Obbligazioni perpetue e subordinate RZB XS0173287862: call ora o mai più? XS0193631040, XS0253262025 e il problema Russia (1 Viewer)

Rottweiler

Forumer storico
Registrato
11 Dicembre 2009
Messaggi
5.349
Il tema della possibile call sulla XS0173287862 è all’ordine del giorno da qualche tempo sul thread principale.

Per non ripetermi, riporto qui sotto i links ad alcuni recenti posts nei quali esponevo il mio punto di vista su questo titolo.

http://www.investireoggi.it/forum/t...zioni-perpetue-vt67146-11587.html#post3765051

http://www.investireoggi.it/forum/t...zioni-perpetue-vt67146-11655.html#post3777511


http://www.investireoggi.it/forum/t...zioni-perpetue-vt67146-11658.html#post3778161


Ho pensato fosse utile accendere un faro, come direbbe Consob, sulla XS0173287862, e, più in generale, sui “vintage T1” di Raiffeisen, visto che le prossime settimane saranno critiche, in un senso o nell’altro, per capire come la banca si muoverà al riguardo.

Più avanti posterò alcune informazioni. Nel frattempo invito tutti coloro i quali hanno una loro idea (meglio ancora se accanto all’idea ci sono anche dati e informazioni…) su come Raiffeisen si comporterà, a dire la loro.
 
Ultima modifica di un moderatore:

londonwhale

Forumer attivo
Registrato
9 Ottobre 2012
Messaggi
938
Località
Milano
io ho accumulato un po' di XS0173287862 attorno a 94 nei giorni dell'annuncio dell'aumento di capitale.
Per me il dubbio è: richiamano quest'anno, o l'anno prossimo?
 

Rottweiler

Forumer storico
Registrato
11 Dicembre 2009
Messaggi
5.349
io ho accumulato un po' di XS0173287862 attorno a 94 nei giorni dell'annuncio dell'aumento di capitale.
Per me il dubbio è: richiamano quest'anno, o l'anno prossimo?


Mi riallaccio al tuo dubbio: quale motivazione potrebbe avere la banca per attendere ancora 1 anno?

Cerco di capire....
 

londonwhale

Forumer attivo
Registrato
9 Ottobre 2012
Messaggi
938
Località
Milano
1) AQR e crisi ucraina, aspettare 1 anno non sarebbe poi così costoso
2) fossi in loro prima emetterei un AT1, poi richiamerei i vecchi T1

Argomenti a favore:
1) Aucap
2) CDS sub (sempre che siano attendibili, i cds sub tendo a scartarli a priori, causa assenza di deliverable) < 270


Ho rivenuto un po' di Mib, magari domani arrotondo la quota su questo bond.....
 

Rottweiler

Forumer storico
Registrato
11 Dicembre 2009
Messaggi
5.349
1) AQR e crisi ucraina, aspettare 1 anno non sarebbe poi così costoso
2) fossi in loro prima emetterei un AT1, poi richiamerei i vecchi T1

Argomenti a favore:
1) Aucap
2) CDS sub (sempre che siano attendibili, i cds sub tendo a scartarli a priori, causa assenza di deliverable) < 270


Ho rivenuto un po' di Mib, magari domani arrotondo la quota su questo bond.....

Ti confesso che rimango un po' perplesso di fronte ai due argomenti avanzati. Provo a contro-argomentare, invitandoti a fare altrettanto:

1)dopo la tender conclusasi il 5 marzo 2012 rimanevano in circolazione titoli per un valore nominale di euro 44.626.600. Nel frattempo la banca ha aumentato il capitale, emesso nuovi T2 etc. etc.
Tutto questo mentre la 862 perdeva qualsiasi contribuzione al capitale.
Se il mercato percepisse che la crisi ucraina è tale, per la banca, da compromettere il rimborso di un bond da 44.6 mln...:titanic:
Mi sfugge poi quale ruolo abbia il bond nell'esercizio AQR, visto che ha perso ogni eligibility a capitale....

2)come ho scritto sopra la 862 non è più T1. Se anche decidessero di seguire l'ordine da te indicato, la 862 non rientrerebbe in quella sequenza.
In ogni caso la banca punta ad avere l'1.5% degli RWA (che credo si aggirino sui 70 bln) in AT1: circa 1 bln. A questo livello concorrono sia "vecchi T1", nell'osservanza delle regole transitorie, che i nuovi AT1. Perchè dovrebbero richiamare tutti i vecchi, prima di emettere i nuovi?

Ma su questo aspetto (i "vecchi T1" rispetto ai nuovi) vale la pena di soffermarsi ancora....
 

londonwhale

Forumer attivo
Registrato
9 Ottobre 2012
Messaggi
938
Località
Milano
Ero convinto che tutti e 3 gli strumenti fossero grandfathered, e che dunque perdessero il contributo al capitale solo progressivamente..... domani se ho tempo (prima di partire per due settimane di meritate vacanze :D ) li riguardo.

La crisi ucraina anche secondo me non ha nessun impatto, però l'ho lasciato come spunto di riflessione: non si sa mai che la banca abbia qualche pressione a non richiamare i bond finchè non si sia stabilizzata la situazione HAA e Ucraina (probabilità secondo me: <1%)
 
Ultima modifica:

Rottweiler

Forumer storico
Registrato
11 Dicembre 2009
Messaggi
5.349
Raiffeisen e i "vecchi T1"....

Provo ad impostare qualche ragionamento sull’insieme dei "vecchi T1" di Raiffeisen, al fine di intuire le possibili mosse dell’emittente.

Le considerazioni numeriche esposte qui sotto potrebbero anche servire a chiarire ad alcuni, in modo più generale, come funzionano le regole di Basilea 3. Ho notato che molti non le applicano correttamente, ad esempio riferendo il phase-out del 10% all’anno ai singoli titoli invece che al loro insieme.

Ma veniamo ai T1 di Raiffeisen.

Il punto di partenza è rappresentato dal loro numero in circolazione al 31-12-2012. Prendo per buoni i dati post-tender, che sono molto vicini a quelli presentati nei bilanci RZB ed RBI: 442 mln.

Si tratta di:
+ XS0173287862: 44 mln
+ XS0193631040: 91 mln
+ XS0253262025: 307 mln

Questo (442 mln) è il famoso cap, da scontare del 10% all’anno.

Pertanto, il massimo ammontare grandfathered per gli anni successivi risulta essere il seguente:

1-1-2014: 354 mln
1-1-2015: 309
1-1-2016: 265
1-1-2017: 221
1-1-2018: 176
1-1-2019: 132
1-1-2020: 88
1-1-2021: 44
1-1-2022: 0

Vediamo cioè che all’1-1-2014 si qualificavano come AT1 su base transitoria solo 354 dei 442 mln del cap originale.
Alla stessa data, peraltro, i 44 mln della 862 erano “fuori gioco”, perché avevano passato lo step nel 2013. Quindi i T1 “candidati” erano automaticamente diminuiti da 442 a 398 mln, un numero comunque superiore al cap-2014 di 354 mln.

Questi significa che oggi Raiffeisen mantiene in vita, oltre alla 862 che non conta più, quasi una cinquantina di milioni di “vecchie T1” che non contribuiscono più agli indici di capitalizzazione.

Se dunque Raiffeisen agisse secondo logica economica dovrebbe lanciare una nuova tender per abbassare il livello di “vecchi T1” in circolazione.

Le domande a questo punto sono: “su quale T1 sarebbe mirata questa LME?”; “su entrambe?”.

Non è facile rispondere a questa domanda. Se puntasse alla 025, vorrebbe dire che preferisce risparmiare la cedola più costosa; se puntasse alla 040, che quota intorno a 70, vorrebbe dire che privilegia il capital gain. Ma non è escluso che punti ad entrambe.

Naturalmente questo quadro potrebbe essere ulteriormente modificato, ferme restando le finalità sopra indicate, se la banca volesse approfittare della situazione per lanciare una OPS, magari parziale, tra “vecchie T1” e un nuovo AT1…


Se qualcuno avesse dei commenti a queste considerazioni mi farebbe molto piacere conoscerli….
 

cris71

Forumer storico
Registrato
26 Maggio 2009
Messaggi
1.655
Provo ad impostare qualche ragionamento sull’insieme dei "vecchi T1" di Raiffeisen, al fine di intuire le possibili mosse dell’emittente.

Le considerazioni numeriche esposte qui sotto potrebbero anche servire a chiarire ad alcuni, in modo più generale, come funzionano le regole di Basilea 3. Ho notato che molti non le applicano correttamente, ad esempio riferendo il phase-out del 10% all’anno ai singoli titoli invece che al loro insieme.

Ma veniamo ai T1 di Raiffeisen.

Il punto di partenza è rappresentato dal loro numero in circolazione al 31-12-2012. Prendo per buoni i dati post-tender, che sono molto vicini a quelli presentati nei bilanci RZB ed RBI: 442 mln.

Si tratta di:
+ XS0173287862: 44 mln
+ XS0193631040: 91 mln
+ XS0253262025: 307 mln

Questo (442 mln) è il famoso cap, da scontare del 10% all’anno.

Pertanto, il massimo ammontare grandfathered per gli anni successivi risulta essere il seguente:

1-1-2014: 354 mln
1-1-2015: 309
1-1-2016: 265
1-1-2017: 221
1-1-2018: 176
1-1-2019: 132
1-1-2020: 88
1-1-2021: 44
1-1-2022: 0

Vediamo cioè che all’1-1-2014 si qualificavano come AT1 su base transitoria solo 354 dei 442 mln del cap originale.
Alla stessa data, peraltro, i 44 mln della 862 erano “fuori gioco”, perché avevano passato lo step nel 2013. Quindi i T1 “candidati” erano automaticamente diminuiti da 442 a 398 mln, un numero comunque superiore al cap-2014 di 354 mln.

Questi significa che oggi Raiffeisen mantiene in vita, oltre alla 862 che non conta più, quasi una cinquantina di milioni di “vecchie T1” che non contribuiscono più agli indici di capitalizzazione.

Se dunque Raiffeisen agisse secondo logica economica dovrebbe lanciare una nuova tender per abbassare il livello di “vecchi T1” in circolazione.

Le domande a questo punto sono: “su quale T1 sarebbe mirata questa LME?”; “su entrambe?”.

Non è facile rispondere a questa domanda. Se puntasse alla 025, vorrebbe dire che preferisce risparmiare la cedola più costosa; se puntasse alla 040, che quota intorno a 70, vorrebbe dire che privilegia il capital gain. Ma non è escluso che punti ad entrambe.

Naturalmente questo quadro potrebbe essere ulteriormente modificato, ferme restando le finalità sopra indicate, se la banca volesse approfittare della situazione per lanciare una OPS, magari parziale, tra “vecchie T1” e un nuovo AT1…


Se qualcuno avesse dei commenti a queste considerazioni mi farebbe molto piacere conoscerli….
nell'ipotesi che rzb emetta un nuovo AT1 , pensi che la cedola possa essere in linea o superiore al sub emesso ad ottobre 2013, di cui riporto i dati di seguito:
XS0981632804 scadenza 16/10/2023 6% 500 Mio taglio 100k
 

drbs315

Forumer storico
Registrato
5 Dicembre 2010
Messaggi
4.313
Provo ad impostare qualche ragionamento sull’insieme dei "vecchi T1" di Raiffeisen, al fine di intuire le possibili mosse dell’emittente.

Se qualcuno avesse dei commenti a queste considerazioni mi farebbe molto piacere conoscerli….
Tutto chiarissimo. Aggiungo solo una considerazione, chiedendoti anche un'opinione sull'argomento: quanto pensi le questioni aperte di HAA e ucraina (che mi pare tocchi da vicino Rzb) possano influenzare la tempistica dell'eventuale LME? Ovvero, se pensiamo a un'OPS, ad esempio, con nuova AT1 sulla 040 e a una call delle altre due (passare direttamente dalla call per la 040 mi sembra un pò ottimistico) l'evoluzione della situazione (già in caso di partecipazione alla bad bank di HAA, o contributo alle perdite più o meno diretto) potrebbe portare a una revisione per lo meno delle tempistiche dell'iniziativa.
Io non mi aspetto nulla di concreto prima, almeno, che la situazione austriaca sia risolta; per quella ucraina non so farmi un'idea. Tu che dici?
 

Users Who Are Viewing This Discussione (Users: 0, Guests: 1)

Alto