Rispose: «Ricordatevi che gli italiani non sono cretini»

Discussione in 'Macroeconomia - Politiche economiche' iniziata da tontolina, 18 Maggio 2013.

    18 Maggio 2013
  1. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    37.990
    Paolo Savona: non siamo cretini, dobbiamo uscire dall’euro

    Paolo Savona: non siamo cretini, dobbiamo uscire dall?euro | LIBRE
    [​IMG]
    L’incontro tra la Merkel e Hollande non sembra aver rasserenato gli animi sulla possibilità che la politica fiscale europea cambi registro. Parrebbe che Monti sia rientrato rabbuiato da Bruxelles.

    Neanche la notizia che la Grecia è in cattive acque sembra spaventare la Germania, che resta la maggiore beneficiaria dell’euro così com’è, in quanto le sue esportazioni godono di un rapporto di cambio (per essa, non per noi) sottovalutato.

    Il Fmi, per bocca della signora Lagarde, ha ammesso che la Grecia può uscire senza traumi per l’euro, a conferma che ci stanno seriamente pensando e preparando, la quale cosa non sembra stia facendo l’Italia, almeno dalle reazioni, ma ancor più dai silenzi seguiti alla mia richiesta, avanzata su questo stesso quotidiano dall’agosto scorso, di avere pronto un Piano B, un programma di uscita ordinata dall’euro.
    Il rifiuto di discutere apertamente della possibilità che si decida di uscire dall’euro, o prepararsi a farlo se la realtà ce lo imponesse, ha la stessa

    matrice persistente del rifiuto di sottoporre al voto popolare la decisione di entrarci, per responsabilizzare i cittadini nell’intraprendere la “rivoluzione monetaria” (perché tale era). Si è preferito illuderlo sostenendo che sarebbe stata la panacea dei nostri mali economici e il presupposto per lo sviluppo.



    Uno studio commissionato per volontà della Commissione guidata da Delors e condotto da un italiano, Paolo Cecchini, prometteva una crescita reale nell’ordine del 4-6 per cento e grande stabilità monetaria. Le conclusioni del rapporto furono prese a base del documento usato per propiziare la firma del trattato di Maastricht e indicava i vantaggi della liberalizzazione dei mercati e i benefici che si sarebbero persi se non si fosse firmato.
    [​IMG]
    Stento a credere che Guido Carli potesse credere che così fosse, mentre so per certo che egli avesse perso fiducia nella capacità degli italiani di sapersi dare comportamenti coerenti con le necessità del nuovo quadro geopolitico e geoeconomico e, pertanto, fosse necessario rinforzare il “vincolo esterno”. Lunghe discussioni e importanti impegni operativi con questo mio grande maestro, da me affidate postume a un pamphlet intitolato “L’Europa dai piedi di argilla” (Scheiwiller 1995), mi suggerivano che l’architettura europea non rispondesse agli obiettivi di crescita e che gli italiani dovessero essere coinvolti nella scelta e non essere trattati da cretini.
    Prendevo infatti a prestito da Carli una memorabile battuta, che egli stesso riferì, di una riunione del Cipe in cui si svolse una disputa sulla ripartizione degli incarichi pubblici e rimase silente fintanto che gli venne chiesto quale fosse il suo giudizio. Rispose: «Ricordatevi che gli italiani non sono cretini». Eppure sono stati trattati come tali e ancora lo sono.

    E non solo per l’euro.

    Per studi, per esperienza familiare e sociale e per carattere ritengo che gli italiani non siano cretini e capiscono ciò che a loro convenga o non convenga; come tali, sono capaci di sacrifici di fronte a situazioni difficili che lo richiedano.
    Abbiamo un carattere che altri non capiscono e che sovente i governanti non contribuiscono a chiarire. Il dibattito politico e culturale certamente non li aiuta a capire, ma messi di fronte alle scelte, scelgono, e nessuno, neanche le “élite illuminate”, possono o sono autorizzate a sostituirsi a essi nell’esercizio di questo compito civile.

    Si chiama democrazia e la ripresa, anche in Europa, passa dal ripristino di questo meccanismo rozzo, ma importante per i sistemi di libertà. Prima lo capiamo, meglio è.
    (Paolo Savona, “Urge per l’Italia un Piano-B per un’uscita ordinata dall’euro”, da “Il Foglio” del 18 maggio 2012; economista e docente universitario, Savona fu ministro dell’industria nel governo Ciampi).
    Articoli collegati

    La scommessa di Hollande: il rigore lo paghino i ricchi
    Ma l'Europa siamo noi, non la larva che ci impone sacrifici
    Fiscal Compact, l'usura è legge: la libertà dell'Italia è finita
    Italia condannata: Monti ci prenota vent'anni di orrori
    Il Telegraph: muoia la Grecia, un piano deciso dall'inferno
    Europa solidale sul debito, o tornerà l'orrore della storia
    Avviso agli italiani: scordiamoci il centrosinistra, è morto
    Vero affare: ora Monti regala agli strozzini il nostro futuro
    Panico: se salta Atene, chiudono i bancomat in tutt'Europa
    Financial Times: euro-panico e nazisti, la storia si ripete?
    L'evasione? Un dramma, ma solo da quando c'è l'euro
    Fine dell'euro in sei mesi, prima che salti in aria l'Europa
    Euro-rancore: la Germania che non perdona gli ebrei
    Come resuscitare l'Emilia terremotata? Facile: senza l'euro
    Sciagurati eurocrati, cosa state facendo al nostro paese?
    Rai-choc: bugiardi e criminali, i mandanti di Monti ci odiano
    Traditi da Giuda: il cattivo allievo, non il cattivo maestro
    Parguez: con l'euro si avvera oggi il sogno dei fan di Hitle
     
  2. 18 Maggio 2013
  3. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    37.990
  4. 19 Maggio 2013
  5. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    37.990
  6. 20 Maggio 2013
  7. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    37.990
  8. 20 Maggio 2013
  9. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    37.990
    Notizia di un paio di giorni fa, ma che stranamente è stata subito "nascosta" anzichè innescare il solito turbinio di polemiche.
    Silenzi che puzzano d'inciucio.

    Eppure è un episodio secondo me GRAVISSIMO. Cose che a Roma non si vedevano dai tempi della BANDA DELLA MAGLIANA.
    Ecco la proverbiale "sicurezza" della Giunta AleMAGNO. (VB)
    Tiro a segno contro le donne in auto Sulla Togliatti spari da una Smart, nessun ferito - Roma - Repubblica.it
     
  10. 22 Maggio 2013
  11. tontolina

    tontolina New Member

    Registrato:
    12 Marzo 2002
    Messaggi:
    37.990

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 0)

Condividi questa Pagina