l' Italia sta franando è kolpa delle giovani generazioni... (1 Viewer)

Giovakkino indentity

eremita dei rospi
Registrato
6 Giugno 2012
Messaggi
2.561
Località
Turin
....apatici, inkonkludenti, senza voglia di lavorare o studiare e/o imparare qualke mestiere. La moda del momento è: skappo all' estero perkè qui non ho possibilità, kome se da Mentone kominciasse l'eden :rolleyes:
 

Claire

ἰοίην
Registrato
8 Novembre 2010
Messaggi
44.894
Località
Il mondo dei sogni
Io non penso che sia tutta colpa dei giovani, anzi.
La disoccupazione giovanile e il tasso di abbandono scolastico che si registrano oggi raccontano di adulti che hanno fallito la promessa che regola il patto "intergenerazionale": cercare di restituire alle generazioni che seguiranno un mondo migliore.

E, dunque, la maggior parte della "colpa" dello stato dei nostri giovani è dei loro genitori. Cioè di chi ha oggi circa 50 anni:-o

Le persone dovrebbero compiere atti con i quali consegnare il mondo a qualcun altro. Ed è proprio sul piano della "trasmissione" che si è spezzato o per lo meno allentato, l'anello di congiunzione con la generazione successiva.
I giovani sono senza lavoro e senza prospettive, in un mondo dominato dal (dis)valore del denaro, proprio quando si inizia a sentire la mancanza del denaro stesso.
Si è investito sulla ricerca di soli obiettivi materiali, incapaci di prospettive a lungo termine , non si è riusciti a trasmettere ai giovani la capacità di progettare il loro futuro.:(
 

andersen1

Patrimonio dell'umanitâ
Registrato
8 Maggio 2009
Messaggi
5.355
Ormai i ragazzi italiani si devono render conto che non fanno piu' parte del mondo ricco ma del mondo in via di sviluppo.....forse dovrebbero prendere esempio dai coetani rumeni o albanesi che si adattano e si arrangiano. I rumeni sono europei come noi ma hanno uno spirito di adattamento migliore.
 

ConteRosso

mod sanguinario
Registrato
30 Maggio 2008
Messaggi
16.276
Località
mondo virtuale
Credo che in quello che sostiene giovakkino ci sia una parte di verità
ma anche la mia generazione era un po' bimbominkia
ma noi eravamo i primi della nostra schiatta ad arrivare all'università
siamo stati fortunati abbiamo preso in pieno l'Italia del boom
Oggi l'Italia non cresce più è al palo

#eioavevoprevistotutto10annifa
 

Giovakkino indentity

eremita dei rospi
Registrato
6 Giugno 2012
Messaggi
2.561
Località
Turin
Ormai i ragazzi italiani si devono render conto che non fanno piu' parte del mondo ricco ma del mondo in via di sviluppo.....forse dovrebbero prendere esempio dai coetani rumeni o albanesi che si adattano e si arrangiano. I rumeni sono europei come noi ma hanno uno spirito di adattamento migliore.
esegesi esatta del mio pensiero, komplimenti :clap:
 

Giovakkino indentity

eremita dei rospi
Registrato
6 Giugno 2012
Messaggi
2.561
Località
Turin
Io non penso che sia tutta colpa dei giovani, anzi.
La disoccupazione giovanile e il tasso di abbandono scolastico che si registrano oggi raccontano di adulti che hanno fallito la promessa che regola il patto "intergenerazionale": cercare di restituire alle generazioni che seguiranno un mondo migliore.

E, dunque, la maggior parte della "colpa" dello stato dei nostri giovani è dei loro genitori. Cioè di chi ha oggi circa 50 anni:-o

Le persone dovrebbero compiere atti con i quali consegnare il mondo a qualcun altro. Ed è proprio sul piano della "trasmissione" che si è spezzato o per lo meno allentato, l'anello di congiunzione con la generazione successiva.
I giovani sono senza lavoro e senza prospettive, in un mondo dominato dal (dis)valore del denaro, proprio quando si inizia a sentire la mancanza del denaro stesso.
Si è investito sulla ricerca di soli obiettivi materiali, incapaci di prospettive a lungo termine , non si è riusciti a trasmettere ai giovani la capacità di progettare il loro futuro.:(
Sembra di leggere la kritika al kapitaliasmo ekonomiko di Fourier :D
 

Ignatius

sfumature di grigio
Registrato
6 Febbraio 2007
Messaggi
23.774
Località
Via Lattea
La disoccupazione giovanile e il tasso di abbandono scolastico che si registrano oggi raccontano di adulti che hanno fallito la promessa che regola il patto "intergenerazionale"

Hai dimenticato di dire che i/le giovani d'oggi, pure quelli/e laureati/e, scrivono "stò", "sò" e simili.

F.to Conte Ugolino.
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto